Domenica , 16 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Giustizia: una bella inchiesta di “Libero”. Il caso del giudice Flammia
15 Marzo 2009
 

Libero, il quotidiano di Vittorio Feltri, che ogni giorno offre l’immagine di un giornalismo da cui ci si sente stellarmene lontani, ha pubblicato ieri (12 marzo) un’inchiesta di Andrea Scaglia che merita tutti i nostri complimenti: “Vengono arrestati cinque innocenti al giorno”, è il titolo dell’inchiesta. Si tratta di cifre ufficiali, fonte il ministero della Giustizia: «dati calibrati sulle cause di risarcimento che tali ingiustizie (le ingiuste detenzioni, ndr) hanno poi originato: in cinque anni, dal 2001 al 2007, sono stati complessivamente 9.557 i procedimenti di questo genere arrivati a sentenza nelle Corti d’Appello italiane. Cioè in cinque anni è stato accertato l’arresto ingiusto di quasi diecimila persone, che poi vuol dire una media di cinque al giorno…»

 

Interessante dare uno sguardo ai numeri delle singole Corti d’Appello: in testa alla classifica dei procedimenti di riparazione per ingiusta detenzione, Napoli: alla fine del 2007 erano 397 le cause del genere pendenti, più di Roma, Milano, Bologna e Brescia messe insieme. Nel corso dell’anno, a fronte di 196 fascicoli chiusi, se ne sono aperti altri 335. Anche Bari è una Caporetto: alla fine del 2007 erano ben 382 le cause pendenti, dopo che durante l’anno ne erano state chiuse 86 e aperte 135.

 

E veniamo alla conclusione della bella inchiesta di Scaglia: «Il sistema giustizia in Italia ha criteri di giudizio a volte difficili da comprendere. Per esempio, non sono previsti indennizzi per un’imputazione ingiusta, se questa non ha portato all’arresto del malcapitato. Così dice la Corte di Cassazione con la sentenza n. 11252 del 13 marzo 2008: “In tema di danni provocati dall’attività giudiziaria, l’ordinamento vigente prevede la riparazione del danno, patrimoniale e non, patito per: a) custodia cautelare ingiusta; b) irragionevole durata del processo; c) condanna ingiusta accertata in sede di revisione, ovverosia errore giudiziario. Non prevede invece alcun indennizzo per un’imputazione ingiusta rivelatasi infondata a seguito di sentenza di assoluzione”. Zitti, dunque, e arrivederci».

È la conferma, ennesima, di come la giustizia in Italia sia da anni la vera, grande emergenza del paese, un’inchiesta da ritagliare e conservare; un’inchiesta che dovrebbe/potrebbe essere lo strumento per iniziative parlamentari da parte di senatori e deputati. Una situazione che dovrebbe innanzitutto vedere un intervento del ministro della Giustizia: perché c’è il dramma patito ingiustamente da migliaia di persone e le loro famiglie; e c’è un consistente danno per le casse dello Stato: tra il 2003 e il 2007 sono stati pagati 206 milioni di euro per ingiusta detenzione; un giorno di arresto domiciliare ingiusto viene risarcito con 117,91 euro; 235,83 euro per ogni giorno di ingiusta detenzione. Questo quando va bene. Perché può capitare quello che è accaduto al giudice Bruno Flammia; nel 1994, assieme ad altri imputati, venne accusato di concussione; arrestato, ne subì un trauma anche fisico: prima un infarto, poi il tumore. Ieri il giudice Flammia è stato – quindici anni dopo – assolto, con formula piena. Assolto lui e tutti gli altri arrestati. Peccato solo che al giudice Flammia non importi più di essere assolto o condannato, dal momento che è morto. Ne riparleremo di questa storia, la settimana prossima…

 

Valter Vecellio

(da Notizie radicali, 13 marzo 2009)


Articoli correlati

  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  L’anno giudiziario che verrà. Claudia Osmetti intervista Rita Bernardini
  Fallimento della giustizia: sabato mattina, di nuovo, presidio a Sondrio
  Sondrio. Il caso de «'l Gazetin» su «Libero» del 18 maggio
  «La vignetta diffama il giudice». Ma è un manifesto storico
  Patrizia Garofalo. “Sono sempre più sconcertata”
  Pietro Yates Moretti. Malagiustizia: cause transfrontaliere
  Sondrio. Tribuna aperta per la legalità
  Bernardini e Rossodivita. L'obbligatorietà dell'azione penale è morta, ora si passi ad una riforma che indichi regole e responsabilità
  Mafalda di Quino in prestito (e soccorso) al Gazetin
  Sondrio. Legalità e stato di diritto
  Scaduto il termine della CEDU sulle carceri italiane
  Sondrio, maggio-giugno 2014: Sei settimane in piazza Campello
  RadicaliSondrio. A Milano per la legalità al Tribunale di Sondrio
  La sentenza n. 4418/2009 del Tribunale di Brescia
  “Per una giustizia più giusta”. Manifestazione al Tribunale di Sondrio sul caso Gianoncelli
  Gianfranco Camero. AMNISTIA SUBITO!
  Legalità e stato di diritto al tribunale di Sondrio
  Giustizia. L'amnistia di Castelli
  Dalla strage di Erba a Una bomber: ma che giustizia e che informazione…
  Il Vicepresidente della Camera On. Giachetti presenta un'interrogazione sulla vicenda del GAZETIN
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. L’emergenza giustizia in cinque punti
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Valter Vecellio. Giustizia: una “piccola” storia. Ignobile
  Sondrio. I parlamentari 'valtellinesi' tacciono: tutto-va-ben, madama-la-marchesa?
  Marco Pannella. Un “biglietto aperto” a Tonino Di Pietro
  L'irriverente. Inaugurazione anno giudiziario
  Rita Bernardini. Signor presidente del Consiglio, si faccia un giro nelle carceri italiane…
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy