Domenica , 07 Agosto 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sondrio. Crisi in Provincia: un 'déjà vu' distante dai problemi della gente 
Nota politica a cura della Federazione della Sinistra della provincia di Sondrio
Massimo Libera (foto L. Gianatti)
Massimo Libera (foto L. Gianatti) 
31 Gennaio 2011
 

La crisi della maggioranza di destra in Provincia, esplosa a seguito del voto di sfiducia al Presidente del Consiglio provinciale Patrizio Del Nero, ripropone lo scenario già visto nei giorni immediatamente successivi al voto amministrativo quando per le contraddizioni tra Lega e PDL l’avvio del dopo-Provera fu particolarmente tormentato. La quadratura del cerchio fu poi raggiunta, ma la storia della nuova amministrazione Sertori è punteggiata di altri contrasti, che hanno inciso in modo negativo sulla capacità della nuova Giunta di produrre una iniziativa all’altezza delle emergenze della provincia. Quello tra Lega e PDL è un conflitto per così dire endemico e, quindi, non stupisce più di tanto se esso sia oggi riesploso. Il nocciolo del contendere, così come l’hanno raccontato sui giornali gli stessi protagonisti, riguarda le modalità con cui viene gestito il potere e le forme con cui ciascuno dei contraenti del patto di governo della provincia concorre alla formazione delle scelte amministrative e partecipa ai dividendi elettorali dell’azione di governo. Per il PDL l’obiettivo è quello di ridimensionare il monopolio mediatico di Sertori, e per suo tramite della Lega, rivendicando per sé un ruolo che sia almeno quello del comprimario. Con un’abile gestione mediatica Sertori si è infatti accreditato presso l’opinione pubblica come il politico del fare, millantando risultati “storici”, come l’aver “portato a casa le dighe”. Questo uso propagandistico del ruolo istituzionale consente alla Lega di parare i contraccolpi nel suo elettorato di un federalismo sempre meno presentabile e, nello stesso tempo, di insidiare il bacino elettorale della destra berlusconiana. Questa è la vera ratio della crisi che si è aperta ed è la chiave per capire il suo decorso: occorre accontentare gli appetiti di chi, per usare le parole di Patrizio del Nero, vive con difficoltà il ruolo del “portatore d’acqua”. Siamo in presenza di un déjà vu ed è facilmente prevedibile che dopo una fase più o meno lunga di decantazione si riuscirà a trovare una sintesi tra i due litiganti con quella soluzione alla “tarallucci e vino”, che Del Nero dice di voler rifuggire.

 

La crisi non nasce dunque da un nobile confronto politico nel quale si fronteggiano letture della realtà provinciale e ipotesi politiche diverse, ma da una volgare contesa di potere tutta interna alla casta. Mentre a Palazzo Muzio ci si scanna, Valtellina e Valchiavenna sono attraversate da una crisi pesante: la situazione economica con 2.000 posti di lavoro persi è grave, la disoccupazione giovanile e intellettuale è in aumento, il lavoro precario si diffonde, il disagio sociale cresce, le prestazioni del sistema pubblico a seguito dei tagli ai trasferimenti statali si contraggono, le infrastrutture viarie e ferroviarie sono in una condizione disastrosa, la privatizzazione dell’acqua pubblica avviata con l’operazione SECAM sarà pagata dai cittadini, il rapporto con le società idroelettriche è ancora tutto da definire, i temi ambientali premono. Rispetto alla concretezza di questi problemi, la contesa in corso a palazzo Muzio è lontana anni luce dai bisogni della gente.

 

Al di là degli accomodamenti che verranno escogitati per risolvere le contraddizioni tra i fratelli-coltelli di Lega e PDL, il problema è quello di trovare le forme attraverso le quali costringere il ceto politico ad occuparsi dei veri problemi. La costruzione di un ampio movimento di opposizione al sistema di potere è la scommessa che questa crisi consegna alle forze della sinistra. Spetta a loro saper prospettare un percorso politico che sia alternativo all’azione scialba e subalterna ai poteri forti fin qui dimostrata dal duopolio Lega-PDL.

 

Federazione della Sinistra Sondrio


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 64.7%
NO
 35.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy