Sabato , 08 Agosto 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Roberto Malini. Violenza da parte delle forze dell'ordine. Il caso Ilaria Cucchi
Disegno di Tom Lacey
Disegno di Tom Lacey 
14 Giugno 2013
 
   Il sindacato di polizia denuncia Ilaria Cucchi (» Il Fatto Quotidiano), colpevole di reclamare giustizia per il fratello assassinato. Ora che cosa accadrà? Innanzitutto, le spese legali per le forze dell'ordine saranno a carico dello Stato, mentre la sfortunata sorella della vittima dovrà sostenere costi ingenti, probabilmente per numerose udienze nel corso di anni. Inoltre, Ilaria rischia una pena detentiva per il reato di “diffamazione” a mezzo stampa, con relative aggravanti trattandosi di autorità. Nel frattempo, è stato mandato un segnale forte e chiaro per chi osa lamentarsi a causa del sangue innocente versato quando ci sono di mezzo le divise: “Attenzione, perché la musica sta cambiando e l'arma legale/giudiziaria l'abbiamo noi dalla parte del manico”.
   Noi attivisti del Gruppo EveryOne abbiamo già fronteggiato questo atteggiamento, uscendone indenni solo grazie agli interventi dell'ONU, del Parlamento europeo, di FrontLine Defenders, degli Avvocati senza Frontiere e di oltre cento organizzazioni internazionali per i diritti umani. Oltre che dei nostri legali. L'attacco istituzionale ci è costato migliaia e migliaia di euro, che nessuno ci ha rimborsato. E uno stress che non si può descrivere a parole. Ma non è ancora finita e ogni volta che ci troviamo di fronte ad agenti, ci accorgiamo di come essi non siano disposti ad ascoltare la nostra mediazione, ma usano toni imperiosi, prospettano denunce o l'arresto, non mutano atteggiamento quando si pongono con durezza di fronte a persone emarginate e vulnerabili. Riguardo ai nostri attivisti di etnia rom o stranieri, è ancora peggio, perché gli uomini in divisa a volte non si accontentano delle parole, come abbiamo scritto e documentato più volte.
   Chi scrive avrebbe potuto fare la fine del povero Federico Aldrovandi, nel 1976. Fermato da uomini in divisa a Rimini, mentre mi trovavo in compagnia di stranieri “giramondo”, venni portato in questura – in guardina – insieme a un altro ragazzo, dove entrambi fummo spintonati, schiaffeggiati, insultati in modo volgare e costretti a denudarci completamente. Il nostro aguzzino ci fece poi appoggiare la mani al muro e piegarci, toccandoci nelle parti intime con un manganello. Quando minacciò di andare oltre, ridacchiando come i cattivi dei film (mentre altri agenti entravano e uscivano), gli dissi che alla fine, però, doveva ucciderci, perché una volta fuori saremmo andati alla sede del quotidiano Il Resto del Carlino, dove avremmo chiesto di parlare con la redazione e riferito tutto quello che ci stava accadendo. Così ebbero fine gli abusi nei nostri confronti. Uscendo, un superiore ci disse che noi non saremmo stati denunciati (e per che cosa?) né schedati (e perché?), purché dimenticassimo l'episodio. Il mio compagno di sventura, una volta fuori, disse che non voleva denunciare l'episodio, perché aveva paura. Così restai solo e senza altro riscontro che i miei freschi ricordi. L'episodio finì dunque nell'oblio. Ne rivivo la crudeltà, l'arroganza, la disumanità quando mi imbatto in persone – sempre straniere, povere o molto giovani – che mi riferiscono di aver subito episodi dello stesso tipo, episodi che non lasciamo mai perdere e che cerchiamo di denunciare sempre, prodigandoci contemporaneamente per salvaguardare le vittime dalla vasta gamma di possibili ritorsioni.
   La violenza da parte di chi dovrebbe “servire e proteggere” è vile e nasce da un connubio di ignoranza, baldanza e odio verso il prossimo. È un mostro che infesta le società di tutte le nazioni, democratiche e non. Si avvale di una rete di protezioni che spesso raggiunge i vertici del potere. Tuttavia, anche se alla maniera di un Davide senza fionda contro un Golia enorme e senza scrupoli, bisogna fronteggiarla sempre.
 
Roberto Malini

Articoli correlati

  Ilaria Cucchi. “Signor Ministro della Giustizia, intervenga”
  Luigi Manconi. Le lacune nel discorso di Alfano per Cucchi
  Cittadini o sudditi: una scelta attuale, per 'l Gazetin
  L'irriverente. Sentenza appello Cucchi. È questa la nostra polizia?
  Reato Tortura. Bene richiesta Finocchiaro per introduzione
  Caso Cucchi: il buon lavoro della Commissione del Senato rischia di andare in fumo e di... intralciare la Giustizia
  Valter Vecellio. La vicenda di Giuseppe Uva, una brutta, orribile storia che non fa notizia
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. L'anima incarcerata
  Chi è pazzo (di Vincenzo Jannuzzi)
  Milano. Radicali e MiLeft organizzano una fiaccolata nonviolenta
  Gianfranco Cercone. “Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini
  Marco Pannella e Rita Bernardini trascorreranno la notte di Capodanno nel carcere di Padova
  Caso Cucchi. Ci voleva il morto per modificare una disposizione disumana
  Michele Minorita. L’associazione “Zone del silenzio” per conoscere la verità, per ottenere giustizia
  Caso Cucchi. Rimandare la chiusura dell'indagine è un tentativo della maggioranza per depistare
  Morbegno. Promemoria di civiltà
  Mario Staderini. L’Italia una Repubblica che uccide
  Caso Cucchi. Un voto per la trasparenza e la pubblicità degli atti
  Francesca Boari. Aldro
  Uno dei poliziotti condannati insulta Federico Aldovrandi e la sua famiglia
  Patrizia Moretti. “Mio figlio massacrato dallo stato italiano”
  Filippo Vendemmiati. Caso Aldrovandi: la cassazione decide, giovedì la sentenza definitiva
  Io, Federico Aldrovandi e la Guerra
  Sulle note di Federico
  Vetrina/ Roberto Malini. Su ferite mortali ancora aperte
  Gigi Telloli ricorda Federico Aldrovandi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.2%
NO
 25.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy