Lunedì , 27 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Morgan Lee. Lydia e le altre, giornaliste vere
24 Ottobre 2007
 

Si è esposta per portare alla luce un'associazione pedofila a Cancun, facendo i nomi dei personaggi ricchi e potenti che vi erano coinvolti, ed è diventata lei stessa un “caso” giornalistico quando è stata rapita dalla polizia, a richiesta di un governatore messicano. È Lydia Cacho (foto), la donna che è riuscita a vedere il mondo sotterraneo di Cancun, e ne è uscita con un pungente atto d'accusa non solo per gli stupratori riconosciuti, ma per i loro potenti amici e per i politici che hanno fatto poco o nulla per far smettere un prominente uomo d'affari dall'attrarre ragazzine indigenti in casa propria per violentarle o farle violentare da altri.

Due anni dopo la pubblicazione in Messico del suo libro, I demoni dell'Eden, la lotta di Cacho contro coloro che vorrebbero ridurla al silenzio è ora giunta di fronte alla Corte Suprema del paese. Martedì 23 ottobre, Lydia Cacho è stata insignita del premio per il Coraggio nel Giornalismo dall'International Women's Media Foundation, un tributo ai suoi reportage sui diritti delle donne e dei bambini. Gli altri premi sono andati a Serkalem Fasil, giornalista etiope, e a sei giornaliste irachene che lavorano per la sede di Baghdad dell'agenzia McClatchy: Huda Ahmed, Shatha al Awsy, Sahar Issa, Alaa Majeed, Zaineb Obeid e Ban Adil Sarhan.

Serkalem Fasil è stata imprigionata per i suoi articoli critici verso il governo etiope, pubblicati durante le elezioni del maggio 2005, ed ha dato luce a suo figlio in cella prima di essere rilasciata lo scorso aprile. Le irachene lavorano nei posti attualmente più pericolosi al mondo per le giornaliste, e le loro famiglie sono state minacciate o colpite.

Lydia Cacho, 44enne, che scrive anche per un'agenzia giornalistica sulle donne e per il magazine Dia Siete, dice che la sua professione è pesantemente sotto attacco in Messico, paese in cui i media devono fronteggiare intimidazioni e violenze dalle organizzazioni criminali, e pressioni dai leader politici. In I demoni dell'Eden, Cacho ha reso pubblici gli exploit dell'uomo d'affari Jean Succar Kuri, che è in attesa di processo per commercio di pornografia infantile e abuso sessuale di minori, dopo essere stato estradato dagli Usa nel 2004, dove era stato fermato ad un posto di blocco in Arizona. Il caso divenne sensazionale dopo che furono rese pubbliche le registrazioni delle conversazioni fra il governatore dello stato di Puebla, Mario Marin ed un altro businessman in relazione al caso, conversazioni in cui i due programmavano l'arresto e la detenzione di Lydia Cacho. La donna fu infatti portata via illegalmente da Cancun nel dicembre 2005, da un caravan di appartenenza alla polizia di un altro stato, senza alcuna spiegazione, e venne insultata e minacciata durante il viaggio sino alla prigione, che distava 900 miglia. Il giorno dopo l'arresto fu accusata di diffamazione e rilasciata su cauzione. L'opinione pubblica messicana è stata grandemente oltraggiata dalla faccenda. Da allora, le accuse di diffamazione sono cadute, e la Corte Suprema ha investigato sulle accuse mosse da Cacho contro Marin ed altri ufficiali di stato per abuso di potere, intimidazione e violazione di diritti umani. La giornalista spera che la Corte Suprema dia l'occasione al Congresso di revocare a Marin l'immunità legale che gode quale governatore.

L'Inter American Press Association dice che il Messico è diventato uno dei posti peggiori per i giornalisti: almeno sette di essi sono stati assassinati nel paese lo scorso anno. Gli analisti dicono che il caso di Lydia Cacho ha giocato un ruolo decisivo nel depennare la diffamazione in relazione ai libri dal codice penale, e nel renderla solo un reato da codice civile. Cacho dice che il suo libro è un paradosso: «Mi è quasi costato la vita. Eppure, mi ha permesso di mettere alcuni argomenti sul tavolo della discussione, e infine le porte si sono aperte».

 

Morgan Lee

(per Associated Press, 23 ottobre 2007 - trad. Maria G. Di Rienzo)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy