Venerdì , 23 Febbraio 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Stefano Catone. Che fine hanno fatto i deputati che nel 2013 votarono contro i CIE?
(foto
(foto 'Famiglia Cristiana') 
04 Gennaio 2017
 

Quando sosteniamo che la strategia promossa dal nuovo ministro dell’Interno del nuovo governo Gentiloni, fondata sulla riapertura dei CIE (uno per regione, si dice) quali strumenti per facilitare i rimpatri, è sbagliata, ci ritroviamo in compagnia di pochissime altre forze politiche. Dal Partito Democratico (azionista di maggioranza del governo), al M5S, alla Lega Nord, tutti condividono la proposta, salvo qualche timida voce contraria.

Fuori dalle stanze della politica, invece, il clima è molto diverso. Da ARCI a Famiglia Cristiana, dalla campagna “LasciateCIEntrare” alla Fondazione Migrantes, tutti hanno ribadito l’inutilità di questa strategia, già sperimentata negli anni passati e già condannata dalla storia.

E infatti si pensava che anche la politica avesse preso coscienza del fallimento quando, il 9 dicembre 2013, la Camera approvò la mozione Zampa, con 234 voti favorevoli e 36 voti contrari, e con parere favorevole del governo, rappresentato dall’allora sottosegretario Manzione, che è sottosegretario anche oggi. La mozione era il frutto di un lavoro di indagine diretta e cita numerose ulteriori indagini, promosse sia da organi istituzionali che dall’associazionismo. Il ritratto dei CIE non poteva che essere catastrofico, descritti come «luoghi di detenzione amministrativa», con un tasso di efficacia dei rimpatri «del 50,54%», nonostante l’allungamento del termine massimo di detenzione da 60 giorni a 18 mesi (ridotto successivamente a 3 mesi, poi riportato a 12), del quale si rilevava la «sostanziale inutilità». Nei CIE, prosegue il testo, «si sono verificate gravi violazioni dei diritti umani», dato che «la struttura dei CIE è simile a quella dei centri di internamento», rendendo – secondo Medici per i diritti umani – «il disagio psichico dei migranti uno degli aspetti più preoccupanti e di più difficile gestione all’interno dei centri». Dalle visite effettuate dai firmatari è emersa «un’altissima compressione dei diritti fondamentali. […] Si è riscontrata la presenza di persone private della libertà personale per lunghissimi periodi di tempo». Una inefficacia e una disumanità che «forse rivela il vero intento della norma: introdurre una lunga carcerazione preventiva per pochi malcapitati, in modo che serva come monito e deterrente per altri» (esattamente quanto auspicava Debora Serracchiani solo pochi giorni fa riguardo i rimpatri: «rimpatriarne uno per educarne cento», potremmo dire), mentre la Corte Costituzionale ribadiva che in alcun modo e per alcuna necessità «può risultarne minimamente scalfito il carattere universale della libertà personale, che, al pari degli altri diritti che la Costituzione proclama inviolabili, spetta ai singoli non in quanto partecipi di una determinata comunità politica, ma in quanto esseri umani».

Detto tutto ciò, la Camera impegnava il Governo (in forma sintetica, il testo completo è qui):

» a ripensare gli attuali strumenti di gestione dell’immigrazione irregolare che risultano inefficaci (per quanto attiene all’effettività dei provvedimenti di espulsione) e costosi […] e ad abbattere i tempi di permanenza nei centri di identificazione ed espulsione, oggi inaccettabili per durata e inutili;

» ad assumere iniziative per riformare l’intera disciplina dell’ingresso, del soggiorno e dell’allontanamento dei cittadini stranieri, riducendo a misura eccezionale, o comunque del tutto residuale, il trattenimento dello straniero ai fini del suo rimpatrio, a favorire l’opzione del rimpatrio volontario assistito prima di procedere a qualunque forma di allontanamento coatto;

» ad assumere iniziative per rivisitare le norme che sanzionano l’ingresso e il soggiorno irregolare;

» ad introdurre politiche migratorie atte a garantire effettive possibilità di ingresso regolare e di inserimento sociale, nonché a introdurre meccanismi di regolarizzazione ordinaria;

Durante la discussione in Aula, Sandra Zampa dichiarò che «Il sistema dei CIE è un sistema fallimentare e il reato di ingresso e di soggiorno illegale nel territorio dello Stato ha finito con l’aggravare la situazione. […] Dobbiamo prendere atto che questo sistema è fallito per innumerevoli ragioni, in testa alle quali pongo – e credo che, con me, siano molti coloro che esprimono accordo – il costo umano. È vero, lo hanno ricordato Marazziti e Fratoianni e anche la collega del Movimento 5 Stelle, quando si entra in un centro di identificazione e di espulsione non si può più dimenticare ciò che si è visto. A quindici anni dalla loro istituzione, i CIE si configurano e si confermano come strutture congenitamente incapaci di garantire il rispetto della dignità e dei diritti fondamentali della persona. Ma ciò che si rileva è anche che l’istituto della detenzione amministrativa è improduttivo per gli scopi dichiarati, e voglio ricordarlo che la detenzione amministrativa è un ricordo che viene solo dai peggiori regimi della storia».

Dove sono i 234 che votarono a favore? La legislatura è la stessa, i parlamentari sono gli stessi. Si facciano sentire, o si vergognino di assecondare le volontà del governo di turno, anche quando queste non sono rispettose dei diritti degli ultimi. Non sarebbe la prima volta che il Governo fa quel che gli pare, in barba alla volontà espressa dal Parlamento: era già successo – guarda caso, sempre sulla pelle dei migranti – con la mancata cancellazione del reato di immigrazione clandestina, nonostante la legge delega approvata dal Parlamento.

 

Stefano Catone

(da Possibile.com, 3 gennaio 2017)


Articoli correlati

  Malala a Trump: “Non voltare le spalle ai bambini indifesi”
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Vetrina/ Roberto Malini. Il patto di Malta
  È arrivato un barcone carico di…
  Enrico Bernardini. Genova: Migranti, tra realtà e luoghi comuni
  Sandra Chistolini. La nuova legge guarda ai minori stranieri non accompagnati in sosta per l’affido accelerato
  Roberto Malini. Negli abissi del Mediterraneo
  Manconi: «Non ho votato il decreto migranti: è una norma etnica»
  Genova, Multedo: fiaccole di rifiuto, fiaccole di accoglienza
  Roberto Malini. Gommoni vuoti nel Mediterraneo
  Radicali. Immigrazione: “No crociate demagogiche”
  Profughi: la società civile e le istituzioni devono lavorare insieme
  Migranti: Al via campagna #EroStraniero
  Bormio. Accoglienza migranti
  Carlo Forin. Lodo Minniti
  Annagloria Del Piano. Immigrazione: La famiglia Karim – un anno dopo
  Incontro con Emma Bonino e i Sindaci per vincere la sfida dell'immigrazione
  Milano. “Insieme senza muri”
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Genova Solidale / EveryOne Group. Migranti a Multedo, minacce a don Martino da parte degli intolleranti
  Roberto Malini. La repressione delle minoranze arriva in punta di piedi
  Sandrine Bakayoko
  “Migranti tra realtà e luoghi comuni”
  Migranti. Bonino lancia proposta legge popolare per superare Bossi-Fini
  Daniela Biella. Sette Ong italiane pronte a partire in Libia per sostenere i migranti reclusi nei campi
  Barcellona. Enorme ma­ni­fe­sta­zio­ne per l’accoglienza
  Migranti a Multedo. Esposto alla Prefettura
  Roberto Malini. Se­con­da assemblea pubblica del co­mi­ta­to Genova­solidale
  Stefano Catone. Fuori dalle balle (del referendum lombardo)
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 78.6%
NO
 21.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy