Domenica , 07 Marzo 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. Ven­ti­cin­que anni fa ci lasciava Leonardo Sciascia, l’illuminista capace di pre/vedere
22 Novembre 2014
 

Il 20 novembre di venticinque anni fa, ci lasciava Leonardo Sciascia. Nel corso di una vita tutto sommato breve – aveva 68 anni quando è morto – Sciascia è stato, è riuscito ad essere tante cose: grande scrittore, capace letteralmente di pre/vedere quello che sarebbe poi accaduto, perché era capace di cogliere e interpretare i segni anticipatori; è stato una grande coscienza critica, ha affrontato le grandi questioni della vita e della morte, del diritto, della giustizia, del diritto al diritto e alla giustizia: un grande intellettuale che non ha esitato ad immergersi nella politica, quando lo credeva necessario, utile. Nel 1979 è stato parlamentare, eletto nelle liste del Partito Radicale, e ha fatto parte della commissione parlamentare d’inchiesta sul sequestro e l’assassinio di Aldo Moro; la sua relazione di minoranza. ancora oggi, è un testo fondamentale, se si vuole capire qualcosa di quella stagione che si suol chiamare “degli anni di piombo”. Di Marco Pannella aveva grande stima: di lui ha scritto: “Pannella è il solo uomo politico italiano che costantemente dimostri di avere il senso del diritto, della legge, della giustizia”.

Grande scrittore, sapeva ascoltare; e proprio quel suo modo quasi esitante nel pronunciare le parole, riusciva a creare un pathos e un ascolto straordinari. Usava poche frasi essenziali, i suoi erano interventi brevi, ma per chi lo ascoltava costituivano sempre una preziosa occasione di intelligenza.

Tutti i suoi libri meritano di essere letti, riletti, meditati. Ma se proprio si deve fare una selezione, tra i fondamentali azzardiamo Il Giorno della civetta, dove si racconta la mafia e come combatterla, con gli strumenti del diritto e della legge, inseguendo le tracce che lascia il denaro, quei metodi che vent’anni dopo saranno usati con successo da Giovanni Falcone; La morte dell’Inquisitore, storia di un eretico perseguitato dall’Inquisizione, il frate Diego La Matina; Il Cavaliere e la morte, libro che parla del potere e del suo lato criminale; La Scomparsa di Majorana, al di là della vicenda misteriosa di questo scienziato, affronta la questione del rapporto tra scienza e potere; Una storia semplice, dove Sciascia fa i conti con la magistratura, e certo modo di amministrare la giustizia, straordinario il dialogo tra il vecchio professore e il suo alunno diventato magistrato, e l’importanza dell’italiano.

Sciascia andrebbe ricordato per tante cose buone e giuste che ha fatto; ma se ne potrebbe parlare per tutta la giornata. Voglio però ricordare una polemica che gli procurò molta amarezza, quando scrisse un piccolo saggio, pubblicato sul Corriere della Sera e poi ripreso in un volume che raccoglie alcuni suoi articoli, A futura memoria; e mi riferisco a quell’articolo titolato redazionalmente “I professionisti dell’antimafia”. Venne ricoperto di insulti, volgari e meschini. Si arrivò a dargli del quaquaraquà e si sostenne che era praticamente un complice dei mafiosi. Una vera vergogna, furono in pochi a difenderlo e sostenerlo. In quell’articolo Sciascia parlava del prefetto Mori, della lotta alla mafia durante gli anni del fascismo, e pensava anche ai giorni nostri, comparandoli con quelli di allora: “…E da tener presente”, tra l'altro scriveva, “l’antimafia come strumento di potere. Che può benissimo accadere anche in un sistema democratico, retorica aiutando e spirito critico mancando”. Aveva ragione Sciascia.

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 19 novembre 2014)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.3%
NO
 25.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy