Lunedì , 22 Ottobre 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Stanzani. Ministro Riccardi, si continua con la criminogena politica proibizionista alla Giovanardi?
25 Maggio 2012
 

Usa, Russia, Gran Bretagna, Svezia e Italia, uniti contro la legalizzazione delle droghe, hanno posto un no in un documento firmato il 22 maggio scorso a Stoccolma. È quanto riporta, in una nota, il Dipartimento delle Politiche antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Rafforzare gli sforzi per proteggere i bambini e i giovani dalla droga, prevenirne l'uso, interrompere il ciclo della dipendenza da droghe attraverso l'offerta di una varietà di trattamento e servizi sanitari a coloro che soffrono di disturbi da uso di sostanze stupefacenti mirando ad un recupero completo, interrompere il traffico e la produzione di droga e promuovere mezzi di sostentamento alternativi nelle aree di coltivazione illegale. Questi tra i principali punti contenuti nella “dichiarazione per una politica bilanciata e umana contro la droga”.

La dichiarazione - che ha visto come primi firmatari l'Italia, rappresentata da Giovanni Serpelloni capo del DPA, la cui delega è affidata al Ministro per la Cooperazione Internazionale e l'Integrazione Andrea Riccardi (foto), la Svezia rappresentata dal Ministro per i Minori e gli Anziani del Ministero della Salute e degli Affari Sociali svedese Maria Larsson, la federazione Russa, con Viktor P. Ivanov, direttore del Servizio Federale per il controllo del traffico degli stupefacenti, gli Stati Uniti con Gil Kerlikowske, direttore del Dipartimento Antidroga della Casa Bianca e il Regno Unito, nella persona di Gus Jaspert, vicedirettore del Ministero dell'Interno - è stata anche presentata dalla Svezia, conclude la nota, presso il Gruppo Orizzontale droga a Bruxelles nella sede del Consiglio dell'Unione Europea.

La dichiarazione, però, oltre a non fare nessuna differenziazione sulla tipologia di droghe, accorpando in tal modo sostanze definite come droghe leggere, come la cannabis, a sostanze che, in quanto droghe pesanti, possono avere un effetto devastante sul consumatore finale, non tiene minimamente conto, tra l’altro, dello scopo terapeutico che alcune droghe hanno per il trattamento di alcune malattie, come la sclerosi multipla.

Dal 1995 ad oggi, la possibilità di un confronto pragmatico ed equilibrato in Parlamento è stata resa vana dall’ostruzionismo manifestato dalle posizioni più estreme e proibizionistiche, seppure nel Paese il tema della legalizzazione dei derivati della cannabis indica che abbia acquisito consensi sempre più vasti.

Al di là di una impostazione ideologica, importanti riflessioni scientifiche e proposte concrete, hanno posto l’accento sulle esperienze e sulle scelte compiute in questi anni in Europa, sia sotto il profilo legislativo, sia in fase sperimentale. Nel corso degli anni Novanta non pochi sono stati i progressi compiuti dal dibattito nella società italiana e negli orientamenti dell’opinione pubblica.

Il successo, nel 1993, del referendum abrogativo delle norme penali del testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 9 ottobre 1990, n. 309, ha dimostrato che la scelta repressiva, ispiratrice di quel testo, deve lasciare spazio ad una visione più pragmatica che privilegi un approccio di riduzione del danno. Tale consapevolezza, tuttavia, non ha avuto un approdo legislativo coerente con i risultati del referendum.

Oggi la situazione è ancora più difficile perché la nuova legge approvata con un colpo di mano nel 2006, nonché la suddetta dichiarazione, oltre a rivendicare una svolta di 180 gradi nella politica sulle droghe in senso repressivo, cancellano la differenza tra le diverse sostanze, mettendo in una unica tabella droghe pesanti e droghe leggere.

Il risultato è che le carceri sono piene non solo di tossicodipendenti, ma anche di consumatori condannati per detenzione di pochi spinelli o per la coltivazione di una piantina di canapa.

Occorre far valere di nuovo, a distanza di molti anni dal referendum, la capacità pragmatica di valutare i termini effettivi, anche e in primo luogo sotto il profilo giuridico e legislativo, delle politiche di riduzione del danno.

Appelli sottoscritti da autorevoli esponenti della cultura, della società civile, del volontariato e da operatori delle strutture pubbliche, che vedono in prima linea i Radicali, affermano che la legalizzazione delle cosiddette “droghe leggere” è opportuna non solo perché la valutazione delle conseguenze connesse al loro consumo non dovrebbe interessare il diritto penale (se non nei casi in cui il consumo, appunto, nuocesse ad altri), ma anche perché l’uso della cannabis non viene vietato in quanto pericoloso, ma è pericoloso proprio in quanto vietato.

Nel corso di questi anni la logica penale ha aggravato e pesantemente condizionato la realtà del nostro Paese e reso ancora più difficile un diverso ed equilibrato approccio ai problemi delle tossicodipendenze, in generale, e alla realtà del consumo delle sostanze illegali.

I dati relativi alla sfera penale sono nel contempo drammatici e indicativi: in Italia come in Europa il 50 per cento dei detenuti è in carcere per reati connessi al consumo di sostanze stupefacenti.

L’Europa, con l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT), ha da tempo sollecitato i Paesi europei a misure positive di riduzione del danno, sulla base anche delle esperienze ormai diffuse e consolidate: dalla Svizzera all’Olanda, dalla Germania alla Spagna, dal Belgio al Portogallo.

Di contro in Italia l’approccio penale deprime e rende complesso il ruolo delle strutture pubbliche, come dimostrano i dati contenuti nelle relazioni annuali al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze, e limita la possibilità di attuazione di progetti sperimentali di riduzione del danno.

Recentemente l’associazione Forum Droghe ha curato l’edizione italiana del volume: Dopo la war on drug, un piano per la regolamentazione legale delle droghe, un testo elaborato dalla Fondazione inglese Transform impegnata da anni sul terreno della politica di riforma delle droghe.

Il lavoro presenta una serie di opzioni pratiche e concrete per la creazione di un sistema normativo globale per tutte le sostanze psicoattive ad uso non medico, tracciando chiaramente un percorso di superamento della proibizione definita dalle Convenzioni delle Nazioni Unite.

Sono molte le voci che ormai certificano il fallimento della war on drugs come testimonia il documento della Commissione latino-americana su droghe e democrazia, un organismo di esperti promosso dagli ex Presidenti Cardoso del Brasile, Gaviria della Colombia e Zedillo del Messico che chiedono un cambio di paradigma, nonché l’altro documento della Global Commission on drug policy presieduta da Kofi Annan.

Non va poi trascurato il costo fiscale del proibizionismo. Recenti contributi teorici sostengono la superiorità degli strumenti fiscali per contenere il consumo di droghe rispetto alla applicazione di una normativa proibizionista. In Italia il consumo di tabacchi ed alcolici è appunto scoraggiato tramite l’imposizione di una elevata tassazione. Uno studio del professor Marco Rossi dell’Università “La Sapienza” di Roma, stima le imposte ricavate sulla vendita della cannabis in 5,5 miliardi l’anno.

 

Sergio Stanzani

(da Notizie Radicali, 25 maggio 2012)


Articoli correlati

  Cannabis, campagna Legalizziamo!: Omar Pedrini firma la proposta di legge d'iniziativa popolare
  A Bormio il “camper dei diritti” di “Radicali Sondrio”
  Si firma ancora per legalizzare la cannabis
  Ferrara. Basta spaccio! Legalizziamo!
  Claudia Sterzi. Reato di agricoltura?
  Cannabis. Strategia antidroga del Governo ormai incentrata sulla censura delle opinioni
  Rita Bernardini. Cannabis legale: Benedetto, c'è un regalo per te
  Al via in Valtellina la raccolta firme per la proposta di legge popolare sulla legalizzazione della Cannabis
  Cure palliative. Bene Ministro Turco
  Cannabis: Radicali presentano a Torino campagna “Legalizziamo!”
  Dosi legali cannabis. Ma il Tar del Lazio dove vive e cosa fa?
  Cannabis. Consegnate oggi alla Camera le firme di Legalizziamo!
  Anche la Caritas parla di fallimento del proibi­zio­nismo sulla cannabis
  Cannabis: Rush finale per raccolta firme su legge popolare
  Radicali. Droghe: Napolitano ha parlato invano?
  Milano. Radicali: Dibattiti e raccolta firme alla festa del PD
  In carcere per uno spinello!
  Cannabis. Preside rinviato a giudizio per aver detto che non fa male
  Cappato, Gallo, Soldo: Cannabis, attenti al decreto che giunge in Parlamento per la conversione
  Rita Bernardini. Indagata per i semini di giugno
  Duran Adam con Staderini: Marco Perduca sabato al Quirinale
  Radicali Milano. La campagna elettorale “per Cappato Sindaco”
  Droga e carabinieri nelle scuole
  Giannino. Cannabis di Natale
  Weekend Possibile. Di nuovo in piazza per la Cannabis Legale
  Droghe. Il governo batta un colpo!
  L’antiproibizionista. A che punto siamo con la proposta di legge di iniziativa popolare
  Narcoguerra. Cattura di El Chapo Guzman: morto un papa se ne fa un altro…
  Legalizzazione cannabis? Facciamo come gli Svizzeri...
  Vincenzo Donvito. Cannabis terapeu­ti­ca e non solo. Quan­to tempo perso…
  Roberto Giachetti. “Caro Renzi, legalizzare la cannabis si può”
  Droghe. Grazie, Giovanardi! Grazie, Procura di Ferrara!
  Benedetto Della Vedova. Rapporto agenzia Ue su droghe conferma fallimento proibizionismo
  Giuseppe Civati. La cannabis terapeutica in Lombardia
  Umberto Ambrosoli. Il proibizionismo ha fallito
  Claudia Sterzi. Doppio appuntamento antiproibizionista a Firenze sabato 26 settembre
  Droghe. Da governo relazione clandestina: vuol nascondere danni proibizionismo?
  Bernardini e Rossodivita. Droga in Cassazione: proposta una manifestazione a Roma per il 24 aprile
  Vincenzo Donvito. Droghe, discoteche e ministeriale tolleranza zero
  Droga. Rischio alcolismo per chi smette di fumare cannabis
  Alcool e tabacco più dannosi della cannabis
  L'Antiproibizionista. Una “semina proibita” a Milano
  L'irriverente al sen. Giovanardi: si faccia una canna e si guardi allo specchio
  Pietro Yates Moretti. Il giullare e lo spinello
  Cantone, un'altra voce autorevole a favore della cannabis legale
  Farmaci cannabinoidi. Lunghe procedure per i rimborsi... Per poi non averli
  Le chiacchiere agostane di Roberto Maroni sulla cannabis
  Benedetto Della Vedova. La proibizione aumenta il consumo. Legalizzare per controllare
  Nas/scuola. Recuperato un grammo di hashish
  Cannabis. Tribunale Firenze: vendere semi non costituisce istigazione al consumo
  Cala il prezzo delle droghe illegali. Un grido d'allarme sulle politiche sbagliate che si continua a perseguire. Verso la legalizzazione
  Il Comune di Firenze ha chiesto al governo di legalizzare la cannabis
  Cannabis terapeutica. Bene, Turco, ma cominciamo dall'abrogazione della legge Fini-Giovanardi
  Marco Perduca. La lunga marcia verso la legalizzazione della marijuana in Italia
  Benedetto Della Vedova. Mi spiace spegnere gli entusiasmi dei proibizionisti...
  Firenze. Canabusiness
  Droga. Gravissime accuse di Carlo Giovanardi al provveditore agli Studi di Como
  Come legalizzare la Cannabis guardando gli Europei
  Droga/Turco/Legge. Parlarsi addosso? I ministri dovrebbero evitarlo
  Svuotacarceri, attenzione: non c'è alcuna depenalizzazione della coltivazione della cannabis
  Roma. Cannabis: disobbedienza dei Radicali
  Si firma per legalizzare la cannabis e per il testamento biologico
  I Radicali depositano sei referendum in Cassazione
  Cannabis 1. Vendere semi e dare indicazioni sulla coltivazione non è reato
  Droga. Legalizzare la cannabis per disincentivare consumo di colle e lacche
  Incontro con Prodi. Bioetica, fine vita e droghe: uscire dall'immobilismo
  Assoluzione Mariuana.it. Splendida notizia, ma il Pm ora sia punito
  Tabacco. L’Ue vuole investire per diminuirne il consumo e incentivarne la coltivazione
  Giuseppe Civati. Il nostro impegno per il no alla riforma costituzionale, e non solo
  Cannabis: il Parlamento si è spaventato. Servono firme e disobbedienze!
  Droga. In piazza Montecitorio per disobbedienza civile
  Mario Capanna. Sua Maestà la Canapa
  Associazione Coscioni: Nuova linfa per tutte le iniziative
  Test antidroga per la patente. Bufala estiva? Interrogazione
  Radicalweb. La Legge Fini-Giova­nar­di è incosti­tu­zio­na­le: ecco cosa cambierà
  Benedetto Della Vedova: Dopo la riunione sul Global Fund, ho parlato a Bill Gates...
  Vincenzo Donvito. Spese per droga e prostituzione in aumento
  Droghe illegali / Firenze. Fermate quel consigliere del Pdl
  Rita Bernardini. Legalizzazione ad uso terapeutico della cannabis
  Vincenzo Donvito. Contrasto economia criminale: Verso una rivoluzione culturale?
  Fabrizio Ferrante. Droghe, il governo Letta conferma la linea Serpelloni
  Vincenzo Donvito: Droga. E 'mo, che famo?
  Benedetto Della Vedova. Cannabis legale: lunedì alla Camera
  Benedetto Della Vedova. Suicidio minore a Lavagna è tragedia, maturata in regime proibizionista
  Ora si firma su cannabis terapeutica e testamento biologico in Lombardia
  Radicali Milano. Tavoli, leggi, matrimoni e congressi
  500 firme pro Cannabis legalizzata in Valtellina
  Cannabis: 24 e 25 settembre “Legalizziamo Days”
  Alessandro Barchiesi. Non notiziabili
  Milano. Radicali d'aprile
  L’Erba Voglio: a Milano, lunedì 20 aprile
  Cannabis terapeutica. Il ministro della salute denuncia ritardi
  Marco Perduca. Canapa medica, Italia all’avanguardia
  Cannabis meno dannosa di alcol e tabacco. Cambiare l'ipocrita politica proibizionista!
  Cannabis 2. Manifestazione antiproibizionista davanti a Montecitorio
  Droga. La sentenza del Tar del Lazio conferma l'urgenza di riformare la Fini-Giovanardi
  Daniele Dell’Agnola. I docenti che allargano le braccia
  Sandro. Il 25 la legalizzazione approda a Montecitorio
  Rita Bernardini. LapianTiamo
  Semi di Ribellione – Resistenza botanica al proibizionismo
  Marco Perduca. Marijuana: Solidarietà a Stefano Dionisi vittima di una legge liberticida di 25 anni fa
  Marijuana rulez! Le vittorie referendarie negli USA
  Sondrio, Radicali: “Anche la proposta di legge fa male ai detenuti?”
  Gazebo radicali per legalizzare la Cannabis e contro la Caccia
  Legge Fini-Giova­nar­di. Dalla Corte Co­sti­tu­zio­na­le un gra­vis­si­mo J'ac­cuse al legislatore
  Alessandro Barchiesi. Legalizzare dal carcere
  Radicali lanciano raccolta firme su legge popolare per legalizzazione cannabis
  Marco Perduca. 20 aprile, una sveglia per il Parlamento
  “In difesa dello Stato di diritto democratico? Libertà e Scienza!”
  Benedetto Della Vedova. Più Europa con Emma Bonino per la cannabis legale
  Si approvi subito la proposta sui Social Cannabis Club di Sandro Gozi
  Vincenzo Donvito: Legalizzazione cannabis. Istruzioni per l'uso
  26 giugno: Giornata mondiale contro le droghe
  Droghe: le deleghe restano a Renzi
  La legalizzazione della cannabis approda in Parlamento
  Regione Lombardia. Cannabis e Biotestamento: tempo scaduto!
  Nuovi tavoli di Radicali Sondrio: legalizziamo la cannabis!
  Radicali Sondrio: ricordiamo Pannella con una firma
  Radicali Milano: Yes we Cannabis! La battaglia che unisce!
  EveryOne Group. Donazione di Roberto Malini a favore del Museo della Shoah di Roma
  Pescara. “Fermare l'ondata di odio razziale che colpisce i Rom”
  “Si occupi al più presto del diritto di cittadinanza ripristinando la legalità e abolendo discriminazioni”
  Vincenzo Donvito. Legalizzazione droghe: agire sul piano internazionale
  Pietro Yates Moretti. Drog@news, il portale dell'informazione scientifica sulle tossicodipendenze
  Rita Bernardini: Cambiamo verso alle politiche sulle droghe?
  Droghe da strada o psicofarmaci: quali sono più pericolosi?
  Marco Perduca. Adesso Renzi smantelli il Dipartimento politiche antidroga
  Droghe: sistema nazionale allerta
  Vincenzo Donvito. L'irriverente. Tossicodipendente muore per overdose in carcere
  Pietro Yates Moretti. Il cacciatore che sceglie la vita
  Vincenzo Donvito. Droga, droga delle mie brame, chi è il più diligente del reame?
  Roberto Malini. Droga a Genova: una piaga che colpisce i più giovani
  Droghe/Ferrero: bene ma teniamo ben presente l'obiettivo della legalizzazione
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy