Lunedì , 19 Agosto 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Class action. I diritti fondamentali che la legge voluta dal Governo non tutelerà mai
15 Dicembre 2007
 

Per capire la portata negativa della class action approvata al Senato e degli emendamenti del Governo che, alla Camera, saranno approvati con la fiducia, abbiamo considerato due fatti di cronaca recentissimi, entrambi in Usa: uno ci riguarda anche direttamente (Seagate) perché vede i consumatori italiani, rispetto a quelli Usa, discriminati per un rimborso da un danno ricevuto per un prodotto presene in entrambi i mercati; l'altro (Wal Mart) è un esempio delle discriminazioni della class action italiana che consente l'azione giudiziaria solo ai soggetti consumatori e non chiunque abbia ricevuto un danno da un medesimo illecito praticato su più soggetti.

Ecco i casi specifici.

* Seagate. Secondo la rivista online PcWorld.com, il costruttore di hardware Seagate ha offerto un risarcimento a tutti gli acquirenti dei suoi dischi rigidi prodotti fra il 2001 ed il 2005. Il risarcimento è frutto di una class action in cui si accusa il costruttore di aver volutamente disinformato il pubblico sulle caratteristiche della 'capienza dell'hard-disk'. Seagate aveva adoperato una definizione decimale del termine gigabyte (ovvero, 1 miliardo di bytes), mentre i computer utilizzano una definizione binaria (ovvero 1.073.741.824 bytes). Il consumatore comprava un hard-disk da 10 giga ma, istallato sul computer, si ritrovava con poco più di 9 giga. I consumatori Usa, per il rimborso possono andare sul sito della Seagate e compilare la richiesta, presentando la ricevuta d'acquisto.

I consumatori italiani invece dovranno tenersi gli hard disk senza risarcimento, in quanto in Italia oggi non esiste la class action. E anche ove fosse approvato il testo di legge sostenuto dal Governo, prima di ottenere un rimborso il consumatore dovrebbe attendere i tre gradi di giudizio della class action e poi, molto probabilmente, fare causa individualmente con un proprio legale. Cosa che difficilmente farebbe per poche decine di euro.

* Wal Mart. Il gigante della distribuzione al dettaglio, Wal Mart, dovrà affrontare una class action per discriminazione sul lavoro da parte di più di due milioni di impiegate. Una Corte d'appello Usa ha infatti rigettato la richiesta di Wal Mart di non consentire lo status di class action ad una causa originariamente presentata da sei donne nel 2001 perché pagate meno rispetto ai colleghi maschi. Wal Mart aveva chiesto di affrontare ogni causa individualmente. Se la corte darà ragione alle impiegate, Wal Mart dovrà risarcire automaticamente ciascuna delle due milioni di donne.

In Italia, qualora fosse accolto il testo di legge sostenuto dal Governo, tale class action non sarebbe possibile perché solo i consumatori, e non chiunque abbia ricevuto un danno da un medesimo illecito praticato su più soggetti -in questo caso, i lavoratori dipendenti- può ricorrervi. E anche se una simile class action fosse ammessa e vinta dopo tre gradi di giudizio, le donne italiane oggetto di discriminazione sul lavoro dovrebbero successivamente ricorrere individualmente in conciliazione e poi, quasi sicuramente, in una causa civile, ciascuna con proprio avvocato, per poter ottenere un eventuale risarcimento.

 

ADUC

Associazione per i diritti degli utenti e consumatori

 

 

Qui il settore del nostro sito dedicato alla class action, con aggiornamenti e approfondimenti, nonché la nostra specifica proposta di legge in materia


Articoli correlati

  Class action. Cosa teme la razza padrona
  Class action. Da bandiera di ricatto politico a strumento concreto?
  Class action: continueremo a vederla nei film americani
  Class Action. A che gioco sta giocando il Governo?
  Vincenzo Donvito. Pompieri al Senato per leggi già annacquate
  Class Action. Ancora rinvio? Il terrore della giustizia nel mercato
  Vincenzo Donvito. Class action, class action delle mie brame.... Così comincia il 2009
  Class action. Verso il ritiro dell'emendamento?
  Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
  Class action. Confindustria allo sbaraglio
  Class Action. Bene l'emendamento del Governo
  Class Action. Non ha torto il ministro Claudio Scajola...
  Class action. Presentato disegno di legge per una profonda modifica
  Vincenzo Donvito. Class Action: non ci sarà mai in Italia!
  Class action. No all'emendamento Manzione in finanziaria
  Emmanuela Bertucci. Ma quale class action mondiale...
  Bertucci e Donvito: Class action. Nuovo testo va meglio, ma preoccupa l'ostracismo di Confindustria
  Class action. Verso il regime autoritario e sfascista con l'appoggio dei media?
  Transazione 'class action' Parmalat: un piccolo risultato è meglio di niente
  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Class Action. Dovunque vai, privato o pubblico, cenci in faccia ai cittadini
  Fisco, finanziaria e decreti incredibili. 150 milioni per celebrazioni, 25 per gli asili nido
  Andrea Maione. 5 x mille. Che vergogna!
  Finanziaria coriandolo
  Finanziaria. Mister Prezzi? Una bufala. Aduc contraria
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.5%
NO
 24.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy