Martedì , 11 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carlo Oliva. Arredi controversi
Carlo Oliva
Carlo Oliva 
06 Novembre 2009
 

Vi propongo “in anteprima” lo scritto di Carlo Oliva che apparirà in apertura del prossimo numero di A rivista anarchica (n. 349, dicembre 2009-gennaio 2010). (Paolo Finzi)



clericalismo

Arredi controversi

A proposito della sentenza della Corte europea dei diritti umani in tema di crocefissi nelle scuole. E del gioco delle tre carte da parte delle gerarchie ecclesiastiche


Forse non ci crederete, ma per una volta capisco l'imbarazzo dei leader della sinistra, nessuno escluso, di fronte alla pronuncia della Corte europea dei diritti umani in tema di esposizione del Crocifisso nelle aule scolastiche del paese. Hanno già tante di quelle grane, poveretti, che l'ultima cosa che oggi possano desiderare è una rissa con la chiesa cattolica su una questione di puro principio, rissa che, per di più, offrirebbe al governo su un piatto d'argento l'occasione di guadagnarsi, con la strenua difesa di quella pratica, ulteriori appoggi in Vaticano. Con un poco di sforzo in più, mi sentirei persino tentato di dare ragione a Bersani quando, in nome del “buon senso”, parla di “un'antica tradizione” che “non può essere offensiva per nessuno”. Qualcuno, in realtà, offeso si sarà ben sentito, tant'è vero che la causa, pur rigettata da molti tribunali italiani, è stata ostinatamente portata avanti fino ad arrivare a Strasburgo, ma anche vero che, in genere, gli utenti delle scuole (e degli ospedali) vivono la presenza di quel simbolo sulle pareti come quella di un puro oggetto di arredamento, cui si è avvezzi da sempre e al quale si annette, di solito, ben poco significato.


Carattere nazionale?

Falso.


Tuttavia, su questo confortante convincimento non ci si può proprio adagiare. Ci sono delle questioni che, una volta poste, vanno risolte per forza e possono, ahimè, essere risolte solo in un senso. Non si può dubitare, con tutta la buona volontà del mondo, che il Crocifisso sia un simbolo religioso cristiano e non si può negare, di conseguenza, a chi cristiano non è tutto il diritto di rifiutare la sua presenza. Stop. Quelli che, come il cardinale Giovan Battista Re, dichiarano la propria “delusione mista a sgomento” per un pronunciamento “incomprensibile, imprevisto e che non può non lasciare sgomenti”, perché riferito a un simbolo “che non può non essere emblema di umanità condivisa universalmente”, non fanno altro che prodursi in una specie di gioco delle tre carte ideologico, adibendo una spessa cortina di parole per fare sparire dietro la pretesa universalità del simbolo il suo fin troppo evidente significato di parte. E non vale molto di più il sofisma cui si aggrappano da sempre in Italia autorità e tribunali, quello per cui, per dirla con la ministra Gelmini, quella presenza “non significa adesione al cristianesimo”, ma è “un simbolo della nostra tradizione”, o, come ha sostenuto il portavoce della Santa sede, è materia “profondamente legata all'identità storica, culturale, spirituale del popolo italiano”. L'argomento è falso, perché mai quel simbolo ha avuto carattere nazionale o di identità nazionale – la chiesa stessa ne rivendica da sempre il significato universale – e se pur non lo fosse sarebbe comunque irrilevante, perché significherebbe che dalla identità e dalla tradizione italiana vanno considerati esclusi coloro che non si riconoscono nel cristianesimo, o che la loro identità, per così dire, è di secondo rango, che è appunto il nodo di fondo di tutto il problema. Ed è vero che l'Uomo in croce è un simbolo universale di umanità sofferente, ma due millenni di storia ne hanno sequestrato l'immagine a vantaggio di una struttura che sulle sofferenze altrui ha costruito e spesso esaltato il potere proprio. Ineccepibile nei luoghi di devozione privata, il suo uso negli stabilimenti pubblici ha il valore ostensivo di qualsiasi altra bandiera: si innalza per ricordare ad amici e nemici chi è chi comanda.


Sommamente

sgradevole, ma…


Tutto questo, me ne rendo conto per primo, di fronte alla felpata cerimoniosità con cui si esprimono gli ecclesiastici sull'argomento, può suonare molto scortese ed è sommamente sgradevole per chi rifugge, in questa materia, dalle polemiche aspre. Ma non è colpa mia se l'unico argomento che si può sensatamente invocare per mantenere lo status quo è quello della convenienza, che, notoriamente, non ha un gran valore né giuridico né teorico. Lo status quo che la convenienza consiglierebbe di conservare, poi, è costruito su un equivoco e gli equivoci di questo tipo reggono solo fino a un certo punto. Checché ne pensino ministri e politici vari di entrambe le obbedienze, non si possono servire due padroni e la laicità, comunque intesa, non si concilia con l'ossequio alle direttive di una organizzazione come la chiesa cattolica, che non ammette la libertà di pensiero e rivendica il diritto di uniformare le leggi secolari alle proprie direttive. Il problema può essere imbarazzante da risolvere, ma se la sono voluta.


Carlo Oliva


Articoli correlati

  Attilio Doni. Ai cristiani che vogliono il crocifisso nelle aule scolastiche o sulla bandiera
  Vacanze in Montenegro. Re Nicola più avveduto del Consiglio di Stato
  La sentenza della Corte europea sul crocifisso al Consiglio comunale di Morbegno
  Renato Pierri. Un discorso dal Crocifisso
  “Scuola e Diritti”. La libertà in croce
  Vincenzo Donvito. Crocifisso a scuola. Corte Strasburgo lo condanna. E ora che farà il nostro Stato?
  Rosario Amico Roxas. 21 novembre 2009: Lettera aperta al sig. Papa
  Paolo Diodati. Risarcimento per danni morali
  Un David H. Thoreau a Rimini. È il giudice Luigi Tosti, che si batte per una giustizia autenticamente laica
  La fede si vive nelle coscienze... / Traguardo di civiltà la pronuncia della Corte Europea dei diritti dell'uomo
  “Scuola e Diritti”. La libertà in croce
  Scuola e Costituzione. Il giudice spagnolo, l'Avvenire, Calderoli
  Le quotidiane ferite alla laicità dello Stato
  Rosario Amico Roxas: Il Crocifisso come tradizione.
  Rossella Baldini. Crocifisso simbolo religioso o laico?
  Crocifisso. Senatori Radicali interrogano Maroni su sicurezza famiglia ricorrente
  Marco Cappato. Crocifisso: da Mussolini a Bossi (Renzo) non è detto che la tragedia si riduca a farsa
  Rosangela Pesenti / Lidia Menapace. Scambiandosi quattro parole durante un “volantinaggio” per la giornata del 28 novembre
  Vittorio Giorgini: Il Crocifisso
  La sentenza di Strasburgo sul Crocifisso: un’offesa al “buon senso”?
  Antonia Sani. In difesa del professor Coppoli
  Collettivo Olandese Volante. “Derive” Parole, forme, coabitazioni o…
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 4 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy