Domenica , 18 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Ricordo di Anna Maria Brenna 
di Fausta Messa
08 Gennaio 2021
 

A distanza di pochi giorni dalla sorella Rachele, anche Anna ci ha lasciati.

Nata a Milano il 12 marzo 1927, studentessa dell’ultimo anno delle magistrali, aveva respirato in famiglia lo spirito antimilitarista e antifascista del padre, grande invalido della Prima Guerra Mondiale, proprio come Rachele. E come la sorella, fu arrestata il 23 dicembre 1944. Nell’atto d’accusa stilato dalla Questura, troviamo scritto che in una lettera rinvenuta in casa Brenna, a firma di un alpino, si leggeva della “grande nostalgia per le canzoni tipo Urla il vento infuria la bufera, cantate dalle due sorelle con l’accompagnamento di Crak e Crok”. Lo pseudonimo si riferiva a due amici alpini, uno dei quali, Alberto Pedrini, divenuto il comandante partigiano “Achille” del II Battaglione della Brigata Sondrio, era già stato trucidato in un’azione di rastrellamento da parte dei militi della GNR (Guardia Nazionale Repubblicana), il 21 dicembre.

Anna seguì la sorella in carcere a Sondrio e poi a S. Vittore. Aveva sedici anni.

Non parlò mai della sua vicenda, ma ne restò segnata, tanto che non poté più terminare gli studi, dopo la Liberazione, precludendosi la strada dell’insegnamento. Solo alla fine della sua vita, ha accettato di rilasciare un’intervista al Presidente dell’Anpi provinciale Egidio Melè, in cui ha raccontato, con la sua consueta discrezione e tanta mitezza, le vicende che l’avevano vista protagonista di una parte rilevante della grande storia. Ed ha avuto l’orgoglio di vedersi nell’apertura del programma di Gad Lerner “La scelta - I partigiani raccontano”, andato in onda su RAI 3 per il 25 Aprile dell’anno in corso.

Lascia quattro figlie amatissime, a cui ha dato un esempio di vita; a tutti noi che l’abbiamo conosciuta e stimata resta il ricordo della sua dolcezza e della sua coerenza silenziosa.

 

Fausta Messa


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.9%
NO
 26.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy