Venerdì , 29 Maggio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Francesco Pullia. Il sangue, Gaza, l’esilio della parola
08 Gennaio 2009
 

Ci sono molte cose che non ci convincono dell’ultima insanguinata vicenda che ancora una volta si sta consumando in territorio mediorientale. La prima e più importante è l’infamia precostituita, preconcetta e, proprio per questo ancora più riprovevole, che si sta gettando nei confronti dello stato israeliano.

Più scorrono le immagini, più aumenta in noi un lutto che scava dentro profonde, dilaceranti, ferite. La distruzione in corso è totale e pretende di annientare ogni possibilità di uscire dal vicolo cieco della morte. Più la spirale dell’odio innescata da Hamas si avvita su se stessa, più si avvertono la drammaticità e il senso di una parola esiliata di cui la spiritualità ebraica è la massima depositaria.

Se è vero che Israele, come ha sostenuto Abraham Joshua Heschel nel 1967 in un emblematico libro scritto subito dopo la guerra dei sei giorni, è “eco d’eternità”, non bisogna dimenticare che, come non hanno mai smesso instancabilmente, ossessivamente, di ricordarci due straordinari ispirati come Edmond Jabès e André Neher, è anche la terra in cui annuncio e profezia hanno scelto, per manifestarsi, la via difficilissima, tortuosa, della sparizione nomadica.

Un sentiero che paradossalmente si biforca per ritrovarsi, nel corso della storia, tremendamente identico nel suo nucleo originario. Tremendamente, proprio così. Non sempre ciò che è tremendo desta in noi sgomento, terrore. Esso ingenera altresì in noi la consapevolezza del nostro limite dinanzi al numinoso e dell’insufficienza del verbo al cospetto della misteriosa maestà del divino.

Il segreto del giudaismo chassidico sta proprio nell’acquisita conoscenza che non è l’uomo a cercare Dio ma, anzi, accade il contrario. Solo che quando Dio si mette in cerca dell’uomo non può non farlo senza scuoterlo, senza sradicarne convincimenti, senza interrogarlo, fornendo non risposte ma domande destinate a restare ulteriormente insolute.

Dio stesso scova l’uomo e in lui si umilia. Di qui la biforcazione cui accennavamo sopra. Da un lato un percorso che conduce allo splendore della visione ultima, in cui Dio si dà ritraendosi, dall’altro la china dell’abissale disfacimento, del dolore sempre più straziante, devastante, con l’incandescente sabbia di un deserto da attraversare a piedi nudi e le urla lancinanti, ben prima di Auschwitz e Dachau, mischiate ai corpi inceneriti dall’olocausto.

Cosa c’entra tutto questo con le piaghe che si stanno assommando in questi giorni, in queste ore? C’entra, eccome.

A cosa stiamo assistendo, infatti, se non al dramma della peregrinazione di una parola che, innanzi al sangue (e ogni sangue, appartenga all’essere umano o ad un altro senziente, è sempre innocente), rischia di svuotarsi?

Stamani Adriano Sofri, in un commento pubblicato dalla Repubblica, si soffermava sui bambini, sull’opportunità o meno di ostentare mediaticamente corpicini smembrati dalla toccante maledizione delle granate mentre, dal canto suo, Bernard Henry-Lévy sul Corriere della Sera incardinava i terroristi di Hamas, così demoniacamente e spregiudicatamente dostoevskijani, alle loro responsabilità.

Sì, certo. Entrambi hanno espresso opinioni più che condivisibili.

Il nodo della questione sta, però, oltre e va ricondotto alla pretesa da parte dell’odio e delle bombe di occupare subdolamente lo spazio di una parola esiliata. Noi non possiamo permettere che ciò avvenga. Lo dobbiamo non solo ad una terra ma all’intero pianeta. Per questo, da nonviolenti, non dovremo lasciare nulla d’intentato per non assoggettarci al dominio della morte.

 

Francesco Pullia

(da Notizie radicali, 7 gennaio 2009)


Articoli correlati

  Doriana Goracci: NO al fascismo militare israeliano. Roma. La Libertà non striscia
  Valter Vecellio. Israele. Lettera aperta a Furio Colombo: è vero, i veri colpevoli siamo noi
  Emigrazione-notizie. E la sua difesa degli attivisti per la pace a Gaza
  Bassem Eid. “Noi palestinesi dobbiamo sbarazzarci di Hamas”
  Una iniziativa a Viterbo e una lettera al Presidente del Consiglio contro il massacro a Gaza
  Renato Pierri. Illegittima difesa
  Stop alla guerra! Sabato 17 iniziativa in piazza a Sondrio
  Vetrina/ Emmanuel Attard-Cassar. Veduta su Gaza (da Malta)
  Doriana Goracci: Riflessioni finita l’epifania… che le bombe non porterà via.
  Coraggio israeliano
  Vetrina/ Giuseppe Samperi. Chiedo perdono
  Floriana Lipparini / Adam Keller. Con i pacifisti israeliani contro la guerra
  Marco Lombardi. Nell'epoca di Saladino interinale
  Il Movimento Nonviolento aderisce alla manifestazione del 17 gennaio ad Assisi per la pace in Medio Oriente
  Boicottare i prodotti di Israele finché opera il genocidio? Indagine sull’economia che dirige politica e bombe.
  Peppe Sini. Dalla parte di tutte le vittime, contro tutte le uccisioni
  Appello degli intellettuali ebrei contro il genocidio di Gaza
  Primarosa Pia. L'eco dei mortai. Viaggio in Israele, 1-8 gennaio 2009
  Ecumenici. Veglia con lettura di Davide Melodia
  Bruna Spagnuolo: Il frastuono della guerra giustizia gli echi del Vangelo.
  Roberto Malini. Fermiamo le armi!
  Comunità dell'Isolotto. Socializzazione su: fondamentalismi e violenza
  Domenico Stimolo. Riflessione notturna su Gaza… e dintorni
  Nino Lisi > Cdb San Paolo. Per Gaza. Presidio a Roma, 8-10 gennaio
  Brenda Gazzar. Le attiviste di Gaza si aspettano tempi più duri
  Gila Swirsky: Nessuna notizia è cattiva notizia. Bombe su Gaza.
  Marco Lombardi. Legami di sangue
  Enrico Peyretti. Sulla qualità dei due diritti
  Federazione Anarchica Italiana: Per la pace, per l'autodeterminazione del popolo palestinese
  Urlo imprigionato (Merendelli – Garofalo)
  Veglia ecumenica di preghiera “Per il cessate il fuoco immediato nella striscia di Gaza!”
  Daniele Dell’Agnola. La vostra scuola sembra un museo
  Enrico Peyretti / Pax Christi. Gaza-Israele. Mobilitazione a Torino
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy