Sabato , 30 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mario Calabresi. Spingendo la notte più in là
05 Luglio 2014
 

Mario Calabresi

Spingendo la notte più in là

Storia della mia famiglia e di altre vittime del terrorismo

Mondadori, 2007, pp. 130, € 14,50

 

Mario Calabresi scrive il libro più difficile della sua vita, quello che ha pensato di realizzare per anni – ogni volta in modo diverso – ma che ha sempre evitato di concepire come una replica astiosa a troppe accuse infamanti. Spingendo la notte più in là racconta la storia della sua famiglia, distrutta dal terrorismo, da un atto insensato organizzato nelle segrete stanze dell’estrema sinistra italiana, avallato da articoli di fuoco pubblicati da quotidiani come Lotta Continua. Non solo, narra altre vittime della barbarie terroristica – poliziotti, giornalisti, medici, agenti di scorta, servitori dello Stato caduti a difesa delle istituzioni –, veri figli del popolo (come diceva Pasolini) eliminati da un’élite intellettuale che giocava (con il fuoco) alla rivoluzione. Mario Calabresi è figlio di Luigi, il commissario di polizia assassinato perché qualcuno aveva costruito la leggenda del boia addestrato dalla CIA reo di aver ucciso e gettato dalla finestra l’anarchico Pinelli. Spingendo la notte più in là parla alla coscienza di tutti noi, mi fa vergognare di aver ascoltato e persino canticchiato la cialtronesca canzone di Claudio Lolli che racconta la morte di Pinelli secondo le veline di Sofri e di Lotta Continua. Mi fa ricordare che negli anni Settanta e Ottanta ci avevano convinto che la realtà virtuale del commissario assassino fosse realtà storica. Gente come Giampiero Mughini, Erri De Luca – che parlano e scrivono ancora! –, persino Adriano Sofri – che scrive su Repubblica e io mi rifiuto i leggerlo! – adesso sono venerati come opinionisti e scrittori di rango, mentre con i loro articoli, con assurde opinioni dettero via libera all’omicidio di un servitore dello Stato. Mario Calabresi non si lascia andare ad alcun desiderio di vendetta in un libro che nel finale tocca vette di pura poesia quando l’autore segue la voce del padre e del nonno e decide che tutto sommato la cosa migliora è scommettere tutto sull’amore per la vita. È l’insegnamento della madre, l’idea che ha sempre seguito convinto di non sbagliare, anche quando ha visto uscire dal carcere – persino graziati! – gente come Ovidio Bompressi e Adriano Sofri.

L’obiettivo del libro è quello di contribuire alla pacificazione nazionale, superare un tragico momento storico della nostra vita, quando per morire era sufficiente fare il giornalista o il magistrato, solo perché un tribunale del popolo aveva deciso la tua sorte. Mario Calabresi mi ha fatto ricordare che vedo spesso Renato Curcio alle fiere del libro, ché lui come me è un piccolo editore, manda avanti Sensibili alle foglie, realtà più conosciuta del mio Foglio Letterario, per meriti di lotta politica. Ecco, io non ho avuto nessuna vittima in famiglia da quella stagione del terrore, ma non mi è mai venuta voglia di scambiare qualche parola con Renato Curcio. Io sono un vero figlio del popolo, uno di quelli che diceva Pasolini. Non lui, dispensatore di morte e di aberranti ideologie. Grazie Mario Calabresi per questo libro. Leggerlo fa bene al cuore.

 

Gordiano Lupi


Articoli correlati

  Sandro Fancello. Dieci capitoli sul Sessantotto. 7 e 8
  Gordiano Lupi. Yoani Sánchez, in attesa della primavera
  Daniele Dell'Agnola. “Cosa tiene accese le stelle?” di Mario Calabresi
  Mario Calabresi. La fortuna non esiste
  Piero Cappelli: Quando la Vita va avanti... dopo la morte del commissario Calabresi.
  Gianfranco Spadaccia. Caso Pinelli
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 1
  Gordiano Lupi. È vero che il giorno sapeva di sporco: il Claudio Lolli di Mario Bonanno
  Gordiano Lupi. I miei libri estivi
  Ieshu di Erri De Luca. Con la sand art di Paola Saracini
  Roberto Fantini. Conversazione con Sara Culzoni, autrice di Beit Dabar
  Erri De Luca. “Non è da lì che vieni”
  Quando l’alchimia dell’arte riesce nella sua formula
  Forum/ M’impegno in versi: “è ancora possibile una poesia utile alla collettività?”
  Erri De Luca. Pasqua: festa per i migratori che si affrettano al viaggio
  Su Sainte-Victoire, in Francia, una marcia in montagna a sostegno di Erri De Luca e per la libertà di parola
  Erri De Luca ospite di FestTeatro con “Chisciotte e gli invincibili”
  Vetrina/ Erri De Luca. La Terra Europa
  Paola Mara De Maestri. Ad Aprica serata “di fuoco e di acqua”
  Marisa Cecchetti. “Guerra in Cecenia” di Francesco Bigazzi
  La marcia di Pasqua per l'amnistia
  Adriano Sofri. Così uno sfratto trasforma il radicalismo da prassi nonviolenta a dottrina
  Sandro Fancello. Dieci capitoli sul Sessantotto. 9 e 10
  Maria Lanciotti. “La Pantera siamo noi” trent’anni dopo 2
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy