Sabato , 16 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Mirella Parachini. Una proposta che contenta tutti
08 Novembre 2007
 

«Mai venduta la pillola del giorno dopo», dice Piero Uroda, presidente dell'Unione dei farmacisti cattolici nella sua farmacia a Fiumicino Roma, «sempre stato in linea con il principio dell'obiezione di coscienza ieri difeso da Benedetto XVI. Se mi è capitato qualche volta di ricevere una richiesta mi sono sempre rifiutato di venderli nel mio esercizio, senza alcun problema».

Questo atteggiamento è più o meno quello che incontra una donna che si rivolga ad un Pronto Soccorso di sera o in fine settimana di fronte ad una sua legittima richiesta della cosiddetta pillola del giorno dopo, ma meglio sarebbe dire contraccezione d’emergenza (poiché il fattore tempo è rilevante e quanto prima il farmaco viene assunto quanto più efficace ne è l’effetto).

Quello che colpisce tanto in questi comportamenti non è la coerenza con i propri principi religiosi, che pure in altri casi non è dato riscontrare (la maggior parte delle persone che ottengono un divorzio o un aborto nel nostro paese è di religione cattolica) quanto l’assenza totale di conseguenze che questo comporta, indipendentemente dal fatto che si stia svolgendo una funzione pubblica che riguarda la salute e la vita di altre persone. Non è nell’esercizio delle proprie funzioni religiose che queste dichiarazioni vengono fatte, ma nell’esercizio di una funzione pubblica.

Noi radicali siamo sempre stati favorevoli all’obiezione di coscienza, sapendo che questa comporta una contropartita - nel caso del servizio militare il servizio civile alternativo – che è ben nota a chi decide di sollevarla.

Il primo punto che bisogna affermare con forza, quindi, è che chi avanzi obiezione di coscienza venga messo in condizione di subirne le giuste conseguenze senza poter danneggiare chi ne trae i risultati. Per esempio si potrebbe immaginare che una farmacia con il titolare obiettore di coscienza non abbia la possibilità di essere l’unica farmacia aperta di turno o che il medico di Pronto Soccorso debba obbligatoriamente indirizzare la paziente che lo richieda a chi possa prescrivere il farmaco.

Ma la vera battaglia che stiamo conducendo come Associazione Luca Coscioni è quella per la vendita della “pillola del giorno dopo” come prodotto da banco. Questo obiettivo risolverebbe tutti i problemi, di Ratzinger, del dott. Uroda e di una qualsiasi donna che, angosciata per un rapporto a rischio, voglia usufruire di quello che la contraccezione le mette a disposizione per evitare una gravidanza indesiderata e quindi un eventuale aborto. In Italia la vendita della contraccezione d’emergenza è sottoposta all’obbligo della ricetta medica nominativa e non ripetibile, nonostante in molti paesi sia venduta come prodotto da banco. In paesi quali la Francia, il Belgio e la Gran Bretagna il prodotto viene distribuito in farmacia come prodotto “over the counter”, né più né meno come uno spazzolino da denti o i pannolini, a riprova della sua assoluta innocuità. Un tale provvedimento applicato anche da noi riuscirebbe a risolvere l’aspetto pratico del problema e il tormento delle coscienze di tutti quei farmacisti turbati dalla seppur remotissima possibilità che il Levonorgestrel possa interferire con una fecondazione già avvenuta. (A proposito, è stato controllato se la farmacia di Fiumicino è rifornita di spirali?)

In realtà tutti i più recenti e autorevoli studi in materia indicano che l’effetto del farmaco consisterebbe in un blocco dell’ovulazione piuttosto che in una interferenza con l’annidamento di un ovulo già fecondato. Ma poiché non sarà mai possibile dimostrare l’avvenuta gravidanza a poche ore da un rapporto a rischio resta aperto il problema del significato del meccanismo d’azione del farmaco. Voglio a questo proposito ricordare la chiara sentenza del TAR del Lazio che nel 2001 affermava: «Il decreto che autorizza la commercializzazione del CE non contrasta con la legge n. 194/1978, poiché il farmaco autorizzato agisce con effetti contraccettivi in un momento anteriore all’innesto dell’ovulo fecondato nell’utero materno».

Dotarsi di provvedimenti che garantiscano l’autodeterminazione delle proprie scelte riproduttive SENZA ledere i convincimenti più o meno autentici delle persone è un obiettivo pregevole e che dovrebbe incontrare l’appoggio di tutti.

 

Mirella Parachini

(da Notizie radicali, 8 novembre 2007)

 

 

Mirella Parachini è componente la Giunta dell’Associazione Luca Coscioni e Vice-presidente della FIAPAC (Federazione Internazionale degli Operatori di aborto e Contraccezione)


Articoli correlati

  Associazione Luca Coscioni. Noi militanti “da marciapiede” vietato ai disabili
  Radicali a Milano. Dalla pillola del giorno dopo a Ichino, passando per l'assemblea: tutte le iniziative
  Pillola del giorno dopo e obiezione di coscienza. Bene la Toscana
  Radicali Roma. Pillola del giorno dopo: soddisfazione per no ad archiviazione
  A quando il test di gravidanza per l'aspirina?
  Pillola del giorno dopo. Potrebbe presto divenire illegale?
  Benedetto XVI e divieto di contraccezione. I maestri senza maestria e l'imprudenza diffusa
  Libertà della donna secondo Ruini
  Pillola del giorno dopo alle parlamentari: grazie, e che serva per abolire la ricetta!
  Pillola del giorno dopo. Aduc a Movimento per la vita: «Ecco perché fate disinformazione»
  Aborto. La contraccezione è l'unica moratoria
  Doriana Goracci: Javier Lozano Barragan in pillola per il giorno dopo ogni inquisizione
  Il presidente di Laziosanità ignora clamorosamente la differenza fra pillola del giorno dopo e pillola abortiva
  Pillola del giorno dopo e Ru486. Obiezione coscienza e farmacisti
  26 settembre, giornata mondiale della contraccezione
  Pillola del giorno dopo. A Udine medici obiettori non vogliono rispettare la legge
  Pillola del giorno dopo. Una volta le leggi le faceva il Parlamento, ora le fanno le Asl...
  Obiezione di coscienza e farmacisti. Solo in un mercato libero si può pensare di scegliere i prodotti da mettere in vendita
  Valter Vecellio. Il Vaticano impazzito
  Contraccezione d'emergenza. Il Paese di Pulcinella
  Pillola del giorno dopo. Ancora boicottaggi e reati penali da parte dei medici
  Vincenzo Donvito. Contraccezione emergenza: Ok Ue per pillola 5 giorni dopo senza ricetta
  Pillola del giorno dopo. Guida pratica contro il fondamentalismo religioso
  Poretti e Rovasio: «Inserire anche la pillola del giorno dopo tra i medicinali senza ricetta»
  Sanità. Audizione Sacconi in Senato
  Contraccezione e procreazione responsabile. Bene la campagna della Puglia
  Marco Cappato. Il voto contro l'aborto è quello alla lista Bonino-Pannella
  Valter Vecellio. Moratoria aborto: ma di che stiamo parlando?
  Teramo. Pillola del giorno dopo: ancora vincono le resistenze dogmatiche vaticane
  Pillola del giorno dopo. Sempre più difficile riuscire a farsela prescrivere
  Domattina, conferenza stampa su consultori e “pillola del giorno dopo” a Roma
  Mozione per la procreazione cosciente e responsabile
  Legge 194. Guerra ai diritti delle donne
  Benvenuta anche alla Federazione degli ordini dei medici sulla pillola del giorno dopo!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy