Domenica , 14 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Fisco e Bossi. D'accordo con lo sciopero del gioco
28 Agosto 2007
 

Siamo d'accordo con il senatore Umberto Bossi per lo sciopero dal gioco (Lotto, Superenalotto, lotterie varie, ecc.) che porta alle casse dell'erario 9 miliardi di euro (2006).

Avevamo già fatto notare che lo sciopero fiscale è già in atto: con 115 miliardi di evasione la “rivolta” non ha senso. Ci sono milioni di contribuenti a reddito fisso che pagano per gli altri milioni di connazionali che alimentano i 115 miliardi di evasione.

Che fare dunque contro un Governo sanguisuga? Si potrebbe non pagare le tasse attuando uno obiezione fiscale e andando incontro alle relative conseguenze (ricordiamo che gli Stati Uniti d'America ebbero origine proprio da una rivolta fiscale). Oppure si possono attuare forme di protesta come quella indicata dal senatore Bossi. Non esiste un obbligo di giocare e rinunciando si diminuiscono le entrate per l'erario. Non facciamo certo i moralisti, ché ognuno del proprio denaro fa ciò che vuole, ma questo è uno Stato che vieta, per esempio, i casinò ma consente giochi più “pericolosi” e non rispetta le regole del gioco dell'azzardo.

Un esempio? Il Superenalotto. In un sistema di libero mercato chi gioca dovrebbe avere il corrispettivo del rischio. Nel caso del Supernalotto, la probabilità di azzeccare la combinazione è di una su 622 milioni e per una giocata di 0,5 euro si dovrebbe avere, in caso di vincita, 622 milioni il valore della giocata, cioè 311 milioni di euro. In realtà si riceve solo il 30% del premio. Se il ragionamento appare assurdo si consideri il gioco alla roulette. I numeri sono 36 (37 con lo zero) e nel caso di una puntata vincente su un solo numero, si riceve 36 volte la posta (comprensiva di quest'ultima). Lo stesso ragionamento si dovrebbe applicare a tutti i giochi, Superenalotto compreso. C'è un'evidente disparità tra il rischio e il premio in palio ed è lo Stato a guadagnare.

Insomma, contro il vampiro moralista è bene sottrarsi. In questo caso al gioco.

 

Primo Mastrantoni, segretario Aduc


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy