Lunedì , 27 Giugno 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Dalla strage di Erba a Una bomber: ma che giustizia e che informazione…
19 Gennaio 2007
 
La persona indicata come Una bomber, il misterioso attentatore che da anni insanguina e terrorizza il Nord Est, che si diceva inchiodato da elementi incontrovertibili, a quanto pare non è poi così sicuro che sia lui. Gli stessi magistrati hanno fatto una clamorosa marcia indietro, e ora viene fuori che mancando la prova, un perito avrebbe pensato bene di fabbricarla. Intanto l’accusato è stato dato in pasto all’opinione pubblica come “colpevole”; gli è stata risparmiata la preventiva carcerazione, ma è stato licenziato. Per tutta la vita sarà accompagnato da un alone di pesante sospetto. Viene in mente un passaggio de L’ile des pingouins, un bel racconto di Anatole France, autore non a caso, a suo tempo, messo all’Indice dal Vaticano: «Ditemi, Panther, fra le prove, alcune sono false?». «Inventate, certo». «È quello che volevo dire. Se alcune sono inventate, tanto meglio! Le testimonianze false valgono più di quelle vere, perché vengono create espressamente per le necessità della causa, su ordinazione e su misura, e quindi risultano esatte e particolareggiate. Sono preferibili perché trasportano le menti in un mondo ideale e le distraggono dalla realtà, che, in questo mondo, purtroppo non è mai senza ombre…». Greatauk, duca di Skull, confida a al generale Panther: «Questo processo è un capolavoro, è fatto di niente».
Certi, i magistrati, al punto di aver assicurato a giornalisti avidi di scoop che ormai era fatta: il caso risolto. A pochi giorni dalla sconcertante tragedia di Erba. Già dimenticata, cancellata, la vergogna (e l’infamia) di aver additato come colpevole della strage un tunisino che aveva tutti i requisiti per essere il colpevole “giusto”: extracomunitario, precedenti penali… Vittima anche lui, invece; i colpevoli veri, come ora sappiamo, sono persone “perbene”, italianissimi.
Di casi simili se ne possono fare decine, centinaia: Sud e Nord d’Italia, grandi città o provincia, non c’è differenza: l’Italia è unita, in questo. Centinaia di colpevoli “al di là di ogni ragionevole dubbio”, e che invece colpevoli non sono. Sarebbe sufficiente coltivarlo, qualche dubbio, per rendersi conto dell’innocenza, dell’estraneità.
«Il magistrato assunse aria di greve pensamento, e poi disse: “Sapete che cosa penso? Che casuale per quanto si voglia, l’uomo della Volvo entrò nell’ufficio del capostazione, vide quel dipinto, se ne invaghì a colpo di fulmine, fece fuori i due e se lo portò via”. Questore e colonnello si scambiarono perplesso e ironico sguardo. “È un personaggio, quello della Volvo, per cui mi è venuta una immediata affezione. Difficilmente sbaglio, nelle mie intuizioni. Tenetemelo bene al fresco”. Li congedò… Uscendo il questore disse: “Dio mio!”; e il colonnello: “Terrificante!”». Il fatto è che in Una storia semplice, l’ultimo racconto di Leonardo Sciascia, ci sono, almeno, un questore che sospira “Dio mio!”, e un colonnello dei carabinieri che inveisce: “Terrificante!”. Nella pratica quotidiana, è sempre più raro trovarne. Gli effetti sono sotto gli occhi di tutti.
È una limitazione alla libertà di tutti che i magistrati non parlino delle inchieste che sono loro affidate? È una limitazione alla libertà di tutti che sui giornali non siano pubblicati i nomi dei magistrati, e ci si limiti a riferire: “Procura di…”? È una limitazione alla libertà di tutti se giornali e giornalisti invece di fare i “processi” si limitassero più prosaicamente a seguirli, quando si celebrano, cosa che non si fa quasi mai? È una limitazione alla libertà di tutti chiedere che i processi non siano celebrati negli studi di trasmissioni televisive, ma solo e unicamente nelle aule di tribunale? Sarebbe molto interessante conoscere cosa hanno da dire Associazione Nazionale dei Magistrati, Federazione Nazionale della Stampa e i vari organismi di indirizzo e di controllo. Scommettiamo che nessuno dirà nulla?
 
Gualtiero Vecellio

(da Notizie radicali, 18/01/2007)


Articoli correlati

  «La vignetta diffama il giudice». Ma è un manifesto storico
  Sondrio. I parlamentari 'valtellinesi' tacciono: tutto-va-ben, madama-la-marchesa?
  Giustizia. L'amnistia di Castelli
  Mafalda di Quino in prestito (e soccorso) al Gazetin
  Sondrio. Il caso de «'l Gazetin» su «Libero» del 18 maggio
  Marco Pannella. Un “biglietto aperto” a Tonino Di Pietro
  Pietro Yates Moretti. Malagiustizia: cause transfrontaliere
  “Per una giustizia più giusta”. Manifestazione al Tribunale di Sondrio sul caso Gianoncelli
  Rita Bernardini. Signor presidente del Consiglio, si faccia un giro nelle carceri italiane…
  Valter Vecellio. E ora per un vero Partito Democratico. L’emergenza giustizia in cinque punti
  Giustizia-carcere. È il sito del ministero di Giustizia? No, è quello di “Scherzi a parte”. Cliccare per credere
  Bernardini e Rossodivita. L'obbligatorietà dell'azione penale è morta, ora si passi ad una riforma che indichi regole e responsabilità
  Il Vicepresidente della Camera On. Giachetti presenta un'interrogazione sulla vicenda del GAZETIN
  Fallimento della giustizia: sabato mattina, di nuovo, presidio a Sondrio
  L'irriverente. Inaugurazione anno giudiziario
  L’anno giudiziario che verrà. Claudia Osmetti intervista Rita Bernardini
  Patrizia Garofalo. “Sono sempre più sconcertata”
  Sondrio. Tribuna aperta per la legalità
  Valter Vecellio. Giustizia: una bella inchiesta di “Libero”. Il caso del giudice Flammia
  Sondrio, maggio-giugno 2014: Sei settimane in piazza Campello
  Valter Vecellio. Se il diritto viene costantemente minacciato e stravolto…
  Sondrio. Legalità e stato di diritto
  Scaduto il termine della CEDU sulle carceri italiane
  La sentenza n. 4418/2009 del Tribunale di Brescia
  Valter Vecellio. Giustizia: una “piccola” storia. Ignobile
  RadicaliSondrio. A Milano per la legalità al Tribunale di Sondrio
  Gianfranco Camero. AMNISTIA SUBITO!
  Legalità e stato di diritto al tribunale di Sondrio
  Giuseppe Civati. Errata corrige
  Maria G. Di Rienzo. Amore: formazione professionale
  Maria G. Di Rienzo. Grande giornalismo d’indagine
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy