Martedì , 18 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Censura e social network. Che fa la Gran Bretagna, distrugge la storia per emulare l'Iran?
11 Agosto 2011
 

Circolano voci che negli ambienti governativi britannici, dopo i problemi di ordine pubblico scoppiati nel loro Paese, per impedire che i rivoltosi comunichino tra loro durante i disordini, sarebbe opportuno bloccare l'accesso ai social network, da BlackBerry Messenger a Twitter. Pare, infatti, che questi siano stati i principali strumenti di comunicazione tra chi prendeva parte alle violenze.

Ammesso che questa -per noi sciagurata- idea esista e vada in porto, non possiamo esimerci da una constatazione: la Gran Bretagna è sempre in prima fila nel condannare i regimi che essa reputa autoritari quando questi ultimi intervengono pesantemente a censurare simili mezzi di comunicazione, è così per la Cina e l'Iran, è stato così per tutti i Paesi del nord Africa che si sono rivoltati contro i loro regimi, è così oggi per la Siria. Tutti Paesi in cui la lotta e la transizione a sistemi di governo presumibilmente più umanitari e legalitari, oggi fa uso di Internet per coordinarsi e far sentire la propria voce.

La Gran Bretagna non ci sembra abbia una tradizione liberticida, soprattutto dopo la débàcle in India grazie al mahatma Gandhi, e nonostante le derive dell'ex-premier Tony Blair che aveva raccontato bugie pur di giustificare l'intervento armato in Iraq... e soprattutto, poi, all'interno della propria isola.

Cosa sta succedendo? Che fine ha fatto la libertà d'opinione, d'espressione e di comunicazione che secolarmente ha caratterizzato il mondo anglosassone? Cioè quella libertà che è tale in ogni circostanza e che, proprio per questo, rappresenta la forza di una comunità basata sulla libertà. Basta qualche migliaio di persone che manifesta con la violenza il proprio disagio a far cambiare rotta ad uno dei riferimenti giuridici mondiali in materia? È così debole il governo britannico da riuscire a domare la circoscritta violenza di questi giorni solo rinunciando alla propria identità? Dove sono finiti i mitici servizi segreti britannici e l'impeccabile aplomb del poliziotto inglese in grado di sedare qualunque testa calda? Sostituiti da facili scorciatoie che però fanno fare crack ad un riferimento mondiale a cui nessuno vorrebbe rinunciare? Ci auguriamo di no. Perché sarebbe solo l'inizio di un percorso che renderebbe la Gran Bretagna, e non solo, simile all'Iran.

 

Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Vincenzo Donvito. Internet, libertà di espressione e censura: che confusione!
  Agorà Digitale. Giovedì 21 luglio Calabrò convocato al Senato
  Vincenzo Donvito. Censura/ Sequestro Labos Editrice. Provvedimento d'urgenza dieci anno dopo la pubblicazione?
  Internet e censura. Vittoria Aduc al tribunale di Viterbo. Il prezzo della libertà di espressione
  Incredibile, ma vero: Giudice sequestra giornale pubblicato sul Web dieci anni fa
  Giovanna Corradini. Blog in Italia. È l'inizio della soluzione finale?
  Rosario Amico Roxas: Come il dittatore Berlusconi oscura Internet
  Censura. Aduc ancora in tribunale per difendere la libertà di espressione
  Agcom: non censurare internet!
  Degli effetti pregiudizievoli
  Enea Sansi. Il Tribunale di Sondrio revoca l'ordinanza di sequestro del Gazetin
  Vincenzo Donvito. Censura Internet. Il caso Oreste
  Vanna Mottarelli. Il fastidio dei “potenti” per le “pulci”. Appello al popolo della rete per la libertà di stampa
  Censura forum Aduc. Il Tribunale di Catania sentenzia in nome del popolo vaticano?
  Enea Sansi. Censura Internet. L'abnorme caso di Sondrio
  Censura web. Forum su Fabio Oreste: Aduc di nuovo in Tribunale
  Agorà Digitale. 7 emendamenti per salvare il Web
  Walter Mendizza. Attacco alla democrazia
  Michelle Bonev. Hanno oscurato il mio blog
  Emmanuela Bertucci. Brutto e disonesto gay italiano di m... L'onore e il decoro ai tempi di Facebook
  Censura/Internet. Si pronuncia il Garante per la Privacy dando ragione ad Aduc
  Censura Internet. Tribunale Firenze riapre forum Aduc su Fabio Oreste
  Vincenzo Donvito. Silenzio e imbarazzo sulla tragedia dell'Italia nel rapporto di “Reporters sans frontières”
  Censura Internet. Tribunale di Viterbo: no oscuramento forum Aduc
  Articolo 21, articolo 21!
  Censura su Internet. Altro che necessità di leggi speciali per il Web!
  Censura Web. Aduc chiede aiuto: raccolta straordinaria fondi per causa 'Consumatori contro Fabio Oreste'
  Avaaz.org – Per la libertà di Internet, per l'informazione libera
  Internet e libertà di espressione. Aduc di nuovo in giudizio per i forum del proprio sito
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy