Martedì , 26 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > Lo scaffale di Tellus
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Patrizia Garofalo. Si ricompone “il sentimento del contrario” nei quadri di Lautrec 
Ristampa per “L'ingrato” di Sacha Naspini
16 Gennaio 2011
 

Sacha Naspini

L’ingrato

Effequ, 2006, pagg. 243, € 9,00

 

Il romanzo di Sacha Naspini, fotografo e grafico oltre che valido scrittore, vive nelle pagine l’eco segreto di voci e protagonisti in una sequenzialità cinematografica, impostazione di scene multiple nelle quali l’autore mette a fuoco, secondo particolari riprese di avvicinamento ed allontanamento, il vocìo, la perfidia, l’egoismo e l’amore in una cifra stilistica polimorfa nel suo ironico e continuo variare. L’ironia è termine derivato dal greco “finzione” non nel senso comune del termine, ma viene ad indicare un’azione di depistaggio che “smaschera” e che, in questo lavoro di Naspini, coglie in modo sapiente gli aspetti multipli di una storia di paese.

«Luigino Sarcoli Calamaio aveva trascorso quegli ultimi vent’anni in uno dei tanti paesini che fanno da satellite sulle colline di bassa Maremma», era al suo ultimo anno d’insegnamento e aveva la passione di “impastare” sulla tela i quadri di Toulouse Lautrec. Nell’angusto spazio del sottoscala viveva emozioni, desiderio di affetto, di baci carnali e appassionati dei festosi cabaret di Parigi. Dipingeva con foga quelle donne, come a rubare loro un bacio e un po’ di conforto. La sua giornata di maestro s’alternava alla sua notte trasognata dai colori che inzuppavano pennelli ed eccitavano la sua fantasia e un’alterità fra agito e vissuto. Fanno da coro nella vicenda esistenziale del maestro, le voci pettegole del paese, presentate da Naspini con una grafia diversa che intervalla la centralità della storia e ne snoda un’altra mista di misteri, incomprensioni ed egoismi. È vero tutto quello che ognuno si costruisce e la relazione con il riso, con la relatività nella molteplicità del reale è strettissima e rimanda all’inquietitudine di Pirandello, di Bergson e sottende indubbiamente anche la pittura di Lautrec.

La vita, quella del maestro Calamaio, respirava spiando alla finestra di un mondo che gli scorreva davanti e del quale doveva ammettere di avere un po’ d’invidia, per i giovani soprattutto, per quelli che avevano davanti ancora anni, prospettive, sogni come forse anche la sua ex-alunna ormai grande. Aveva riconosciuto Claretta Rambaldi dallo svolazzare della gonna e l’aveva avvicinata per salutarla dopo tanti anni al bar.

«Oh, non mi riconosce?»

«Lo so chi sei».

Si era avviato a scuola frastornato dimenticando di passare sotto i portici. «Ma il Calamaio altro che fiori che fa! E tutte quelle gonnelle all’aria, tutte quelle donne messe per storto…Mah… sarà anche arte. A me pare roba da concio».

Ecco, da qui s’intreccia la storia che da subito vede il maestro presenza-straniera veicolata da un regia attenta dello scrittore nelle angustie di un paesino che dopo tanto vociare lo definirà “ingrato”. «Be', io non sono certo una di facili giudizi, nossignore, ma alla fine bisogna che lo dica: questo signori miei non è altro che un ingrato». Gli uomini in genere hanno bisogno di non avere dubbi, di etichettare, sancire, giudicare, sentenziare. Insopportabile sarebbe una rimessa in gioco di se stessi che al contrario avverrà in modo “inconsueto” proprio in quell’omino serio e meticoloso a scuola e con qualche vizietto… forse.

«La Chiaretta Rambaldi lo fissava di rimando dall’altra parte della camera, chiusa in una tela, imbronciata e intensa come la Carmen del Lautrec».

 

Patrizia Garofalo


Articoli correlati

  Il Foglio alla Fiera della MicroEditoria di Chiari
  “Pisa Book Festival”. I Sassi del piombinese Sacha Naspini il libro più venduto
  Piombino. Vent’anni di Foglio Letterario
  Gordiano Lupi presenta “Il gran diavolo” di Sacha Naspini
  Gordiano Lupi. “Ciò che Dio unisce” di Sacha Naspini
  Gordiano Lupi. “Le case del malcontento” di Sacha Naspini
  Voras Edizioni. Il coraggio di provarci…
  Sacha Naspini. I Cariolanti
  Gordiano Lupi. I signori della notte
  Piombino. Novembre piovono libri
  Gordiano Lupi. “I Cariolanti” di Sacha Naspini
  “Ottobre Piovono Libri” a Piombino
  NNI 18. Sacha Naspini
  Sacha Naspini. Pagalamòssa!
  Alberto Figliolia. “Ossigeno” di Sacha Naspini
  Sacha Naspini. Noir Désir
  Sacha Naspini. Le nostre assenze
  Gordiano Lupi. Il nuovo corso PerdisaPop
  Lupi su Cuba a Bologna. Aperitivo letterario venerdì alle 18
  I sassi di Sacha Naspini
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy