Venerdì , 24 Gennaio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Valter Vecellio. La vicenda di Giuseppe Uva, una brutta, orribile storia che non fa notizia
28 Dicembre 2011
 

Questa storia è davvero una brutta storia. Una brutta storia come quelle – chi ha i capelli bianchi le ricorderà – di Giuseppe Pinelli, il ferroviere anarchico volato giù da una finestra della questura di Milano, la sera del 15 dicembre 1969; un uomo, ha detto il presidente Giorgio Napolitano, «di cui va riaffermata e onorata la linearità, sottraendolo alla rimozione e all’oblio». Una brutta storia come quella di un altro anarchico, un ragazzo che si chiamava Franco Serantini, riempito di botte e lasciato morire in carcere. E quante se ne potrebbero citare, di queste brutte storie: Salvatore Marino, Federico Aldrovandi, Aldo Bianzino, Stefano Cucchi…Queste brutte storie e altre, sono raccontate in un bel libro di Luigi Manconi e Valentina Calderone, Quando hanno aperto la cella (Il Saggiatore, pagg. 244, 19 euro). Un libro che a leggerlo uno sta male, o almeno ci si augura che faccia male. Tra queste storie c’è anche quella di Giuseppe Uva, “La notte che non finisce più”. Di Giuseppe ha scritto Claudia Sterzi su Notizie Radicali di ieri. Davvero una brutta storia. Ma non è finita. Non finisce mai.

Il pomeriggio del 23 dicembre da Milano si viene avvertiti di una svolta nella vicenda. La notizia non è ancora stata diramata dalle agenzie, ma circola, viene data per sicura: Giuseppe, morto all’interno di una caserma dei carabinieri di Varese tre anni fa, ha subito sicuramente violenze e torture anche di carattere sessuale. La cosa emerge dall’esame dei reperti. La cosa costituisce una svolta, la conferma di quello che famiglia e amici sospettano, dicono a mezza voce, chiedendo che su quella brutta storia sia fatta luce, e invece di tutto si fa per affossarla.

È il 23 dicembre, quando la notizia comincia a circolare. E prudenzialmente, in attesa di conferme e riscontri, aspettiamo. E arriva sabato 24. L’indiscrezione del giorno precedente è confermata. La brutta storia diventa orribile. Ma il 25 è Natale, i giornali non escono; e non escono neppure il 26. Ne riferisce qualche notiziario televisivo, ma come di cosa che capita, un incidente… Il 27 dicembre i giornali sono in edicola. Di questa brutta, orribile storia non una riga.

Provate a fare una ricerca su Google, digitando “Giuseppe Uva”. Prima notizia, l’articolo di Claudia Sterzi su Notizie Radicali. Poi un articolo dal sito della Provincia di Varese. Si riporta la conclusione del professor Adriano Tagliabracci dell’università di Ancona incaricato della perizia:

«Sono presenti tracce biologiche in particolare sulla scarpa sinistra. Sui jeans marca Ram tracce ematiche e salivari di Uva. Materiale biologico non identificato diverso dal sangue, sperma e urine appartenenti a Giuseppe Uva. In regione sacroperineale paramediana destra, oltre a sangue sono presenti cellule pavimentose con nucleo che possono essere derivate dalla regione anale o dalle basse vie urinarie. Il materiale risulta appartenere a Giuseppe Uva. Sui jeans tracce bio di altri soggetti in alcuni casi misto a quello di Uva».

La storia, come s’è detto fin dall’inizio, è una brutta storia, una storia orribile. D’accordo, è Natale. D’accordo, dobbiamo mostrarci tutti buoni e occupati a divertire e a divertirci. E poi c’è stata la strage a Genzano di Lucania, la mattanza in Nigeria, la morte di Giorgio Bocca; e come non preoccuparci del principe Filippo d’Inghilterra ricoverato, e visitato – notiziona! – il giorno di Natale dalla regina Elisabetta, che significa semplicemente che la moglie è andata a trovare il marito?

Però questa brutta, orribile storia di Giuseppe Uva l’hanno ignorata un po’ tutti. Cos’è accaduto, in quella caserma dei carabinieri di Varese? La sorella Lucia racconta i terribili minuti di quando le viene mostrato il corpo di Giuseppe:

«…Su tutto il fianco era blu, sono sicura che non erano i segni dell’ipostasi, io ne ho visti di morti, ho vestito mio zio, mia zia, e quei segni erano lividi. Poi vedo il pannolone. E mi chiedo: perché aveva il pannolone? Mia sorella prende il sacchetto in cui c’erano i pantaloni e li guardiamo. Erano pieni di sangue sul cavallo. Metto via i pantaloni e guardo le scarpe da ginnastica che gli avevo comprato io dieci giorni prima e che adesso erano tutte consumate. Gli slip non c’erano. Gli ho tolto il pannolone e ho visto il sangue. Gli sposto il pene e vedo che aveva tutti i testicoli viola e una striscia di sangue che gli usciva dall’ano. Da quel momento ho giurato che avrei fatto tutto il possibile per arrivare alla verità sulla sua morte, un simile scempio non può restare impunito».

 

Valter Vecellio

(da Notizie Radicali, 28 dicembre 2011)


Articoli correlati

  Michele Minorita. L’associazione “Zone del silenzio” per conoscere la verità, per ottenere giustizia
  Gianfranco Spadaccia. Caso Pinelli
  Francesco Pullia. Pinelli, una vicenda non soltanto privata
  Sandro Fancello. Dieci capitoli sul Sessantotto. 7 e 8
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  Vetrina/ Alberto Figliolia. In memoria di Giuseppe Pinelli
  Maria Lanciotti. Bignamino di una cronaca non ancora storicizzata – 1
  Roberto Malini. Violenza da parte delle forze dell'ordine. Il caso Ilaria Cucchi
  Io, Federico Aldrovandi e la Guerra
  Uno dei poliziotti condannati insulta Federico Aldovrandi e la sua famiglia
  Vetrina/ Roberto Malini. Su ferite mortali ancora aperte
  Patrizia Moretti. “Mio figlio massacrato dallo stato italiano”
  Filippo Vendemmiati. Caso Aldrovandi: la cassazione decide, giovedì la sentenza definitiva
  Francesca Boari. Aldro
  Sulle note di Federico
  Gigi Telloli ricorda Federico Aldrovandi
  Caso Cucchi. Rimandare la chiusura dell'indagine è un tentativo della maggioranza per depistare
  Morbegno. Promemoria di civiltà
  Luigi Manconi. Le lacune nel discorso di Alfano per Cucchi
  L'irriverente. Sentenza appello Cucchi. È questa la nostra polizia?
  Cittadini o sudditi: una scelta attuale, per 'l Gazetin
  Milano. Radicali e MiLeft organizzano una fiaccolata nonviolenta
  Caso Cucchi: il buon lavoro della Commissione del Senato rischia di andare in fumo e di... intralciare la Giustizia
  Reato Tortura. Bene richiesta Finocchiaro per introduzione
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. L'anima incarcerata
  Caso Cucchi. Ci voleva il morto per modificare una disposizione disumana
  Chi è pazzo (di Vincenzo Jannuzzi)
  Marco Pannella e Rita Bernardini trascorreranno la notte di Capodanno nel carcere di Padova
  Gianfranco Cercone. “Sulla mia pelle” di Alessio Cremonini
  Caso Cucchi. Un voto per la trasparenza e la pubblicità degli atti
  Mario Staderini. L’Italia una Repubblica che uccide
  Ilaria Cucchi. “Signor Ministro della Giustizia, intervenga”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy