Mercoledì , 19 Gennaio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Guido Viale. Quanto sono utili le Province
17 Luglio 2013
 
Guido Viale, un tempo dirigente di Lotta Continua, è ora un apprezzato studioso che si occupa di ricerche economiche, sociali e di politiche attive del lavoro in campo ambientale. L’articolo che segue, pubblicato in origine sul settimanale Left (e qui ripreso da Notizie Radicali, con questa nota introduttiva, ndr) affronta la questione dell’abolizione delle province con un taglio decisamente originale. Lo si può condividere o meno, ma pone degli interrogativi. Nell’area radicale quasi tutti si pronunciano per l’abolizione delle province, ritenute uno spreco inutile di pubblico denaro. Ma forse la questione è più complessa di quanto a prima vista possa apparire, e comunque merita un supplemento di riflessione. È ovvio che ulteriori contributi sono ben accetti.
 
 
   Tutti, dal Corriere della Sera a Grillo, da la Repubblica al PD, invocano l’abolizione delle Province, come se dalla loro abolizione dipendesse il risanamento dei conti dello Stato. Probabilmente nessuno di coloro che la invocano sa veramente di che cosa sta parlando. L’abolizione delle Province, se e quando verrà realizzata, riguarderà solo gli organi rappresentativi: consigli, giunte, assessori e presidenti, che costano al bilancio pubblico non più di 3-400 milioni all’anno: quanto si può risparmiare dimezzando stipendi e diarie dei parlamentari come ha fatto il movimento cinque stelle.
   Il personale, invece, dovrà essere trasferito ad altri enti: se passerà alle Regioni il suo costo aumenterà perché là, a parità di qualifica, le remunerazioni sono maggiori; ma dovranno essere ripartite, tra Regioni e Comuni, anche le funzioni attuali delle Province, come strade, scuole, vigilanza ambientale, servizi per l’impiego, ecc., e le risorse per farvi fronte (con il personale, circa 17 miliardi l’anno). Il risparmio sarà quindi insignificante. Ma le conseguenze saranno disastrose. Perché la Provincia risponde alla logica di collegare in una sola entità amministrativa decine o centinaia di comuni minori con una città media o grande (i famosi “cento Comuni” d’Italia) che ne è il capoluogo. Se a farsi carico delle funzioni delle Province dovranno essere i Comuni, su quelli piccoli graveranno oneri per loro insostenibili; ma se a farlo saranno le Regioni, soprattutto quelle con milioni di abitanti, il rapporto tra amministrazione e territori si allenterà ulteriormente. E si moltiplicherà il caos normativo, perché le Regioni, a differenza delle Province, legiferano su tutto. E aumenteranno gli sprechi.
   L’idiozia è mettere mano alle Province senza rivedere nel suo complesso tutto l’ordinamento delle autonomie locali, il che imporrebbe un dibattito pubblico che oggi non c’è. Quali funzioni delle Province possono essere addossate a un Comune di 2-300 o anche 3-5mila abitanti? È vero che dal prossimo anno i Comuni di quelle dimensioni sono tenuti a unirsi con quelli vicini per gestire congiuntamente gran parte delle funzioni di loro competenza. Ma ben pochi si stanno organizzando per farlo; e anche unendosi i nuovi organismi non avranno mai le strutture tecniche e amministrative per farsi carico di funzioni che hanno come loro bacino di riferimento aree molto più vaste dei loro territori: aree che sono appunto – grosso modo, e con alcune eccezioni – quelle delle Province, e non quelle della maggior parte delle Regioni.
   Ma l’obiettivo sotteso è chiaro: mettere i Comuni, gli organi elettivi più prossimi alla cittadinanza e più esposti alle istanze di base, nell’impossibilità di governare; e giustificare così il loro esautoramento, già in corso da anni, e l’ulteriore privatizzazione dei servizi pubblici. Un altro passo verso la distruzione del nostro ordinamento democratico.
 
Guido Viale

Articoli correlati

  “Province, preparatevi a far fagotto!” Intervista del Gazetin a Mauro Del Barba
  Primo Mastrantoni. Penati, ovvero dell'inutilità delle Province
  Carlo Forin: Un’idea all’Italia per risalire
  Carlo Forin: Lettera a Prodi sui punti di Lamberto Dini
  Tre iniziative di Angelo Costanzo e del gruppo consiliare PD in Regione Lombardia
  Periscopio valtellinese: “Vale la pena salvare questa Provincia?”
  Luca Vitali. Salviamo la Provincia... E dopo?
  PierVincenzo Uleri. Abolire le Province? Come e perché?
  Milano. Approvata la riforma del sistema delle autonomie in Lombardia
  Luca Vitali. Il tempo sta per scadere
  Alberto Frizziero. La questione Province: Muoiono o no?
  Gaspare Serra. Aboliamo le province!
  Francesco Pullia. Province: abolirle, mantenerle o rivedere l’intero assetto amministrativo statale? Discutiamone
  Luca Vitali. Abolizione province: l'appuntamento del 31 gennaio
  L'abolizione delle Province (Joshua Held, www.aduc.it)
  “Libero”, campagna per l'abolizione delle Province. Aderiamo all'appello
  Pd Sondrio. Domani in Consiglio Regionale la Riforma delle Autonomie
  Giorgio Gemmi. Sondrio provincia autonoma, governata con logiche diverse
  Luca Vitali. Quale autonomia?
  Province. Bossi: se toccano Bergamo scoppia la guerra civile
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy