Giovedì , 20 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Bianca Ceresara Declich. S. Anna di Stazzema. L’ECCIDIO 
In volume il viaggio-ricerca di Sergio Caivano
04 Aprile 2013
 

S. Anna di Stazzema, L’eccidio. È il titolo dell’ultima pubblicazione di Sergio Caivano, fresca di stampa, copiato dal cartello posto sull’autostrada che va da Genova a Livorno, all’altezza della Versilia. Si tratta d’un libro di 73 pagine, che si legge agevolmente per la scorrevolezza della scrittura, rivivendo, a mano a mano che si procede nel testo, il “pathos profondo” di cui parla nella sua Introduzione l’autore.

Egli ha visitato il piccolo paese martire qualche anno fa, spinto dalla lettura del libro di Franco Giustolisi, L’armadio della vergogna. Com’è noto, nel 1994 fu scoperto dal giudice Antonino Antelisano, nella sede della Procura generale militare a Roma, un armadio, chiuso, con le ante rivolte verso il muro, protetto da un cancello di ferro. Lì erano occultati 695 fascicoli, di cui 280 rubricati a carico di ignoti nazisti e fascisti, gli altri 415, invece, a carico di militari tedeschi e italiani identificati. L’elenco proveniva dal comando dei servizi segreti britannici, che avevano raccolto le denunce dei parenti delle vittime, integrandole con accertamenti e rapide istruttorie. I giudici italiani pensarono bene di rendere pubbliche le denunce contro ignoti, ma solo dal 1960 in poi, e di trattenere nell’armadio gli elenchi con nomi e cognomi dei criminali. Perché? La ragione principale, non l’unica, va forse individuata nell’opportunità di nascondere i crimini perpetrati dalle truppe tedesche in Italia in un diverso quadro internazionale che vedeva la rinnovata e democratica Germania di Adenauer a fianco della Nato in funzione antisovietica. E così giustizia non è stata fatta né allora né adesso, perché i superstiti della strage di Sant’Anna, condannati all’ergastolo dalla magistratura italiana, sono stati prosciolti dalla magistratura tedesca di Stoccarda con l’affermazione che non ci sarebbero prove sufficienti che abbiano partecipato all’eccidio! A commento leggiamo nel libro: «Con questa sentenza la strage del piccolo borgo apuano resta impunita».

Il racconto della visita non è all’inizio, ma segue le pagine dedicate alla strage, collocate in posizione centrale. L’opera è, infatti, molto ben strutturata, con brevi capitoli corredati da ricco materiale fotografico. Quelli che precedono il principale, che racconta l’eccidio, servono a inquadrare l’episodio di Sant’Anna all’interno del sistema terroristico tedesco, che fu talora frutto di iniziative autonome di singoli gruppi, ma per lo più venne pianificato dall’alto, soprattutto dopo che il feldmaresciallo Kesselring aveva concesso carta bianca a qualsiasi forma di repressione.

Riassunta la vicenda dell’armadio della vergogna, il testo prosegue con l’evocazione di alcune stragi nazifasciste in Italia fin dal settembre ’43 per soffermarsi, poi, più a lungo su quanto accadde a sud della linea Gotica, dove i numerosi episodi di barbarie mostrano un salto di qualità rispetto alle precedenti operazioni. Occorreva ai tedeschi tener sgombra dalla presenza partigiana la zona a valle del fronte. Così, al fine di stroncare ogni possibile collegamento tra patrioti e popolazione, fu scatenata quella che gli storici definiscono “guerra ai civili” con massacri efferati in un crescendo di violenza. Il capitolo ne enumera diversi, preparando, in tal modo, il successivo racconto della strage di Sant’Anna. Questa non è qualitativamente diversa dalle precedenti e successive; se ne distingue solo per lo spaventoso numero delle vittime, 560 innocenti. Scrive il Caivano: «Vengono trucidati due parroci, 300 donne, fra cui quelle incinte, dopo aver subito trattamenti agghiaccianti, 140 ragazzi e bambini, la più piccola Anna Pardini di soli venti giorni, 120 vecchi». I cadaveri verranno bruciati con i lanciafiamme.

I capitoli che seguono il racconto della visita al paese sono, per lo più, riferiti al presente, con interessanti testimonianze di alcuni superstiti. Ne cito solo una, quella di Enio Mancini, allora ragazzo, che si salvò, lui e la sua famiglia, perché il soldato tedesco incaricato di ucciderli li fece invece fuggire, sparando in alto per simulare l’avvenuta esecuzione. Ormai morto il soldato buono nel 1990, Enio Mancini ha potuto conoscerne il nipote a Roma nel 2010 in un incontro denso di commozione da entrambe le parti.

Perché gli anziani ricordino – Perché i giovani sappiano: sta scritto all’interno della copertina. Un buon motivo per leggere il libro.

 

Bianca Ceresara Declich


Articoli correlati

  Sergio Caivano. Ideale Cannella
  Sergio Caivano. La battaglia di Mello (1° ottobre 1944)
  Annagloria Del Piano. 25 Aprile: Festa della Liberazione
  Sergio Caivano. La battaglia di Buglio in Monte (16 giugno 1944)
  Sergio Caivano. L’ANPI rende onore a Giorgio Bocca
  Sergio Caivano. L'ANPI contro la violenza, contro il fascismo, per la democrazia
  Resistenza e liberazione in Valtellina e Valchiavenna
  Attualità del Partigiano
  Biblioteca civica “Ezio Vanoni” di Morbegno. Incontri di inizio estate
  Sergio Caivano. Le lettere dei partigiani italiani
  Sergio Caivano. Discorso del 25 aprile 2011 a Tirano
  Sergio Caivano. Resistenza e Liberazione nelle nostre Valli
  Sergio Caivano. Sulla scritta di Grosio
  Sergio Caivano. Traccia per il discorso del 25 aprile 2013 a Sondrio
  Claudia Buratti. Sant'Anna di Stazzema piange la sua “Poldina”, custode della memoria di un paese
  Riccardo Cardellicchio. Spike Lee e la strage di Sant’Anna di Stazzema. Miracolo dubbioso.
  Lidia Menapace su Spike Lee
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy