Sabato , 24 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. Ricordo di Giovanni Conca, il partigiano “Bruno” di Chiavenna recentemente scomparso
Giovanni Conca, alias Bruno
Giovanni Conca, alias Bruno 
24 Aprile 2020
 

Giovanni Conca lo conobbi alcuni anni or sono, a Chiavenna, nel corso di una manifestazione indetta dalla locale Società operaia per celebrare il 1° Maggio, festa dei lavoratori. Parlammo a lungo della sua esperienza come partigiano. Trovando molto interessante quanto diceva, lo invitai a rilasciarmi uno scritto. Cosa che puntualmente fece, consegnandomi, qualche mese dopo, il suo diario intitolato IL BIVIO. Effettivamente si trovava in un bivio quando, nel giugno ‘44, la RSI chiamò alle armi i giovani della classe 1926, la sua. «Parte dei giovani aderirono, parte invece si unirono agli sbandati già esistenti sui monti», racconta; ed aggiunge: «L’uomo, se tale, deve scegliere una via, solo il codardo si adagia e sta a guardare».

Giovanni scelse le montagne. Da allora cominciò una lunga, sofferta stagione contrassegnata dal freddo di un inverno particolarmente rigido, dalla fame che rode lo stomaco, dall’isolamento nei monti del chiavennasco, dalle marce forzate per trovare un rifugio sicuro, dalle azioni di sabotaggio e di guerriglia nei confronti dei tedeschi e dei fascisti. Il 1° aprile si trovò con un gruppo a Samolaco San Pietro, dove incontrò Giulio Chiarelli, sempre perseguitato dai fascisti. Si formarono due gruppi: uno, più consistente, guidato da Tiberio (Pietro Porchera, comandante della 90ª Brigata “Zampiero”) col compito di attestarsi sulla Val di Lei, ed un altro, del quale faceva parte Giovanni, avente come base Samolaco. Si ammalò di pleurite, ricevette le prime cure, prima dal Dr. Lavanese (ex marina) e poi dal Dr. Bombaglio di Novate Mezzola. Il 26 aprile ’45, mentre si stava rimettendo, un suo compagno partigiano gli comunicò che era imminente la Liberazione della valle. «Saltai dal letto come un capriolo, così abbandonai la terapia in corso… presi il mitra e, col partigiano che mi aveva dato la notizia, ci unimmo al distaccamento di Caio… Attaccammo la caserma dei tedeschi a Campo… fatti prigionieri i tedeschi… ci recammo a piedi a Chiavenna… ci unimmo ad un gruppo di partigiani armati guidati da Nicola…», ha scritto nel suo diario.

Il 27 aprile, da Pratogiano, scesero verso Chiavenna ed ebbe inizio l’attacco della caserma della Milizia confinaria alla Specola. Dopo una sparatoria i fascisti si arresero. Si arresero anche le Brigate Nere situate all’albergo Nazionale e i tedeschi all’hotel Corradi di Piazza Castello. Tutti ci consegnarono le armi. «Verso le ore 12 mi trovai in piazza Municipio finalmente libero, senza più neve sotto i piedi, in mezzo alla gente che mi salutava con gioia. Non dovevo più nascondermi, basta con le lunghe marce…Dopo arrivarono gli altri partigiani con Tiberio e con i nostri morti caduti nella battaglia dell’Angeloga».

Questo, in estrema sintesi, il racconto, del tutto privo di retorica, ma ricco di contenuto, di un partigiano che ha fatto il proprio dovere fino in fondo, che ha sofferto e combattuto per la Libertà, perché così gli sembrava giusto fare Senza odio, senza rancore. Nel suo diario ha scritto: «Anche i tedeschi e i fascisti combattevano per un ideale, ...e fecero la loro scelta…» Tu, caro Bruno, ne facesti un’altra. Quella giusta. Ti ricorderemo sempre.


Sergio Caivano

 

 


Articoli correlati

  Sergio Caivano. L’ANPI rende onore a Giorgio Bocca
  Sergio Caivano. Sulla scritta di Grosio
  Sergio Caivano. La strategia della tensione
  Sergio Caivano. Il mio ricordo della Liberazione di Sondrio
  Sergio Caivano. La guerra voluta da Mussolini
  Attualità del Partigiano
  Sergio Caivano. Di una grande manifestazione antifascista al Pedretti di Sondrio (1960)
  Sergio Caivano. La battaglia di Mello (1° ottobre 1944)
  Sergio Caivano. 2 giugno, Festa della Repubblica
  Sergio Caivano. La battaglia di Buglio in Monte (16 giugno 1944)
  Resistenza e liberazione in Valtellina e Valchiavenna
  Bianca Ceresara Declich. S. Anna di Stazzema. L’ECCIDIO
  Sergio Caivano. La fuga interrotta di Mussolini verso la Spagna
  Sergio Caivano. Dongo la fine
  Sergio Caivano. Resistenza e Liberazione nelle nostre Valli
  Sergio Caivano. L'ANPI contro la violenza, contro il fascismo, per la democrazia
  Annagloria Del Piano. 25 Aprile: Festa della Liberazione
  Sergio Caivano. Le lettere dei partigiani italiani
  Sergio Caivano. La Costituzione. Il pensiero di Calamandrei
  Sergio Caivano. Discorso del 25 aprile 2011 a Tirano
  Biblioteca civica “Ezio Vanoni” di Morbegno. Incontri di inizio estate
  Sergio Caivano. Ideale Cannella
  Sergio Caivano. Maledetto coronavirus covid 19
  Sergio Caivano. Traccia per il discorso del 25 aprile 2013 a Sondrio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy