Domenica , 20 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Censura e social network. Che fa la Gran Bretagna, distrugge la storia per emulare l'Iran?
11 Agosto 2011
 

Circolano voci che negli ambienti governativi britannici, dopo i problemi di ordine pubblico scoppiati nel loro Paese, per impedire che i rivoltosi comunichino tra loro durante i disordini, sarebbe opportuno bloccare l'accesso ai social network, da BlackBerry Messenger a Twitter. Pare, infatti, che questi siano stati i principali strumenti di comunicazione tra chi prendeva parte alle violenze.

Ammesso che questa -per noi sciagurata- idea esista e vada in porto, non possiamo esimerci da una constatazione: la Gran Bretagna è sempre in prima fila nel condannare i regimi che essa reputa autoritari quando questi ultimi intervengono pesantemente a censurare simili mezzi di comunicazione, è così per la Cina e l'Iran, è stato così per tutti i Paesi del nord Africa che si sono rivoltati contro i loro regimi, è così oggi per la Siria. Tutti Paesi in cui la lotta e la transizione a sistemi di governo presumibilmente più umanitari e legalitari, oggi fa uso di Internet per coordinarsi e far sentire la propria voce.

La Gran Bretagna non ci sembra abbia una tradizione liberticida, soprattutto dopo la débàcle in India grazie al mahatma Gandhi, e nonostante le derive dell'ex-premier Tony Blair che aveva raccontato bugie pur di giustificare l'intervento armato in Iraq... e soprattutto, poi, all'interno della propria isola.

Cosa sta succedendo? Che fine ha fatto la libertà d'opinione, d'espressione e di comunicazione che secolarmente ha caratterizzato il mondo anglosassone? Cioè quella libertà che è tale in ogni circostanza e che, proprio per questo, rappresenta la forza di una comunità basata sulla libertà. Basta qualche migliaio di persone che manifesta con la violenza il proprio disagio a far cambiare rotta ad uno dei riferimenti giuridici mondiali in materia? È così debole il governo britannico da riuscire a domare la circoscritta violenza di questi giorni solo rinunciando alla propria identità? Dove sono finiti i mitici servizi segreti britannici e l'impeccabile aplomb del poliziotto inglese in grado di sedare qualunque testa calda? Sostituiti da facili scorciatoie che però fanno fare crack ad un riferimento mondiale a cui nessuno vorrebbe rinunciare? Ci auguriamo di no. Perché sarebbe solo l'inizio di un percorso che renderebbe la Gran Bretagna, e non solo, simile all'Iran.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Vincenzo Donvito. Censura/ Sequestro Labos Editrice. Provvedimento d'urgenza dieci anno dopo la pubblicazione?
  Vincenzo Donvito. Internet, libertà di espressione e censura: che confusione!
  Vincenzo Donvito. Silenzio e imbarazzo sulla tragedia dell'Italia nel rapporto di “Reporters sans frontières”
  Censura forum Aduc. Il Tribunale di Catania sentenzia in nome del popolo vaticano?
  Rosario Amico Roxas: Come il dittatore Berlusconi oscura Internet
  Censura Internet. Tribunale Firenze riapre forum Aduc su Fabio Oreste
  Incredibile, ma vero: Giudice sequestra giornale pubblicato sul Web dieci anni fa
  Vincenzo Donvito. Censura Internet. Il caso Oreste
  Agorà Digitale. Giovedì 21 luglio Calabrò convocato al Senato
  Censura Web. Aduc chiede aiuto: raccolta straordinaria fondi per causa 'Consumatori contro Fabio Oreste'
  Avaaz.org – Per la libertà di Internet, per l'informazione libera
  Internet e libertà di espressione. Aduc di nuovo in giudizio per i forum del proprio sito
  Vanna Mottarelli. Il fastidio dei “potenti” per le “pulci”. Appello al popolo della rete per la libertà di stampa
  Articolo 21, articolo 21!
  Agorà Digitale. 7 emendamenti per salvare il Web
  Censura su Internet. Altro che necessità di leggi speciali per il Web!
  Censura web. Forum su Fabio Oreste: Aduc di nuovo in Tribunale
  Walter Mendizza. Attacco alla democrazia
  Enea Sansi. Censura Internet. L'abnorme caso di Sondrio
  Censura Internet. Tribunale di Viterbo: no oscuramento forum Aduc
  Michelle Bonev. Hanno oscurato il mio blog
  Internet e censura. Vittoria Aduc al tribunale di Viterbo. Il prezzo della libertà di espressione
  Emmanuela Bertucci. Brutto e disonesto gay italiano di m... L'onore e il decoro ai tempi di Facebook
  Enea Sansi. Il Tribunale di Sondrio revoca l'ordinanza di sequestro del Gazetin
  Giovanna Corradini. Blog in Italia. È l'inizio della soluzione finale?
  Agcom: non censurare internet!
  Censura. Aduc ancora in tribunale per difendere la libertà di espressione
  Censura/Internet. Si pronuncia il Garante per la Privacy dando ragione ad Aduc
  Degli effetti pregiudizievoli
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy