Domenica , 05 Dicembre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Note sui recenti interventi dell'UE in materia di migrazione 
di Simone De Andreis
29 Maggio 2015
   

Bernard Guetta, esperto di politica estera e giornalista francese ha messo recentemente in evidenza la decisione di Francia, Polonia, Repubblica Ceca, Gran Bretagna, Slovacchia e Ungheria di non approvare la proposta della Commissione Europea tesa ad instaurare un sistema di quote di ripartizione dei rifugiati tra gli Stati dellUnione.1

La Commissione Europea di preciso aveva approvato il piano dellUnione per una nuova politica dellimmigrazione in cui sono delineate alcune misure previste a breve termine per rispondere alla crisi nel Mediterraneo e le iniziative da varare nei prossimi anni per gestire la migrazione in ogni suo aspetto. In particolare nel documento citato sono previste quattro azioni immediate e diverse azioni a lungo termine. Proviamo a delinearne le linee generali.

 

 

Azioni immediate

 

1. Ripartizione tra gli Stati

I migranti già presenti in Europa o che entreranno direttamente in territorio europeo saranno ridistribuiti tra gli stati membri, in situazioni di emergenza, secondo una chiave di ripartizione che terrà conto di quattro parametri: PIL, popolazione, livello di disoccupazione e rifugiati già accolti sul territorio nazionale.

Questo nuovo meccanismo si dovrebbe basare sullattivazione, per la prima volta, del sistema di emergenza previsto nel Trattato sul funzionamento dellUnione Europea, che mira ad aiutare gli Stati membri interessati da un afflusso improvviso di migranti.

Entro la fine di maggio, la Commissione ha intenzione di presentare un meccanismo temporaneo di distribuzione delle persone con evidente bisogno di protezione internazionale in Europa in tutti i Paesi membri. Un sistema permanente per la ricollocazione fra gli Stati membri in situazioni di afflusso massiccio dovrebbe essere previsto in una proposta entro la fine del 2015.

 

2. Operazione contro il traffico di esseri umani

Nel quadro della Politica di sicurezza e di difesa comune (Psdc) nel Mediterraneo sarà organizzata unoperazione navale con lo scopo di smantellare il traffico di esseri umani, soprattutto in Libia.

 

3. Rafforzamento della sorveglianza

Nel corso del biennio 2015/16 le capacità e i mezzi di Triton e Poseidon, le operazioni congiunte di sorveglianza delle frontiere dellAgenzia Frontex, saranno triplicati,

La Commissione ha adottato un bilancio che assicura i fondi necessari per coprire le spese.

 

4. Reinsediamento nei paesi dellUnione Europea

I rifugiati che già vivono nei campi profughi dei paesi terzi (in particolare Giordania e Turchia) e che hanno un diritto già accertato alla protezione internazionale saranno in parte reinsediati nei paesi dellUnione, come chiede da tempo lAlto commissariato dellOnu per i rifugiati. Entro fine maggio, la Commissione proporrà un programma di reinsediamento in tutti i Paesi dellUnione di 20.000 rifugiati con evidente bisogno di protezione internazionale.

Questa misura, il programma volontario di reinsediamento nellUE dei rifugiati presenti nei paesi terzi, non è da confondere con la prima misura sulle quote obbligatorie, ovvero il meccanismo di ripartizione negli stati membri dei richiedenti asilo che arrivano nellUE in situazione di emergenza.

 

 

Azioni a lungo termine

 

- Distaccamento di funzionari di collegamento europei per la migrazione presso le delegazioni dellUnione nei paesi terzi strategici.

- Modifica della base giuridica dellagenzia Frontex per potenziarne il ruolo in materia di rimpatrio dei migranti che non hanno diritto allasilo o alla protezione internazionale.

- Elaborazione di un piano dazione con misure volte a trasformare il traffico di migranti in unattività ad alto rischio e basso rendimento.

- Iniziative di cooperazione con i paesi dorigine e di transito dei flussi, in particolare con il Niger, da cui passa il 90 per cento dei migranti diretti in Libia dallAfrica occidentale.

- Azioni di politica estera, cooperazione allo sviluppo e assistenza umanitaria che affrontino le cause profonde del fenomeno migratorio, contribuendo al consolidamento delle capacità dei paesi terzi di gestire le loro frontiere.

 

Il 27 maggio2 il commissario agli affari interni e allimmigrazione Dimitris Avramopoulos ha presentato i dettagli del piano dellUnione europea sullimmigrazione e teso a superare la questione quote nella ripartizione dei migranti in arrivo. Il politico greco ha confermato che 40mila migranti che necessitano di protezione internazionale saranno ricollocati dallItalia e dalla Grecia in altri Paesi dellUnione Europea. Il criterio di ripartizione per quote dei richiedenti asilo allinterno dellUnione Europea tiene conto di quattro parametri: pil, popolazione, livello di disoccupazione e rifugiati già accolti sul territorio nazionale. Gli unici Paesi che non parteciperanno alla ricollocazione saranno Regno Unito, Irlanda e Danimarca.

Non tutti i migranti potranno però beneficiare di questa soluzione, infatti potranno essere ricollocati solamente i migranti a cui è stato riconosciuto un evidente bisogno di protezione internazionale in Europa. Questo status sarà concesso ai migranti che appartengono a nazionalità a cui è riconosciuta la protezione internazionale nel 75 per cento degli stati europei; in base ai dati Eurostat 2014, solo siriani ed eritrei rientrano in questa categoria.

Ora la proposta dovrà essere approvata a maggioranza qualificata dal Consiglio Europeo; nel frattempo la Commissione consulterà il parlamento. È la prima volta che nellUnione europea si rimette in discussione il trattato di Dublino, secondo cui i richiedenti asilo devono obbligatoriamente presentare la domanda di asilo nel paese dellUnione in cui sono arrivati.

Intanto anche singolarmente i Paesi dell'UE si dotano di provvedimenti sempre più severi contro l'immigrazione; è il caso della Spagna che da poche settimane, attraverso il suo parlamento, ha approvato la controversa legge del “respingimento a caldo”: a partire da luglio, chiunque verrà intercettato tra i reticolati della enclave di Melilla potrà essere immediatamente respinto in Marocco.3 La Germania invece ha sospeso momentaneamente il trattato di Schengen a seguito del G7 che si svolgerà in Baviera il 7 e l'8 giugno. A seguito di tale provvedimento al momento i migranti, dotati di regolare biglietto ferroviario, diretti in Germania e in Scandinavia vengono bloccati nella stazione ferroviaria di Bolzano.4

Tornando al pensiero di Bernard Guetta, lunica soluzione per ridurre il flusso migratorio consiste però nell'affrontare il problema alla radice riducendo lanarchia in Libia, Paese da cui partono i barconi della speranza, e impegnandosi a risolvere i conflitti che sono allorigine delle guerre in Medio Oriente.

Ma per fare questo è necessario che l'UE si doti di una voce politica unica, soluzione questa però ben lungi dall'attuarsi. E la reazione particolaristica di fronte alla proposta della Commissione Europea ne è una controprova.

Concludiamo con la riflessione di Guetta a proposito della decisione di alcuni Stati dell'UE dalla quale hanno preso avvio queste pagine: «Allegoismo di alcuni ha fatto eco la viltà politica di altri, e a questo punto si impongono alcune valutazioni. Quando riceviamo la notizia dellennesimo naufragio di una nave con a bordo centinaia di uomini, donne e bambini, la reazione spontanea e sincera è quella di accusare “lEuropa”, ovvero le istituzioni comunitarie e prima di tutto la Commissione, dimenticando però che la Commissione non può fare nulla senza lapprovazione dei governi».5

 

 

 

1 Bernard Guetta, “I profughi che non vogliamo vedere”, Internazionale, 18 maggio 2015.

2Seimila euro per migrante: i dettagli del piano europeo sull'immigrazione”, Internazionale, 27 maggio 2015.

3 Paolo Martino, “Il doppio gioco di Melilla”, Internazionale, 20 maggio 2015.

4 Gerrard Mumelther, “Il viaggio dei migranti verso l'Europa si ferma a Bolzano”, Internazionale, 27 maggio 2015.

5 Bernard Guetta, “I profughi che non vogliamo vedere”, cit.


Articoli correlati

  L'Unione europea fermi i trafficanti di persone e salvi chi si trova in mare
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La canzone dei migranti che furono
  Enrico Bernardini. Genova: Migranti, tra realtà e luoghi comuni
  Carlo Forin. Fare i secondini agli immigrati
  Peppe Sini. Nove ruminazioni per la Festa della Repubblica
  Manconi: «Non ho votato il decreto migranti: è una norma etnica»
  Sandra Chistolini. Bambini migranti e minori non accompagnati (II)
  Vetrina/ Gigi Fioravanti. Lettere a Bertoldo, n. 20
  Gordiano Lupi. Generazione 'tipo'
  L’11 settembre marceremo scalzi a Gioiosa in solidarietà coi migranti
  Radicali. Immigrazione: “No crociate demagogiche”
  Roberto Malini. È in corso un’invasione di rifugiati?
  Domani partirà la Carovana Solidale e Resistente
  Salvatore Ambrosi, PD Sondrio: L'estiva lezione di turismo di Salvini
  Annagloria Del Piano. Immigrazione: La famiglia Karim – un anno dopo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Lenzuola di nuvole...
  Carlo Forin. Migranti: l'ira del Papa
  Lidia Menapace. Una modesta proposta
  Carlo Forin. Migranti, l’Italia, sempre più sola, deve pretendere la cittadinanza europea
  Roberto Malini. Migrazioni: ecco i nuovi crimini contro l'umanità
  Sandra Chistolini. La mobilitazione sociale intorno alla Nave Diciotti
  Milano. “Insieme senza muri”
  Roberto Malini. I morti e le stelle
  Incontro con Emma Bonino e i Sindaci per vincere la sfida dell'immigrazione
  È arrivato un barcone carico di…
  Roberto Malini. Gommoni vuoti nel Mediterraneo
  Vetrina/ Patrizia Garofalo. Migrano...
  Gorino
  Annagloria Del Piano. Dalla tragedia di un barcone all'abbrac­cio di un paese
  Barcellona. Enorme ma­ni­fe­sta­zio­ne per l’accoglienza
  Sandra Chistolini. Bambini migranti e minori non accompagnati (I)
  Lidia Menapace. La cancelliera federale germanica
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Qualche volta ho pregato il Cielo...
  Il fenomeno della migrazione: da un fatto di cronaca ad una riflessione geo-sociale
  Roberto Malini. Se­con­da assemblea pubblica del co­mi­ta­to Genova­solidale
  La marcia delle donne e degli uomini scalzi
  Roberto Malini. È vero che l'immigrazione in Italia è fuori controllo?
  Sandrine Bakayoko
  Sandra Chistolini. La nuova legge guarda ai minori stranieri non accompagnati in sosta per l’affido accelerato
  Primo Mastrantoni: Elezioni 2018. Immigrazione. Promemoria
  Vetrina/ Alberto Figliolia. La tomba di ferro salato
  Dani Dell'Agnola. I buonisti e i “bravisti”
  Morbegno. “Migranti e accoglienza”
  Linda Pasta, Leonardo Antonio Mesa Suero. Tutti pazzi per Favour!
  Roberto Malini. Zzzzzzz! Dovete fare di più!
  Simone De Andreis. Persi nel mare: la gioventù africana affamata di opportunità
  Roberto Malini. Migranti: 16 giovani morti asfissiati e bruciati
  Sondrio. “L’Europa e i Corridoi Umanitari”
  Luigi Fioravanti. Migranti, tanto peggio tanto meglio per Salvini & Co.
  Malala a Trump: “Non voltare le spalle ai bambini indifesi”
  Roberto Malini. Negli abissi del Mediterraneo
  Alessandro Barchiesi. Immigrazione: l'Europa abbandoni la logica dell'emergenza
  Roberto Malini. Che cosa sta preparando l'Ue per i migranti?
  Javcho Savov. Guernica 2015
  L'importanza dei difensori dei diritti umani in quest'Italia di barbarie istituzionale
  Mellana. Sindaci gialli
  Il mare che non c'è più
  Vetrina/ Pino Dell'Ago. Se qualcuno al bar o in grigi
  Marco Lombardi. La CEI e gli esami di coscienza
  Roberto Malini. La repressione delle minoranze arriva in punta di piedi
  Peppe Sini (e Giannino) a Federica Mogherini
  Profughi: la società civile e le istituzioni devono lavorare insieme
  Padova. Libdem: La libertà è ancora di moda?
  Migranti a Multedo. Esposto alla Prefettura
  Genova, Multedo: fiaccole di rifiuto, fiaccole di accoglienza
  Roberto Malini. Antonio a Milano
  Vetrina/ Roberto Malini. Il patto di Malta
  “Migranti tra realtà e luoghi comuni”
  Migranti. Bonino lancia proposta legge popolare per superare Bossi-Fini
  Anche a Gioiosa i migranti puliscono il paese
  “Welcoming Europe!”
  Bormio. Accoglienza migranti
  Sondrio e Morbegno. Elezioni: Per il Pd doppio appuntamento sabato 17 febbraio
  Troppi morti nel cimitero Mediterraneo
  Daniela Biella. Sette Ong italiane pronte a partire in Libia per sostenere i migranti reclusi nei campi
  Genova Solidale / EveryOne Group. Migranti a Multedo, minacce a don Martino da parte degli intolleranti
  Sandra Chistolini. Bambini non accompagnati in America e in Europa
  Giovanni Maiolo. Parte dalla Calabria la Carovana Solidale e Resistente che andrà in Grecia
  Migranti. Usuelli (+Europa): “Definire accoglienza in Europa su modello di Riace”
  Nicola Ambrosetti. Il decreto (in)sicurezza
  Migranti: Al via campagna #EroStraniero
  Carlotta Caldonazzo. Abbattere un muro per costruirne cento?
  Morbegno. L'immigrazione ai tempi dell'EU
  Roberto Malini. L’Unione europea esiste?
  Roberto Malini. Ancora vittime del mare, ancora orrore e ingiustizia
  Roberto Malini. In viaggio con Alex verso un mondo giusto e accogliente
  Sostegno alla Camera per la proposta Magi su riforma Dublino
  Stefano Catone. Che fine hanno fatto i deputati che nel 2013 votarono contro i CIE?
  Gino Songini. Zibaldone estivo
  Anna Lanzetta. Di fronte alla morte di Aylan, bimbo siriano
  Carlo Forin. Lodo Minniti
  Peppe Sini. Una franca parola ai governanti europei
  Kristina Mamayusupova. Ogni cammino dell’uomo è interculturale
  Simone De Andreis. Giovani donne Afar in Etiopia
  Benessere e qualità della vita nella Terza Età
  Simone De Andreis. Educazione: come l'Africa vincerà la sfida del futuro
  Simone De Andreis. Il National Trust e il Fondo Ambiente Italiano (FAI)
  Simone De Andreis. Dalla Rodesia del Nord di Wilbur Smith allo Zambia di Guy Scott
  La produzione agricola e la domanda di lavoratori migranti: il caso della migrazione delle donne Basotho dal Lesotho al Sudafrica
  Brevi osservazioni sull’immigrazione in Italia. Documenti e statistiche
  Simone De Andreis. La Rodesia del Sud di Doris Lessing e il Sudafrica di Nadine Gordimer
  Simone De Andreis. The Anglosphere
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy