Mercoledì , 02 Dicembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Francesco Cecchini. Accordo definitivo di pace tra Governo co­lom­biano e Farc-ep
16 Novembre 2016
 

Gabriel Garcia Marquez in Cent'anni di solitudine: “Non immaginava che era più facile cominciare una guerra che finirla".

La paz es nuestra”, è una scritta che si legge in molti muri della Colombia.

 

 

Il Governo colombiano e le FARC-EP (Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia-Ejercito Popular) hanno pubblicato a L’Avana lunedì 14 novembre un comunicato congiunto nel quale dichiarano di aver raggiunto un accordo definitivo di pace. Il testo definitivo dell’accordo, un documento di 310 pagine, è disponibile in Mesa de conversaciones.

Governo e FARC hanno incluso in quest’ultimo accordo le osservazioni di coloro che nel referendum del 2 ottobre rifiutarono il precedente patto dello scorso settembre.

56 dei 57 temi, sintesi di 500 proposte degli oppositori, sono stati recepiti. Una modifica importante obbliga le FARC a consegnare beni di proprietà come contributo per riparare le vittime del conflitto. Inoltre il nuovo accordo prevede che i guerriglieri colpevoli di delitti saranno imprigionati. La Jurisdicción Especial durerà 10 anni e non vi saranno giudici stranieri. Il partito che le FARC formeranno dopo la smobilitazione non avrà automaticamente 16 seggi nel Parlamento, ma dovrà partecipare e competere nelle prossime elezioni. Le FARC hanno 180 giorni per consegnare le armi.

Nel documento sono stati inclusi importanti chiarimenti sulle questioni di genere e della terra, ed altri.

Sembra che siano sorte differenze tra governo e FARC sui tempi di pubblicazione del documento, in quanto la guerriglia voleva far conoscere il documento il più presto possibile, per evitare scorrette interpretazioni. Ivan Marquez, Luciano Marín il vero nome, capo della delegazione FARC ha dichiarato: «Bisogna evitare interpretazioni scorrette del nuovo accordo di pace. È imperativo che il paese conosca l’accordo completo».

Entrambe le parti, governo e guerriglia, hanno dichiarato che questo nuovo accordo è immodificabile, ma la vidimazione non è ben definita.

Sarà interessante, nei prossimi giorni, poter analizzare in dettaglio il consistente documento, 310 pagine, cosa si dice, per esempio, dei paramilitari. Inoltre venire a conoscenza di varie osservazioni di membri del governo e delle FARC, di forze politiche e sociali, di sindacati, di movimenti e della seconda guerriglia della Colombia, l’ELN (Ejército de Liberatión National).

 

Francesco Cecchini


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy