Venerdì , 05 Giugno 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Caterina Del Torto. In digiuno contro la guerra e il nucleare
(foto sky.it)
(foto sky.it) 
01 Aprile 2011
 

Domenica 27 marzo è iniziato il digiuno collettivo promosso dal Movimento Nonviolento, per opporsi alla guerra e al nucleare.

In molti hanno aderito. Una 48 ore di digiuno del cibo e della parola, che sta proseguendo a staffetta fino al primo aprile, grazie all'aggiunta di molti altri amici e amiche della nonviolenza. Un'iniziativa simbolica, ma concreta, per manifestare la nostra opposizione alla guerra agita, alla sua preparazione, e agli strumenti (eserciti e armi) che la rendono possibile. Un'azione per riflettere sulla necessità di rifiutare la violenza, per scegliere la strada della nonviolenza.

Questo è stato il mio primo digiuno. Ho raccolto molti pensieri, che mi piacerebbe condividere.

Mi ha fortemente colpito quest'azione, rinnovando una volta in più la convinzione dell'efficacia della nonviolenza. Me ne ha profondamente colpito l'incisività, su me stessa, e su chi mi era vicino. È stata un occasione preziosa per riflettere, con una consapevolezza diversa, più matura.

Un'assunzione di responsabilità davvero sentita; conseguenza, anche, del sacrificio e della disciplina richiesti. Non mangiare e non parlare per due giorni, costa fatica. Costa un lavoro su di sé. Porta inevitabilmente a richiamarsi spesso il perché lo si sta facendo, a scandagliare in profondità le motivazioni, assumendosi personalmente un impegno, e rendendolo manifesto.

È stata un occasione preziosa per confrontarsi con gli altri. Sono tante le persone incontrate durante questo mio digiuno. Le loro reazioni sono state le più disparate: dalla condivisione, alla derisione. Ma per tutti sono stati tre i passaggi significativi: spiazzamento, curiosità, approfondimento. Qui ho visto la forza dell'azione nonviolenta. Ho visto il seme della nonviolenza mettere radici. Certo non fermare la guerra, ma avviare un percorso di ricerca critica della verità, non scontato.

L'amica preoccupata che mi scrive spesso per sapere come sto. Si stupisce nel vedere quanto io sia attiva e lucida. Quanto fa bene la nonviolenza. Da domenica si connette ogni giorno al sito del Movimento Nonviolento, del quale sapeva solo vagamente l'esistenza, per avere aggiornamenti, e commentiamo le notizie dei telegiornali sulla Libia, su quanto accade a Lampedusa, a Fukushima. La pensiamo diversamente, ma prima non ci eravamo mai confrontate in maniera così aperta e costruttiva.

La vicina che mi “sgrida”, un po' offesa, perché non riceve il consueto buongiorno, ma solo un sorriso. Le do il volantino che spiega quello che sto facendo e perché. Mi parla abbassando la voce, porta via il foglio, vuole farlo vedere al figlio, e mi chiede un libro sui Corpi civili di pace. In due anni, nonostante le opportunità, non l'aveva mai fatto. Mi parla a bassa voce anche un altro amico, ma per scherzare. Trova inutile il digiuno. Abbiamo intrapreso una discussione, non verbale, per un paio d'ore, sulla nonviolenza, il pacifismo, il ruolo dell'Italia nell'intervento in Libia. Non penso l'avremmo fatto senza il digiuno.

Sono piccoli esempi, personali, ma credo significativi.

Una ragazza nei giorni precedenti mi ha chiesto se il digiuno della parola era “astensione dalla comunicazione”. Mi sembra evidente che la risposta sia no.

Tutt'altro. È esprimere un messaggio, che è arrivato forte e chiaro, per lo meno, per me, a chi mi è vicino, dall'amico, al famigliare, alla persona che mi è capitato di incrociare.

C'è poi la forza della dimensione collettiva di quest'azione. In molti in Italia hanno aderito, e stanno aderendo, per richiamare l'attenzione sulla necessità di prevenire la prossima guerra, contrastando eserciti e armi che la renderanno possibile, e lavorando per costruire gli strumenti utili per veri interventi umanitari di pace.

Il digiuno a staffetta continua. Chi desidera partecipare e proseguire questa azione nonviolenta, singolarmente o in gruppo, nei modi e nei tempi che vorrà, lo può comunicare a azionenonviolenta@sis.it

 

Caterina Del Torto

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 1° aprile 2011)


Articoli correlati

  Giannino. La fuga di Gheddafi
  Piero Cappelli. Gheddafi, la fine nefanda di una dittatura
  “Dora” Valle d'Aosta / The Women's War. Storie di donne in guerra e pace
  Movimento Nonviolento. Digiuno: un'azione nonviolenta per Libia e Giappone, militare e nucleare
  Commercio internazionale d'armi: dal nuovo Governo ci aspettiamo un aumento di trasparenza
  Rosa Manauzzi. “In caso di pericolo chiamare mammà”
  Marco Perduca. Il mandato di cattura di Gheddafi pone limiti a trattativa africana
  Valter Vecellio. Appunti. Libia, ma anche nucleare, rischio terremoti, antrace, mafia nel Nord, sondaggi...
  Giuliano Pontara. Il dolore segue l'errore
  Frattini riferisca al parlamento gli ordini “terribili” di Gheddafi
  Valter Vecellio. Che male ha fatto questo paese per avere simili (s)governanti?
  Bonino, Pannella, Valpiana. La nonviolenza di fronte all'uccisione di Gheddafi
  Davide Delaiti. L’(in)attesa sconfitta Islamica in Libia
  Enrico Peyretti. Guerra alla Libia
  Emma Bonino, Matteo Mecacci. Basta con gli allarmismi ingiustificati. Sospendere subito il trattato con la Libia
  Yoani Sánchez: “Cuba non conceda asilo politico a Gheddafi!”
  Marco del Ciello. La caduta di Tripoli, il futuro della Libia
  Gigi Fioravanti. Libia: la parola alle armi
  Gordiano Lupi. La censura nei media cubani
  Marco Lombardi. Emotivamente coinvolto, dico un NO razionale al nucleare (almeno in Italia)
  Mario Staderini. Nucleare, acqua...: la conoscenza è quel che serve davvero
  Valter Vecellio. Dopo Chianciano, una riflessione a margine
  Lidia Menapace. La questione nucleare
  Nucleare. L'Austria converte il proprio reattore in pannelli solari
  Emma Bonino. Nucleare: e ora chi paga?
  Francesco Pullia. Nucleare, una scelta totalitaria da contrastare
  Primo Mastrantoni. Nucleare e il ministro Prestigiacomo. Quando il silenzio è d'oro
  Giovani democratici Sondrio. Spot del Forum Nucleare: siamo sicuri sia obiettivo?
  Referendum, campagna già fuorilegge
  Adriano Celentano. Referendum: “Questo voto è l’unico mezzo per sopravvivere, fidatevi”
  La mostra Senzatomica approda a Sondrio
  Maria G. Di Rienzo. Un brutto film
  Primo Mastrantoni. Nucleare. Il Governo approva i criteri ma non individua i siti
  Roberto Malini. Nucleare: il mondo è in grave pericolo
  Alfonso Navarra. Buon 2015 antinucleare guardando a New York
  Michele Boato. Nucleare fuorilegge
  Disarmisti esigenti: Via le armi atomiche dall’Italia!
  Disarmisti esigenti. L'era atomica sta per finire
  Carlotta Caldonazzo. Un accordo sul nucleare: necessità non necessaria
  Bruna Spagnuolo: La fabbrica del sogno-speranza
  Nucleare. Berlusconi passi dal decisionismo alla decisione. Si ricordi di Scanzano Jonico
  Conviene, o risolve, tornare al nucleare?
  Primo Mastrantoni. Nucleare. Auto giapponesi radioattive. Questa energia non conviene mai
  Maria G. Di Rienzo. L'ultimo messaggio di Miki
  Gino Songini. Il rischio nucleare
  Valter Vecellio. Nucleare. Discutiamone
  Valter Vecellio. Carcere, nucleare, morti sul lavoro, terremoto in Abruzzo, dissenso in Cina... nessuna notizia
  Oggi come ieri... Nucleare no grazie!
  Referendum 12-13 giugno. E se concretizzassimo una bella sorpresa?
  MAUS. Il nocciolo (da Notizie Radicali, 19/03/2011)
  Gino Songini. Il cavallo non domato (o indomabile?) dell'energia nucleare
  Bruna Spagnuolo: Misteri dolorosi del rosario in giorni concessi al genere umano
  Energia. Le centrali nucleari non servono
  “Per il bene comune”. Non abbiamo bisogno del nucleare
  Damiano Mazzotti. Nuove energie naturali e ricerca scientifica europea
  Elisabetta Zamparutti. Il nucleare francese è un fallimento
  Greenpeace Italia. Referendum nucleare: Maroni, fai risparmiare all’Italia 400 milioni di euro
  Ministro Salute e sicurezza nucleare. Quando il silenzio sarebbe d'oro...
  No alla guerra, No al nucleare: il fumetto di un “figlio di Nagasaki”
  Primo Mastrantoni. Nucleare: Fukushima e il Plutonio del quale non s'è parlato
  Primo Mastrantoni. Nucleare? Al consumatore non conviene
  Michele Boato. Nucleare? Un costosissimo vicolo cieco
  Alfonso Navarra. Vienna: grande pressione per il bando delle armi nucleari
  Alfonso Navarra. A Vienna passi avanti verso il disarmo nucleare?
  Bruno Mellano. Nucleare: “Berlusconi preannuncia l'uso dell'esercito ed anticipa venti di burrasca”
  Bruna Spagnuolo: L’insensatezza delle centrali di terza generazione
  Vincenzo Donvito. No tombale al nucleare? No...
  Mao Valpiana e Alberto Tomiolo. Un impegno nonviolento antinucleare e antimilitarista
  Seminario Antinucleare in Valle Susa con Radio Radicale
  Nucleare. Dopo 20 anni sarà smantellata la centrale di Trino
  Elisabetta Zamparutti. Nucleare. L'Italia sempre fuori tempo
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.6%
NO
 25.4%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy