Mercoledì , 21 Febbraio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Luciano Angelini. La fine della storia dei Tartanesi
Il muro della Biurca
Il muro della Biurca 
17 Agosto 2008
 

La Val Tarten non è più la stessa. Se sia meglio o peggio dipende dal punto di vista, ma di certo le grandi opere pubbliche degli ultimi anni hanno scritto la parola fine della millenaria storia dei Tartanesi* e dato inizio alla non-storia del “mordi e fuggi”. Ben poco rimane dell'antico splendore della valle e le invidiate contrade sono state trasformate in luoghi di sosta e di parcheggio.

I molti milioni di soldi pubblici stanziati per la messa in sicurezza e il riassetto idrogeologico del territorio sono stati spesi per fare tutte le strade possibili con muraglie, muraglioni e briglie di cemento armato un po' ovunque sul fiume Tarten. Da anni la valle è un cantiere a cielo aperto e ci sono ancora le frane da riparare e i boschi da pulire e i canaloni che scendono ripidi dai monti fanno paura tanto sono ingombri di materiale.

E, nonostante l'abbondante pioggia di denari che si è riversata a lungo sul Comune di Tartano, non c'è un sentiero adattato alla vocazione turistica della valle che pure è situata nel cuore del Parco regionale delle Orobie. La storica mulattiera della Val Corta è stata completamente cancellata per far posto ad uno stradone tanto largo quanto inutile per una valle disabitata. I sentieri acciottolati con cura dagli avi del Giro delle Contrade della Val Lunga sono stati distrutti per la costruzione di un anello stradale a servire la speculazione.

L'enorme muro eretto alla Biurca, che è costato un occhio della testa, restringe l'alveo dle fiume e impatta la valle. Sempre nella contrada Biurca, in località Gàvet è stato costruito un altro muro più alto che largo. Si è dovuto inchiodarlo alla roccia per sostenere una soletta di cemento armato sporgente sul fiume. L'opera appare buffa.

Le Autorità e i vari enti pubblici preposti alla conservazione, cura, tutela e valorizzazione del patrimonio storico, culturale, artistico, paesaggistico e naturale della valle sembrano proprio non avere occhi per vedere.

Il buono e vecchio amor del mio paese non c'è più.

 

Luciano Angelini

(da 'l Gazetin, luglio-agosto 2008)

 

 

* Il nome Tarteno è già nella famosa Tabula Peutingeriana del IV sec. d.C.


Foto allegate

Il muro di Gàvet
Articoli correlati

  “365 giorni in Val Tàrtano a 360°”. Concorso fotografico Albergo Miralago
  Giorgio Spini. “Sai quanto pesa, quella baita lassù?”
  Val Tartano. Camosci e gallo cedrone nei “circuiti” in quota?
  Luciano Angelini. Quella volta che il casaro prese un abbaglio
  Gino Songini. Non ci resta che piangere
  Alfredo Mazzoni. Non firmo! Anzi non ho firmato...
  Luciano Angelini. La bella Val Tàrtano è malata
  Quintasénsa. La castagnata nelle contrade di Campo Tartano
  Luciano Angelini. “Amnis”, l’orobico di Tarten
  365 giorni in Val Tàrtano a 360°
  Luciano Angelini. L'altare preistorico di Morbegno
  Fratelli Angelini. I massi avello (V-I sec. a.C.)
  Salviamo la “Sciucada”
  Bona Lombarda, la bella e virtuosa pastorella di Sacco
  Fratelli Angelini: La mostra e il teatro, di luglio a Morbegno
  Luciano Angelini. La frana di Piuro (1618) e il global warming (2018)
  F.lli Angelini. Il simbolo degli Orobi, la religione del Sole
  Luciano Angelini. Hanno cambiato faccia alla Val Corta di Tartano
  Fratelli Angelini. La rosa tartena
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.9%
NO
 23.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy