Martedì , 22 Ottobre 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gino Songini. Il rischio nucleare 
Brevi note su di una scelta che può assumere dimensioni non quantificabili nei suoi effetti spazio-temporali
11 Ottobre 2009
 

Sono trascorsi ventitré anni da quel tragico 26 aprile 1986, quando avvenne il disastro di Chernobyl. L'esplosione di un reattore della centrale termonucleare “Lenin” provocò un gran numero di morti e determinò gravissime conseguenze per la salute di decine di migliaia di persone (soprattutto bambini). Una vasta zona nei dintorni di Kiev dovette essere abbandonata e 130.000 persone dovettero lasciare per sempre le loro case. Enormi problemi di bonifica ambientale si presentarono ai tecnici giunti in Ucraina da ogni parte del mondo, problemi che ancora oggi sono ben lungi dall'essere risolti.

L'evento determinò una vivissima reazione emotiva a livello europeo e mondiale, parecchi scienziati si indussero a rivedere le loro posizioni, molti paesi del Vecchio Continente abbandonarono la strada dell'atomo. Nel referendum del 1987 gli italiani si espressero in larghissima maggioranza (80%) contro il nucleare. Le tre centrali atomiche allora in funzione (Latina, Garigliano e Caorso) furono chiuse e i lavori per quella in costruzione a Montalto di Castro furono bloccati. Il pensiero che si potesse ripetere un disastro come quello avvenuto in Ucraina faceva giustamente paura a popoli e governi. A ventitré anni di distanza pare che gran parte di quelle (sacrosante) paure siano dimenticate. Nella pressoché generale indifferenza il Senato ha approvato la legge che consentirà all'Enel la costruzione di 6-8 centrali nucleari che entreranno in funzione a partire dal 2018.

Chi scrive, affrontando questo argomento, si è innanzitutto posto la solita ovvia domanda: è bene per chi non è esperto di certe questioni trattare delle medesime ed esprimere pareri? La domanda nasce evidentemente dal fatto che il sottoscritto non si è mai particolarmente occupato di problemi energetici e tanto meno di atomo e di energia nucleare. Ma la risposta, almeno per me, è scontata: anche il più inesperto dei cittadini ha diritto di dire e di esprimersi su tutto ciò che gli pare, tanto più su di un tema che riguarda la vita di ciascuno di noi e quella delle generazioni che verranno. Diversamente dovremmo sempre tacere e lasciare dire e fare ai soliti “esperti” o presunti tali. Del resto già sant'Agostino, milleseicento anni or sono, ebbe a scrivere che, a volte, «gli ignoranti ammaestrano i sapienti». E allora sia permesso anche al sottoscritto di dire la sua su di una così grave questione.

Viene prima di tutto da chiedersi: ma è poi così vero che abbiamo bisogno di una ulteriore quantità di energia elettrica per le nostre case, per le nostre fabbriche e per le nostre strutture civili? I dati ultimamente diffusi dalle competenti agenzie ci parlano di un netto calo della domanda energetica, anche a causa della crisi economica che stiamo vivendo. Chiediamoci ad esempio: abbiamo proprio bisogno di altri condizionatori d'aria per difenderci dal caldo dell'estate? O ancora: quanto potremmo risparmiare isolando un po' meglio le nostre case? È giusto che al dilagante inquinamento luminoso si aggiungano per mesi luminarie natalizie assolutamente eccessive? È vero o non è vero che soltanto con un poco più di attenzione agli sprechi energetici (non è necessario ricordarli, ne abbiamo davanti agli occhi mille esempi) potremmo risparmiare il 20% dei consumi elettrici del nostro paese? È vero o non è vero che il nucleare, una volta entrate in funzione le centrali progettate, potrà fornirci non più del 25% del fabbisogno di energia elettrica? Forse sarebbe il caso di valutare se, per questa modestissima differenza, convenga imbarcarci nuovamente in un'avventura che, oltre alla sempre incombente nube atomica, ci porterà a produrre scorie che resteranno attive e spaventosamente pericolose per migliaia di anni. È stato calcolato, purtroppo con una certa esattezza, che le barre usate nelle centrali nucleari dovrebbero rimanere sepolte dentro profondissime e apposite falde per 100mila anni prima di diventare innocue. Di fronte a una tale prospettiva io non intendo discutere di troppe cose, né di programmi energetici a breve o a lunga scadenza, né di fantomatici sistemi di sicurezza (sempre di là da venire), né dell'esistenza di centrali nucleari sul territorio della Francia e della Svizzera. Io dico no, ancora no, soltanto no, e basta. Ritengo immorale che oltre a pregiudicare la qualità della nostra vita (un'altra Chernobyl è, Dio non voglia, sempre possibile) noi possiamo mettere una tremenda ipoteca, per migliaia di anni, sulla vita delle generazioni future. Di fronte a queste considerazioni non intendo farmi condizionare da programmi di governo più o meno improvvisati, né dalle scelte energetiche della Francia e della Svizzera. Saranno Francesi e Svizzeri semmai a farsi carico della situazione che hanno determinato.

Dopo il disastro di Chernobyl Mario Pirani, editorialista di Repubblica, pubblicò un famoso articolo dal titolo kantiano “La nube sopra di noi, il dubbio dentro di noi”. Pirani, che fino ad allora era stato sostenitore convinto del nucleare, si pose drammatici interrogativi dopo la catastrofe avvenuta nell'allora Unione Sovietica. Personalmente non sono mai stato per il nucleare, né prima di Chernobyl né dopo. Non ho vissuto pertanto la “conversione” di Pirani o di altri. In questo campo non ho mai avuto esitazioni. Ho invece sempre coltivato un sogno, quello cioè di vedere la comunità scientifica internazionale unire le sue forze per giungere a sfruttare pienamente le fonti di energia naturali delle quali abbondano il cielo e la terra: il sole, il vento, il mare, ecc. Ma... chi vivrà vedrà.

Intanto mi basterebbe che la gente si svegliasse e prendesse posizione su di una questione troppo importante per lasciare che si esaurisca in uno stanco e semiclandestino dibattito parlamentare. Perché, lo ripeto, non si tratta soltanto della nostra vita, ma anche di quella dei nostri figli e dei figli dei nostri figli.


Gino Songini

(da 'l Gazetin, agosto 2009)


Articoli correlati

  Carlotta Caldonazzo. Un accordo sul nucleare: necessità non necessaria
  Emma Bonino. Nucleare: e ora chi paga?
  Adriano Celentano. Referendum: “Questo voto è l’unico mezzo per sopravvivere, fidatevi”
  Roberto Malini. Nucleare: il mondo è in grave pericolo
  La mostra Senzatomica approda a Sondrio
  No alla guerra, No al nucleare: il fumetto di un “figlio di Nagasaki”
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  Movimento Nonviolento. Digiuno: un'azione nonviolenta per Libia e Giappone, militare e nucleare
  Giovani democratici Sondrio. Spot del Forum Nucleare: siamo sicuri sia obiettivo?
  Primo Mastrantoni. Nucleare. Auto giapponesi radioattive. Questa energia non conviene mai
  Alfonso Navarra. A Vienna passi avanti verso il disarmo nucleare?
  Primo Mastrantoni. Nucleare e il ministro Prestigiacomo. Quando il silenzio è d'oro
  Michele Boato. Nucleare fuorilegge
  Bruna Spagnuolo: L’insensatezza delle centrali di terza generazione
  Valter Vecellio. Nucleare. Discutiamone
  Bruno Mellano. Nucleare: “Berlusconi preannuncia l'uso dell'esercito ed anticipa venti di burrasca”
  Mario Staderini. Nucleare, acqua...: la conoscenza è quel che serve davvero
  Bruna Spagnuolo: Misteri dolorosi del rosario in giorni concessi al genere umano
  Conviene, o risolve, tornare al nucleare?
  Bruna Spagnuolo: La fabbrica del sogno-speranza
  Nucleare. Berlusconi passi dal decisionismo alla decisione. Si ricordi di Scanzano Jonico
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo messaggio di Miki
  Elisabetta Zamparutti. Nucleare. L'Italia sempre fuori tempo
  Maria G. Di Rienzo. Un brutto film
  Seminario Antinucleare in Valle Susa con Radio Radicale
  Primo Mastrantoni. Nucleare: Fukushima e il Plutonio del quale non s'è parlato
  Referendum 12-13 giugno. E se concretizzassimo una bella sorpresa?
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Referendum, campagna già fuorilegge
  Primo Mastrantoni. Nucleare. Il Governo approva i criteri ma non individua i siti
  Primo Mastrantoni. Nucleare? Al consumatore non conviene
  Energia. Le centrali nucleari non servono
  Alfonso Navarra. Buon 2015 antinucleare guardando a New York
  Oggi come ieri... Nucleare no grazie!
  Disarmisti esigenti. L'era atomica sta per finire
  Disarmisti esigenti: Via le armi atomiche dall’Italia!
  MAUS. Il nocciolo (da Notizie Radicali, 19/03/2011)
  Nucleare. Dopo 20 anni sarà smantellata la centrale di Trino
  Greenpeace Italia. Referendum nucleare: Maroni, fai risparmiare all’Italia 400 milioni di euro
  Damiano Mazzotti. Nuove energie naturali e ricerca scientifica europea
  Francesco Pullia. Nucleare, una scelta totalitaria da contrastare
  Elisabetta Zamparutti. Il nucleare francese è un fallimento
  Michele Boato. Nucleare? Un costosissimo vicolo cieco
  “Per il bene comune”. Non abbiamo bisogno del nucleare
  Ministro Salute e sicurezza nucleare. Quando il silenzio sarebbe d'oro...
  Alfonso Navarra. Vienna: grande pressione per il bando delle armi nucleari
  Lidia Menapace. La questione nucleare
  Nucleare. L'Austria converte il proprio reattore in pannelli solari
  Vincenzo Donvito. No tombale al nucleare? No...
  Mao Valpiana e Alberto Tomiolo. Un impegno nonviolento antinucleare e antimilitarista
  Marco Lombardi. Emotivamente coinvolto, dico un NO razionale al nucleare (almeno in Italia)
  Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare
  Caterina Del Torto. In digiuno contro la guerra e il nucleare
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.7%
NO
 24.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy