Martedì , 09 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Nicola Vacca. Il Governatore inascoltato della crescita
01 Giugno 2011
 

Mario Draghi ha fatto della crescita il punto fermo del suo mandato. In questi anni alla guida di Bankitalia, il governatore con grande indipendenza ha esortato a combattere il declino invitando la politica miope ad avviare seriamente una stagione di riforme per far uscire il Paese dalla sofferenza.

I suoi appelli mirati al contenimento della spesa pubblica, alla diminuzione delle aliquote su lavoro e imprese sono stati inascoltati.

Anche ieri nelle Considerazioni finali all’assemblea di Banca d’Italia, Draghi ha voluto congedarsi – visto che presto guiderà la Bce – rilanciando la sua sfida. Il governatore uscente ha ribadito l’importanza di “tornare alla crescita” e ancora una volta si è rivolto al mondo politico citando Cavour: «le riforme compiute a tempo, invece di indebolire l’autorità la rafforzano».

Draghi, parlando della necessità di avviare una politica economica che contenga le spese senza creare nuove imposte, ha avanzato una serie di proposte per crescere. L’efficienza della giustizia civile, il sistema dell’istruzione, la concorrenza, il mercato del lavoro e gli investimenti nelle infrastrutture.

Sono queste le priorità riformatrici alla quale deve guardare la politica, altrimenti sarà davvero difficile mettere un freno al declino che avanza e che fa dell’Italia un Paese in notevole ritardo.

Draghi ha ricordato che nel suo primo intervento da Governatore, nel marzo del 2006, pose l’accento sulla necessità di uscire dall’«economia insabbiata». Citando le «inutilità delle prediche» di Luigi Einaudi, il Governatore, constatando la scarsa produttività e la perdita progressiva di competitività, ha affermato che «poco da allora è stato fatto».

Gli interessi corporativi che in più modi opprimono il Paese non sono stati sconfitti.

L’auspicato ritorno alla crescita ha caratterizzato il mandato di Draghi. Purtroppo questo non c’è stato. Il suo appello è stato disatteso da una politica incapace di tradurre le analisi in leggi.

Quale paese lasceremo ai nostri figli? Si chiede preoccupato Mario Draghi a distanza di cinque anni, quando niente di tutto quello che ha proposto si è tradotto in realtà.

Le sue preoccupazioni sono anche le nostre. Evidentemente perché non sono le stesse della classe politica che invece della crescita ogni giorno scommette sulla conservazione dello status quo.

E alla politica italiana non piacciono i governatori di Bankitalia che in piena autonomia affermano che «la risposta alla crisi sta nelle politiche nazionali» e avanzano proposte concrete per salvare l’Italia, lavorando esclusivamente per il bene comune.

 

Nicola Vacca


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy