Giovedì , 20 Febbraio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. Sulla scritta di Grosio
12 Ottobre 2010
 

Le vergognose minacce indirizzate a Giuseppe Rinaldi, Presidente provinciale dell’Anpi, e a Giuseppe Cecini, entrambi valorosi partigiani, sospettati di aver imbrattato con la scritta: “Vergogna!” una frase di Mussolini, incautamente o furbescamente ripristinata dalla decorsa amministrazione comunale di Grosio (So) dopo la sua cancellazione avvenuta il 25 luglio ’43, fanno riflettere sul particolare momento storico che stiamo attraversando, caratterizzato da colpevole ignoranza o, peggio ancora, da rigurgiti di fascismo.

Mi pare corretto ricordare i fatti, dei quali sono testimone. Il 25 luglio’43 il Gran Consiglio del fascio, allo scopo di discutere dell’andamento di una guerra stolta e comunque già persa, vota a grande maggioranza (19 voti contro 7) l’ordine del giorno Grandi col quale si restituisce al re il comando supremo delle forze armate. L’unica decisione votata, presa da fascisti, pone fine al mussolinismo. Gli italiani, ebbri di felicità, si riversano sulle strade e sulle piazze, abbattendo le insegne del fascismo e del Duce. Succede anche a Grosio, con la cancellazione, a furor di popolo, del motto di Mussolini apposto su di una parete del Municipio. Consiste in una delle tante manifestazioni di bolsa retorica fascista e populismo. Non ha alcun valore storico. Me ne ricordo altre, tutte clamorosamente smentite dai fatti. Eccone alcune: “La parola d’ordine è una sola: Vincere!” “Spezzeremo le reni alla Grecia”. “Se avanzo seguitemi, se indietreggio, uccidetemi!” Quest’ultimo slogan crolla miseramente prima della sua cattura a Dongo, quando Mussolini dimostra tutta la sua viltà, abbandonando i “suoi” camerati e rifugiandosi, travestito da tedesco, in un camion di tedeschi.

La storia deve esaltare chi lo merita; e ricordare i fatti perché facciano meditare. Ebbene, fin dalle origini, il fascismo è stato un movimento antidemocratico che ha umiliato i cittadini e prodotto tanti morti e tanto dolore. Merita invece di essere rammentata, perché onora i cittadini di Grosio, la cancellazione della scritta del 25 luglio, che è l’espressione di una volontà popolare finalmente libera dal giogo del totalitarismo.

La decisione di ripristinare quella scritta, anche se astutamente depurata del riferimento all’Era Fascista, forse per evitare d’incorrere nell’eventuale reato di apologia del fascismo, rappresenta per tutti i democratici, non solo di Grosio, un’offesa profonda nei confronti di chi ha combattuto per restituirci l’onore e la dignità calpestati per vent’anni. E la Libertà.

Con tutto il clamore suscitato dalla vicenda, mi sarei atteso, sulla stampa locale, il ricordo della battaglia di Grosio. Ma, a quanto mi risulta, nessuno ne ha scritto. Eppure è fondamentale per capire. Ebbene, il 18 aprile ’45 a Grosio si combatte la battaglia decisiva non solo per le sorti del conflitto in Valtellina, ma forse in tutta Italia. Sono giunti dalla Germania all’incirca un migliaio di miliciens francesi in appoggio alle forze nazifasciste. Superato Grosotto stanno risalendo verso nord per rafforzare i presidi nazifascisti di Grosio e creare il famoso “ridotto alpino della Valtellina” quando, all’altezza della centrale dell’AEM, vengono attaccati dai patrioti. Lo scontro, duro ed aspro, continua per tutta la giornata. I fascisti francesi, vedono esplodere i loro due grossi automezzi carichi di armi e munizioni e viveri e lasciano sul terreno diversi uomini. Solo alcuni riescono a ricongiungersi con i camerati di Grosio. Nell’occasione, perdono la vita due coraggiosi comandanti partigiani, Guglielmo Pini e Emilio Valmadre. A combatterla ci sono anche Giuseppe Rinaldi e Giuseppe Cecini. Con quella vittoria, cade l’ipotesi del ridotto alpino. Mussolini, a questo punto, decide di tentare la fuga isolata verso la Svizzera ma, controllato dai pochi fascisti che non si “perdono” per strada e dalla colonna dei tedeschi, finisce in bocca ai partigiani di Musso, si rifugia vilmente in un camion tedesco, travestito da soldato tedesco, ma viene scoperto a Dongo. Rinaldi e Cecini, dieci giorni dopo, prendono parte all’ultima battaglia, quella di Tirano del 27-28 aprile, vinta dai patrioti e che segna la fine dell’oppressione nazifascista in Valtellina.

Tutti i cittadini di Grosio dovrebbero inchinarsi di fronte a chi, portandosi dentro forti valori, ha rischiato la vita per Grosio, per la Patria e per la Libertà. Valori di democrazia, di eguaglianza, di pace e di libertà recepiti dalla Carta Costituzionale, frutto delle lotte di Liberazione. Valori che oggi, grazie anche a Rinaldi e Cecini, appartengono a tutti, anche a coloro che, non avendo capito nulla dalla storia, si permettono prima di irridere e poi di minacciare due validi partigiani. A Giuseppe Rinaldi e a Giuseppe Cecini, va il nostro totale apprezzamento e la nostra completa solidarietà.

 

Sergio Caivano

Consigliere nazionale Anpi

sergio01@email.it


Articoli correlati

  Sergio Caivano. “Ribelli in Val Grosina” di Giuseppe Rinaldi
  Sergio Caivano. Discorso del 25 aprile 2011 a Tirano
  Sergio Caivano. Ideale Cannella
  Sergio Caivano. La battaglia di Mello (1° ottobre 1944)
  Annagloria Del Piano. 25 Aprile: Festa della Liberazione
  Bianca Ceresara Declich. S. Anna di Stazzema. L’ECCIDIO
  Sergio Caivano. La battaglia di Buglio in Monte (16 giugno 1944)
  Sergio Caivano. L’ANPI rende onore a Giorgio Bocca
  Sergio Caivano. L'ANPI contro la violenza, contro il fascismo, per la democrazia
  Resistenza e liberazione in Valtellina e Valchiavenna
  Attualità del Partigiano
  Biblioteca civica “Ezio Vanoni” di Morbegno. Incontri di inizio estate
  Sergio Caivano. Le lettere dei partigiani italiani
  Sergio Caivano. Resistenza e Liberazione nelle nostre Valli
  Sergio Caivano. Traccia per il discorso del 25 aprile 2013 a Sondrio
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.0%
NO
 25.0%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy