Lunedì , 15 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito: Droga. E 'mo, che famo?
04 Maggio 2016
 

Firenze – Il titolo in romanesco che abbiamo voluto dare a questa nota non è un modo di dire, ma una denuncia. Perché sembra che il confronto sul mantenimento o meno delle attuali leggi sulla droga che hanno portato ad un peggioramento della situazione ad ogni livello territoriale, sociale ed economico, nel nostro Paese, si stia sviluppando intorno alle elezioni romane.

Che il candidato Pd, Roberto Giachetti, sia favorevole alla legalizzazione, non stupisce nessuno, altrimenti che radical-pannelliano sarebbe, come lui stesso ci ha ricordato più volte. Che sia favorevole anche la candidata del M5S ne siamo contenti, per lei e per noi. Poi c'è la reazione della per ora candidata di Fratelli d'Italia e Leganord, Giorgia Meloni, che riferendosi alle tesi contrapposte dei suoi presunti contendenti, ha replicato con: ora gli spacciatori sapranno per chi votare (poveraccia, 'sta Meloni, non sa neanche di cosa sta parlando -diamogli il beneficio della buona fede- …perché gli spacciatori sono contenti quando la droga è vietata e non quando potrebbe essere legale, altrimenti di che campano?). E poi c'è il battibecco Alfio Marchini (candidato in pectore berlusconiano) e Roberto Saviano sul fatto che il figliolo del primo si è salvato da un coma da incidente stradale -che non c'entra nulla con la droga- per il fatto che non si faceva le canne come la maggior parte dei suoi compagni di scuola.

E, m'è venuto da pensare, ma la droga si legalizza rispetto a chi vince le elezioni a Roma? …e quindi canne sotto l'altare della patria o intorno alla fontana di Trevi che, visto che è molto vicina a casa di Marco Pannella, si presterebbe meglio alla bisogna.

E siamo solo agli inizi. Poi c'è Milano, chissà se lì le canne contano come a Roma. Ma i media, per il momento, ci danno essenzialmente cronache romane. E quindi, 'mo che famo?

In Colorado/Usa hanno dovuto fare un referendum, in Uruguay una legge di Stato con tanto di appoggio del presidente della repubblica, che ha fatto diventare il piccolo Paese latinoamericnao il primo al mondo dove la droga è legale. L'altro giorno all'ONU, la seduta UNGASS ha messo un punto fermo confermando quello che tutti sapevano, cioè la situazione precedente, pur se in un contesto diverso in prospettiva.* In Italia ci sono raccolte di firme per progetti di legge e altrettanti progetti depositati in Parlamento firmati da centinaia di deputati… Ma mediaticamente è la campagna elettorale per la capitale… importantissima campagna elettorale, per carità, ma che c'entrano le canne?

Sapete cosa ho pensato, visto che di questo argomento me ne occupo da sempre e che Aduc edita anche uno specifico quotidiano in merito, denunciando i disastri mondiali delle attuali politiche proibizioniste? Ho pensato che, per l'ennesima volta, s'è trovato un modo per ridurre questa problematica, in un contesto che legislativamente non può portare a nulla, solo alle canne che si fanno i ragazzi, alle preoccupazioni dei loro genitori (che fanno finta di non vedere gli ettolitri di alcool che gli stessi figlioli si bevono), alle stupidaggini di quella poveraccia (in materia) della Meloni, sì da non approfondire e discutere su cosa significano le attuali leggi sulle droghe e su quali possono essere le prospettive, per l'Italia (dove per l'appunto i progetti di legge non mancano) e per il mondo dopo UNGASS.

Domanda, che valga come esempio: quanti Sindaci (per restare in materis di PA) sono disposti a denunciare i disastri politici, economici e sociali della droga proibita sul proprio territorio, piuttosto che cimentarsi se da ragzzi si sono fatti una canna al liceo o all'università? Questo sì che srebbe un approccio lungimirante costruttivo per i Sindaci, perché se ci limitiamo alle dichiarazioni di principio come ha fatto anche il Sindaco di Parma firmando per la legalizzazione ai tavolini dei radicali in questi giorni, …è carino, ma rimane fine a se stesso e non smuove nulla. Perché -se qualcuno non lo ha ancora capito- il problema principale è informare coloro che sanno e fargli prendere consapevolezza che il metodo usato fino ad oggi è sfascista ad ogni livello umano, politico, economico e sociale.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc

 

 

* Mi scuso di questo linguaggio diplomatico/burocratico, ma in quel contesto del Palazzo di Vetro, si ragiona e si questiona in tal modo…


Articoli correlati

  Radicali Milano. Giù le mani da San Vittore!
  Radicali Milano. La campagna elettorale “per Cappato Sindaco”
  Milano. Human Technopole: “Renzi, Maroni e Pisapia ascoltino l'appello di tanti accademici”
  Ferrara. Basta spaccio! Legalizziamo!
  Le chiacchiere agostane di Roberto Maroni sulla cannabis
  Cannabis: Radicali presentano a Torino campagna “Legalizziamo!”
  Benedetto Della Vedova: Dopo la riunione sul Global Fund, ho parlato a Bill Gates...
  Benedetto Della Vedova. Cannabis legale: lunedì alla Camera
  Anche la Caritas parla di fallimento del proibi­zio­nismo sulla cannabis
  Cannabis, campagna Legalizziamo!: Omar Pedrini firma la proposta di legge d'iniziativa popolare
  Si firma ancora per legalizzare la cannabis
  Weekend Possibile. Di nuovo in piazza per la Cannabis Legale
  Cannabis. Consegnate oggi alla Camera le firme di Legalizziamo!
  Droghe. Da governo relazione clandestina: vuol nascondere danni proibizionismo?
  Cannabis: Rush finale per raccolta firme su legge popolare
  Cantone, un'altra voce autorevole a favore della cannabis legale
  Narcoguerra. Cattura di El Chapo Guzman: morto un papa se ne fa un altro…
  Benedetto Della Vedova. Mi spiace spegnere gli entusiasmi dei proibizionisti...
  Nuovi tavoli di Radicali Sondrio: legalizziamo la cannabis!
  Milano. Radicali: Dibattiti e raccolta firme alla festa del PD
  Marco Perduca. Marijuana: Solidarietà a Stefano Dionisi vittima di una legge liberticida di 25 anni fa
  Si firma per legalizzare la cannabis e per il testamento biologico
  Giuseppe Civati. Il nostro impegno per il no alla riforma costituzionale, e non solo
  Come legalizzare la Cannabis guardando gli Europei
  Cannabis: il Parlamento si è spaventato. Servono firme e disobbedienze!
  Associazione Coscioni: Nuova linfa per tutte le iniziative
  Al via in Valtellina la raccolta firme per la proposta di legge popolare sulla legalizzazione della Cannabis
  Radicali Milano. Tavoli, leggi, matrimoni e congressi
  500 firme pro Cannabis legalizzata in Valtellina
  Vincenzo Donvito: Legalizzazione cannabis. Istruzioni per l'uso
  Cannabis: 24 e 25 settembre “Legalizziamo Days”
  Milano. Radicali d'aprile
  Sandro. Il 25 la legalizzazione approda a Montecitorio
  Sondrio, Radicali: “Anche la proposta di legge fa male ai detenuti?”
  Radicali Sondrio: ricordiamo Pannella con una firma
  Gazebo radicali per legalizzare la Cannabis e contro la Caccia
  Alessandro Barchiesi. Legalizzare dal carcere
  Radicali lanciano raccolta firme su legge popolare per legalizzazione cannabis
  “In difesa dello Stato di diritto democratico? Libertà e Scienza!”
  La legalizzazione della cannabis approda in Parlamento
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.6%
NO
 24.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy