Lunedì , 20 Novembre 2017
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Morbegno. Salviamo la nostra sanità: “Non molliamo!” 
Il comitato ribadisce il suo impegno su proposte di verità e ragionevolezza
Foto di Greta
Foto di Greta 
18 Maggio 2017
 

Il tempo passa, ma il Comitato dopo 3 mesi è ancora qui, forte di migliaia e migliaia di firme, del plauso dei cittadini al presidio permanente in piazza sotto l'ospedale, del sostegno dei comitati di zona e dei parroci dei paesi di tutto il Morbegnese che hanno elaborato e inviato alle istituzioni locali e regionali documenti di appoggio alle proposte di Salviamo la nostra sanità.

Chi pensava bastasse far passare un po’ di tempo per insabbiare i problemi, si è sbagliato di grosso: per troppe volte è stato così, ma noi non molliamo.

Gli amministratori locali, i Sindaci, la Comunità Montana e la Provincia, così come i partiti e le espressioni politiche in genere, hanno delle responsabilità verso i propri cittadini ed elettori. Chi occupa queste posizioni – non importa se dal governo o dall’opposizione – dovrebbe in primis occuparsi della popolazione e dei suoi bisogni, non salvaguardare interessi di bottega o la propria 'carriera'. Dalla politica, al di là delle manfrine e dei giochi di prestigio di qualche dirigente aziendale sotto l'ala protettiva dell'assessore regionale alla partita, è venuto soltanto un silenzio assordante che evidenzia, ancora una volta, come “mantenere la poltrona” sia più importante del portare avanti posizioni, magari scomode, ma giuste.

Impossibile, infatti, non accorgersi del decadimento della nostra sanità: chi riesce a spingersi oltre a qualche sparata sui giornali locali e magari ha la possibilità di parlare con chi vive il problema quotidianamente, può notare una continua diminuzione nella qualità dei servizi offerti, a 360°.

A cosa serve quindi lottare per la 'sanità di montagna', o magari per l'autonomia della Lombardia, a cosa servono le autonomie locali (vedi Comunità montana, Provincia, Regione...), se poi non sono in grado di difendere nemmeno un servizio primario per la cittadinanza quale il pronto soccorso di Morbegno?

I cittadini della Valle hanno certamente maggior bisogno di servizi che non di palazzi pieni di burocrati svenduti e prodighi soltanto di false promesse! Per citare un esempio su tutti, la famosa e più volte annunciata, con titoloni sui giornali, assemblea pubblica: che fine ha fatto? Il confronto con i cittadini fa quindi così paura? Oppure il sindaco non è nemmeno in grado di ottenere che i responsabili di un'azienda che opera nella sua città vengano a spiegare quel che stanno facendo?

E non si creda che noi si stia esagerando nei confronti dei nostri... politicanti. Borromini e Della Bitta, presidente dalla C.M. il primo, della Provincia il secondo, non si sono nemmeno degnati di rispondere alla richiesta di un incontro avanzata in forma ufficiale dal Comitato.

 

Salviamo la nostra sanità


Articoli correlati

  Luigi Mescia. Sondrio: Declino e degrado della sanità provinciale
  Morbegno. “Maroni, chiudi la Comunità Montana non il Pronto Soccorso!”
  Morbegno. Tutti in piazza per l'ospedale
  Radicali Milano. “Via Infrastrutture Lombarde!”
  Morbegno. Non chiediamo la luna, ma esigiamo decenza
  Angelo Costanzo, PD. Basta tergiversare sulla sanità in provincia di Sondrio!
  Adesso tocca all'Azienda socio-sanitaria aggiornare il suo Poas
  “Salviamo la nostra sanità” verso un'intesa di territorio
  Ambrogio Saibene. Sanità di montagna: Morbegno assente ingiustificato
  Morbegno. “Chi, quando e perché ha chiuso la Ria­bi­li­ta­zio­ne cardiologica?”
  Morbegno Sanità. De Biasi (Pd): “Fondamentale garantire l’apertura 24 ore su 24”
  Morbegno. Dopo Della Bitta, Trivella...
  Morbegno. Un presidio ospedaliero territoriale da riempire di contenuti
  Sanità a Morbegno: cosa sta succedendo?
  Pronto Soccorso Alpino
  Buon lavoro, direttore Rotasperti!
  La Città di Morbegno e il suo Ospedale
  Morbegno. I N A U G U R I A M O
  Morbegno. P.S. Alpino, Riabilitazione cardiologica, Medicina, potenziamento Hospice e Poliambulatorio nel presidio ospedaliero territoriale
  Gianfranco Cucchi. La sanità di montagna, il POT di Morbegno e l'autonomia
  P.S. Morbegno. Bene la prosecuzione con turnistica e organiz­za­zione consolidate
  La divisione del patrimonio ospedaliero e sanitario
  Sanità di montagna: un malato da rianimare
  Ospedale di Morbegno. “Roba da Gabibbo...”
  Morbegno. Meno 5 giorni alla chiusura del Pronto Soccorso
  Morbegno. Meglio una non-Provincia attiva che una Comunità Montana assente
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
ISRAELE NELL'UNIONE EUROPEA. Cosa ne pensi?

Sono d'accordo. Facciamolo!
 62.6%
Non so.
 1.1%
Non sono d'accordo.
 36.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy