Sabato , 04 Luglio 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sarah Menkedick. Pallottole di vernice
03 Luglio 2010
 

I poliziotti in Cecenia sparano vernice addosso alle donne dalla testa scoperta; i poliziotti viaggiano in auto con le finestre oscurate e sparano alle donne sul collo o direttamente in faccia mentre queste ultime camminano per strada.

A seguito delle prime aggressioni avvenute la scorsa settimana, nella città cecena di Gudermes sono apparsi i volantini dei “cecchini” che mettono in guardia le donne: se non si decidono a coprirsi, gli sparatori di vernice saranno costretti ad assumere «misure più aspre». Sui volantini si legge anche: «Non è fastidioso, per te, mentre sei vestita in modo provocante, con la testa scoperta, dover ascoltare vari osceni 'complimenti' e proposte? Rifletti!»

Questo sviluppo oltraggioso e degradante - sparare alle donne con la vernice?! - è uno dei risultati del patto a sangue freddo stipulato dalla Russia con il leader ceceno Ramzan Kadyrov, un ex ribelle mutatosi in lealista del Cremlino.

Nel tentativo di mantenere il controllo sulla Cecenia e di schiacciare ogni sollevazione separatista, la Russia ha praticamente concesso a Kadyrov di governare la repubblica cecena secondo la sua personale visione della legge islamica.

La Russia ha chiuso un occhio mentre Kadyrov arruola migliaia di uomini in una milizia personale che deve far rispettare i bandi sugli alcolici e il fazzoletto da testa obbligatorio per le donne. Il metodo usato con le donne è particolarmente abietto, violento ed umiliante, una forma di terrorismo per forzare le donne alla soggezione.

L'attivista per i diritti umani Lyudmila Alexeyeva ha dichiarato all'agenzia di stampa Reuters che: «queste palle di vernice sono ovviamente una pensata di Kadyrov per rafforzare e stringere la sua presa su questa piccola repubblica».

Sparare vernice in faccia alle donne che camminano per strada e filmare il tutto con i cellulari è dunque, visibilmente, l'idea di quest'uomo su come consolidare il proprio potere.

Si tratta di un segnale allarmante della crescente oppressione delle donne cecene, un segnale di cui la comunità internazionale deve parlare immediatamente, sanzionando sia Kadyrov sia il governo moscovita per questa violenta violazione dei diritti e della dignità delle donne.

 

Sarah Menkedick

Traduzione di Maria G. Di Rienzo

(da Telegrammi della nonviolenza in cammino, 3 luglio 2010)

 

 

Sarah Menkedick è una giornalista indipendente e scrittrice. L'articolo è apparso su Change il 25 giugno 2010.


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.7%
NO
 25.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy