Venerdì , 10 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Al Gore, icona di un ambientalismo che cavalca la paura
13 Ottobre 2007
 

Sono tra quelli che non si rallegrano per l'assegnazione del nobel per la Pace all'ex vice Presidente USA Al Gore, cui è stato riconosciuto il merito per le iniziative sui cambiamenti climatici e le denunce contro l'inquinamento.

È chiaro che Al Gore ha compreso e con grande sagacia usato quella che sempre più si presenta come una priorità irrinunciabile delle politiche di governo: l’attenzione al rapporto “ecologico” tra uomo e natura e alla sostenibilità ambientale dello sviluppo tecnologico e scientifico. È chiaro che la maggioranza dell’opinione pubblica avverte il degrado ambientale come una minaccia e chiede (giustamente) alla politica risposte concrete. Ma è altrettanto vero che l’ambientalismo ufficiale preferisce instillare, coltivare e cavalcare questa paura, piuttosto che affrontarla in modo razionale. E di questo ambientalismo sentimentale e irrazionale Al Gore rappresenta una delle icone più care alla sinistra europea.

Le “scomode verità” che l’ex vice-presidente statunitense ha raccontato sul global warming hanno ormai tutta l’aria di non essere “verità” e di non essere neppure “scomode”. Sono al contrario stereotipi politicamente corretti di un ambientalismo datato. Ma l’ambientalismo europeo (a cui l’Accademia svedese ha dato voce) predilige proprio i “feticci ideologici” più inconsistenti dal punto di vista scientifico e più equivoci dal punto di vista politico: in primo luogo, il global warming (per cui si denuncia ma non si dimostra un’origine essenzialmente antropica dei mutamenti climatici).

Non voglio qui dilungarmi, ma il protocollo di Kyoto è l'emblema di un ambientalismo che cerca buona coscienza prima che risultati concreti. Che non si pone il problema di adeguare gli strumenti agli obiettivi e neppure di valutare la congruità degli obiettivi alle necessità. L'obiettivo di Kyoto è diventato il protocollo in sé, dal momento che è assai dubbio, usiamo un eufemismo, che anche qualora, cosa che non sta accadendo, i tagli alle emissioni venissero effettivamente realizzati essi avranno una incidenza reale sugli andamenti climatici. Quindi non fare nulla? No, investire in ricerca sulle fonti di energia, tornare all'opzione nucleare: non demonizzare la crescita e l'industrializzazione, perché da essa devono venire le risposte. Un ambientalismo diverso, liberale e di mercato non solo è possibile, ma necessario.

 

Benedetto Della Vedova

(per 'l Gazetin, ottobre 2007)

www.benedettodellavedova.com


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.4%
NO
 25.6%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy