Giovedì , 16 Agosto 2018
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Luca Vitali. Una idea di autonomia
29 Novembre 2011
 

Propongo all'attenzione dei cittadini della provincia di Sondrio alcuni spunti di discussione sulle tematiche dell'autonomia. In queste righe di fantasia immagino che stia per costituirsi in provincia di Sondrio un movimento, trasversale rispetto alla società civile e autonomo dagli odierni schieramenti partitici. Il nascente movimento si sta interrogando intorno ai propri obiettivi e alla propria identità, cercando nello stesso tempo di informare e stimolare un dibattito costruttivo nelle comunità territoriali.

 

 

UNA IDEA DI AUTONOMIA

(Libero adattamento alla realtà della provincia di Sondrio delle idee del movimento autonomista della provincia di Belluno)

Fonte: www.bellunoautonoma.dolomitiregione.it

 

  • Non dovrà essere un movimento reazionario, nostalgico, che vorrebbe ritornare al passato. Non amiamo le piccole patrie, le ideologie del piccolo villaggio autonomo ed isolato dal mondo che spaventa. Non vogliamo riconoscerci nel folklore locale o perché indossa costumi o parla un dialetto, non ci sentiamo speciali e superiori agli altri cittadini di altri paesi e nazioni. Siamo, invece radicati e affezionati alla nostra storia, non ci vergogniamo di quel che siamo. Il movimento sarà aperto al mondo, accetterà le sfide del presente, sa che l’identità è un elemento che si costruisce e trasforma giorno dopo giorno operando insieme agli altri.

  • Non dovrà essere un movimento secessionista. Il secessionismo rivendica un’autonomia totale e un ordinamento indipendente. Quello di cui ha bisogno la Provincia è di rimanere inserita saldamente nell’ordinamento dello stato Italiano e in un ordinamento regionale attento alle dinamiche evolutive montane.

  • L’autonomia non sarà la soluzione di tutti i problemi, non ci renderà migliori di quel che siamo. Sarà solo uno strumento politico-amministrativo che ci permetterà di intervenire sulle dinamiche evolutive delle nostre comunità. Potere che ora riteniamo di avere solo in modo parziale ed insufficiente.

  • Non avremo bisogno dell’autonomia per proteggerci, per isolarci, ma per vivere, per innovare, per investire, per creare un futuro alle nostre comunità. Sappiamo bene che gli immigrati ci sono molto utili e non abbiamo nulla contro la loro presenza, non temiamo di perdere identità aprendoci al mondo: queste persone devono essere trattate come cittadini dotati di diritti e di doveri.

  • Sappiamo di essere pochi e debolissimi per poter ottenere risultati importanti. Ma la risposta a queste giuste perplessità è: dobbiamo perdere l’identità e lasciarci morire per non disturbare e infastidire i politici locali, regionali e statali?

  • Vorremmo che i cittadini delle diverse comunità territoriali potessero ragionare e venire coinvolti da subito sui temi dell’autonomia e sul futuro della nostra Provincia. Per questo in futuro faremo sentire le nostre ragioni pur rispettando quelle altrui.

  • Le diverse opinioni non ci spaventano. La pigrizia intellettuale intorno ai temi dell’autonomia induce molti a pensare che questo movimento possa essere o diventare una variante del secessionismo, dell’indipendentismo, della rabbia apolitica contro istituzioni e leggi. E se fosse diverso? Si potrà benissimo contrastare la nostra iniziativa ma andremo valutati per quel che siamo e per quel che faremo.

    • Nessuno può dire oggi se potrà nascere questo movimento, né come sarà domani la nostra Provincia... Da parte nostra non c’è alcuna presunzione. Sappiamo che le nostre proposte non saranno facilmente realizzabili, ciò nonostante proveremo a portarle avanti. Iniziamo a parlarne e a confrontarci. Pensiamo però che ogni giorno passato senza agire, senza reagire, nella rassegnazione e nell’ignavia sarà da considerare una sconfitta e un’umiliazione.

 

Grazie per l'attenzione.

 

Luca Vitali (semplice cittadino)

www.lucavitali.altervista.org


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 76.3%
NO
 23.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy