Mercoledì , 21 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Processo agli attivisti del Gruppo EveryOne: assolti perché il fatto non sussiste 
L’Onu: “Vittime di persecuzione giudiziaria”
17 Aprile 2014
 

«Siamo soddisfatti», commentano i tre difensori dei diritti umani, «ma riteniamo che solo il dialogo fra attivisti, medici, operatori sociali e autorità possa aiutare la società a crescere sotto il profilo civile. Le liti, l'incomunicabilità, gli scontri nelle aule giudiziarie si consumano sulla pelle dei più deboli e rendono sempre più virale il problema dell'intolleranza».

 

 

Ieri, 16 aprile 2014, si è tenuto, presso il Tribunale di Milano, il processo penale nei confronti dei difensori dei diritti umani Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, fondatori di EveryOne Group, organizzazione internazionale per i diritti umani. Gli attivisti erano imputati di diffamazione aggravata a seguito della loro pubblica denuncia contro il rifiuto da parte di un istituto ospedaliero di prestare cure a una paziente Rom gravemente malata. Il nuovo processo contro di loro aveva suscitato grande preoccupazione da parte dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Diritti Umani e delle principali organizzazioni che tutelano la missione degli operatori umanitari nel mondo: per la terza volta, infatti, Malini, Pegoraro e Picciau sono citati quest'anno quali “vittime di persecuzione giudiziaria” nel Rapporto dello Special Rapporteur delle Nazioni Unite sui Difensori dei Diritti Umani.

Nell'udienza di ieri, i tre imputati hanno scelto di rispondere alle domande del pubblico ministero e dell'avvocato difensore esponendo, con orgoglio e senza lasciare spazio ad ambiguità, la natura umanitaria e civile della loro azione a difesa del diritto alla salute effettuata nel luglio 2008. Hanno parlato di come il lavoro di EveryOne Group si ispiri alla Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e alla Carta dei diritti fondamentali della persona nell'Unione europea. Della discriminazione ed esclusione che colpiscono le famiglie rom, private troppo spesso di fronte alle istituzioni dei loro diritti primari.

L'avvocato Paola Pasquinuzzi del foro di Firenze ha difeso gli attivisti con grande efficacia, sostenendo la loro scelta coraggiosa di trasformare un'udienza penale in un dibattito civile nel corso del quale sono stati toccati i temi più importanti legati alla difesa dei diritti umani e alla disparità di trattamento che alcune minoranze ricevono da parte delle autorità. I testimoni, fra cui un giovane rom, sono stati fondamentali per la ricostruzione delle dinamiche dell'episodio in oggetto.

Dopo quasi sei anni di indagini, udienze e rinvii, gli attivisti sono stati assolti con formula piena, perché il fatto non sussiste.

Al termine dell'udienza, Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau erano visibilmente soddisfatti. «Accogliamo con soddisfazione una sentenza che riconosce il valore del nostro lavoro umanitario e contemporaneamente la grave discriminazione che affligge il popolo rom», hanno commentato, «ma riteniamo che solo il dialogo instancabile fra difensori dei diritti umani, medici, operatori sociali e autorità possa aiutare la società a crescere sotto il profilo civile. Le liti, l'incomunicabilità, gli scontri nelle aule giudiziarie si consumano sulla pelle dei più deboli e rendono sempre più virale il problema dell'intolleranza. È necessario trarre giovamento da questo episodio e voltare finalmente pagina. Medici e infermieri devono recuperare il profondo significato della loro missione, riassunto mirabilmente nel Giuramento di Ippocrate, e considerare come un arricchimento l'esperienza che gli attivisti umanitari, sempre a contatto con le minoranze emarginate, sono in grado di offrire loro».

 

Gruppo EveryOne

 

 

Nella foto, da sinistra: Dario Picciau, l'avvocato Paola Pasquinuzzi, Roberto Malini, Matteo Pegoraro e altri attivisti del Gruppo (Fabio Patronelli, Ipat Ciuraru e Steed Gamero)


Articoli correlati

  Laboratori virologici e ricerca nucleare: è necessario che operino alla luce del sole
  Roberto Malini. Siamo tutti Mimmo Lucano!
  A Nansana (Uganda) la Giornata Internazionale della Consapevolezza sull’Albinismo
  Giorno della Memoria: come celebrarlo in modo concreto, sostenendo i testimoni dell’Olocausto indigenti
  Napoli. La via della tolleranza contro corruzione, razzismo e crimine organizzato
  Roberto Malini. Buon Natale, ma...
  Diritti umani. Morena La Rosa: ogni giorno una nuova sfida
  “Fermare le politiche anti-Rom in Italia”
  Addio, Pesaro. Una videopoesia, un invito a intraprendere un viaggio di civiltà
  Sierra Leone: la società civile chiede più impegno e solidarietà da parte dell’Unione europea
  Video-choc degli immigrati nudi
  EveryOne Group. “No allo sgombero dell’insediamento Rom di Cornigliano”
  Profughi: la società civile e le istituzioni devono lavorare insieme
  Roberto Malini. A Genova per un mondo senza violenza sulla donna
  Persecuzione ed espulsione di massa dei Rom in Italia
  Regno Unito: Gay tanzaniano ottiene asilo dopo campagna internazionale
  Pescara. “Fermare l'ondata di odio razziale che colpisce i Rom”
  Iniziative/ Genova. Primo 'evento maschile' contro la violenza sulle donne
  EveryOne. Decine di giovani “emo” assassinati dalle brigate sciite in Iraq
  EveryOne Group. Alluvione in Sierra Leone
  EveryOne Group. A Greta Thunberg il Premio Makwan 2019
  EveryOne Group. La “partita dell'antirazzismo” continuerà anche nel 2017
  Milano. Neofascisti lanciano pietre contro i Rom di via Dione Cassio
  Roberto Malini. Festa della donna. Un pensiero alle Romnì
  Roberto Malini. Il poeta cinese Zhu Yufu torturato in carcere
  Roberto Malini. La discriminazione che colpisce i mendicanti
  21 marzo, Giornata Mondiale della Poesia: nasce a Torino il Memoriale dei poeti della Shoah
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.8%
NO
 26.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy