Domenica , 21 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Daniela Biella. Sette Ong italiane pronte a partire in Libia per sostenere i migranti reclusi nei campi
08 Dicembre 2017
 

Ccs, Cefa, Cesvi, Cir, Emergenza Sorrisi, Fondazione Albero della Vita e Gus sono gli enti che hanno partecipato, da soli o in consorzio, al bando ministeriale per andare a operare nel difficile contesto libico, in cui le lesioni dei diritti umani delle persone migranti sono all'ordine del giorno. "Inizieranno a operare prima possibile, spero già entro Natale", indica Mario Giro, viceministro Affari esteri e Cooperazione internazionale

 

 

Ecco le sette organizzazioni non governative italiane che hanno partecipato al bando dell'Agenzia italiana per la cooperazione e lo sviluppo, andranno a operare in Libia con progetti finalizzati a migliorare il più rapidamente possibile le condizioni delle persone migranti “intrappolate” nei centri di detenzione del Paese Nordafricano: sono Cesvi, Cir (Consiglio italiano per i rifugiati), Cefa (Comitato europeo per la formazione e l’agricoltura), Gus (Gruppo umana solidarietà), Ccs (Centro cooperazione sviluppo) Emergenza Sorrisi e Fondazione Albero della Vita. Sono cinque i progetti presentati in tutto, perché alcuni enti si sono consorziati nel presentare domanda: Cefa e Fondazione Albero della Vita hanno fatto la propria proposta assieme a Cir; Ccs assieme a una ong Svizzera; Gus con un'associazione libica, mentre Cesvi ed Emergenza sorrisi con proposte singole. Il bando scadeva il 29 novembre 2017 ed era stato promosso da Aics come “Iniziativa di emergenza a favore della popolazione dei centri migranti di Tareka Al Sika, Tarek Al Matar e Tajoura in Libia”, per un importo complessivo pari a 2 milioni di euro.

«Puntiamo a dare loro la possibilità di entrare in azione molto presto, se si riesce già prima di Natale», ha sottolineato il viceministro agli Affari esteri e alla Cooperazione internazionale Mario Giro in un’intervista a tutto tondo sulle relazioni Italia-Africa che Vita.it pubblicherà nelle prossime ore.

Il tema del rispetto dei diritti umani in Libia è diventato oggi il primo punto all’ordine del giorno delle relazioni tra Europa e Africa soprattutto dopo le reazioni di sconcerto – in particolare tra gli stessi giovani africani dei Paesi di provenienza dei migranti – provocate dal video della rete statunitense Cnn in cui si vede chiaramente una compravendita di persone dell’Africa Subsahariana da destinare ad attività lavorative, proprio come accadeva durante i secoli bui dello schiavismo.

 

Daniela Biella

(dal Blog Diritti Umani, 8 dicembre 2017)


Articoli correlati

  Roberto Malini. Negli abissi del Mediterraneo
  Manconi: «Non ho votato il decreto migranti: è una norma etnica»
  Carlo Forin. Lodo Minniti
  Roberto Malini. Se­con­da assemblea pubblica del co­mi­ta­to Genova­solidale
  Incontro con Emma Bonino e i Sindaci per vincere la sfida dell'immigrazione
  Roberto Malini. Gommoni vuoti nel Mediterraneo
  Enrico Bernardini. Genova: Migranti, tra realtà e luoghi comuni
  Genova, Multedo: fiaccole di rifiuto, fiaccole di accoglienza
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Vetrina/ Roberto Malini. Il patto di Malta
  Sandra Chistolini. La nuova legge guarda ai minori stranieri non accompagnati in sosta per l’affido accelerato
  Roberto Malini. La repressione delle minoranze arriva in punta di piedi
  Migranti: Al via campagna #EroStraniero
  Profughi: la società civile e le istituzioni devono lavorare insieme
  Migranti a Multedo. Esposto alla Prefettura
  “Migranti tra realtà e luoghi comuni”
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Radicali. Immigrazione: “No crociate demagogiche”
  Malala a Trump: “Non voltare le spalle ai bambini indifesi”
  Bormio. Accoglienza migranti
  È arrivato un barcone carico di…
  Milano. “Insieme senza muri”
  Genova Solidale / EveryOne Group. Migranti a Multedo, minacce a don Martino da parte degli intolleranti
  Barcellona. Enorme ma­ni­fe­sta­zio­ne per l’accoglienza
  Annagloria Del Piano. Immigrazione: La famiglia Karim – un anno dopo
  Sandrine Bakayoko
  Migranti. Bonino lancia proposta legge popolare per superare Bossi-Fini
  Stefano Catone. Che fine hanno fatto i deputati che nel 2013 votarono contro i CIE?
  La scuola araba libica a Roma e a Milano
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy