Giovedì , 29 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Rachel Donadio. Un governo ossessionato dalle intercettazioni
10 Giugno 2010
 

Il provvedimento che mira a limitare il controllo delle conversazioni telefoniche è considerato l’ennesima legge ad personam di Silvio Berlusconi. È quanto scrive Rachel Donadio sul New York Times.

 

 

In Italia non sei nessuno se non t’intercettano. Sono state intercettate le telefonate di veline e mafiosi, politici e presunte massaggiatrici, e perfino quelle di un corista del Vaticano che procurava incontri omosessuali a un alto funzionario pubblico.

Anche il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi è spesso protagonista di intercettazioni che arrivano ai giornali con preoccupante regolarità. Nel 2007 è stato sorpreso al telefono con un dirigente della RAI mentre dava dello “stronzo” a un politico del centrodestra e raccomandava un’attrice.

Evidentemente Berlusconi non è contento. Per arginare imbarazzanti fughe di notizie il governo ha promosso un disegno di legge che limita decisamente la possibilità dei magistrati di disporre le intercettazioni e quella dei giornalisti di diffonderne i risultati.

C’è, però, chi teme che questa legge, oltre a tenere i politici lontani dalle pagine della stampa scandalistica, permetterà ai mafiosi di rimanere fuori di prigione. Secondo i procuratori antimafia e antiterrorismo, le nuove disposizioni ostacoleranno le indagini. E secondo i giornalisti sarà la fine della libertà di stampa, visto che il testo di legge prevede sanzioni molto severe per chi diffonde materiale intercettato. «Il problema esiste ma, a mio avviso, la soluzione è sbagliata», dichiara il politologo Roberto D’Alimonte. «Ottenere intercettazioni ora è troppo facile, ma con la nuova legge diventerà troppo difficile».

Molti riconoscono la necessità di controllare la fuga di notizie ma, allo stesso tempo, considerano questa legge come l’ennesima legge ad personam di Berlusconi. Il disegno di legge languiva in Parlamento da un anno e il governo ha intensificato gli sfori per approvarlo prima di quello sulla corruzione, un reato contro il quale le intercettazioni si sono dimostrate determinanti. Inoltre le intercettazioni sono al centro di un’inchiesta in corso sull’assegnazione irregolare di appalti pubblici che ha già fatto cadere un ministro, ha screditato il capo della protezione civile Guido Bertolaso, e sembra destinata ad allargarsi.

 

Secondo il ministero della giustizia, nel 2009 sono stati sorvegliati più di 112mila telefoni e 13mila luoghi, un record in Europa. «Le intercettazioni sono diventate lo strumento più importante contro molti reati: corruzione, mafia, terrorismo, crimini economici», sostiene il procuratore di Milano Armando Spataro.

Anche se la cultura italiana delle intercettazioni facili e veloci non potrebbe mai funzionare negli Stati Uniti – dove, prima di sorvegliare un telefono, i procuratori devono dimostrare di avere prove sufficienti del fatto che è stato commesso un reato – il sistema italiano ha alcuni importanti sostenitori a Washington. Il sottosegretario alla Giustizia statunitense Larry Breuer si è detto preoccupato per l’impatto della legge sulle indagini di mafia e terrorismo svolte in collaborazione tra le autorità americane e italiane.

 

Secondo il testo di legge, le intercettazioni devono essere approvate da tre giudici e possono durare 75 giorni. Serviranno autorizzazioni speciali per intercettare i telefoni dei parlamentari e dei preti. Spataro sostiene che limitare le intercettazioni a 75 giorni è “illogico” ma riconosce che si è abusato dell’attuale sistema. «Penso che sia stata fatta troppa pubblicità a cose che non erano importanti per le indagini», dice. In effetti, grazie alle intercettazioni negli ultimi mesi gli italiani sono venuti a sapere di Monica, la massaggiatrice di Bertolaso (che si è paragonato a Bill Clinton, affermando che entrambi hanno avuto problemi con una Monica). I critici del provvedimento ribattono che le violazioni della privacy sono già vietare e punite dalla legge. Anche se ammettono che viene applicata raramente.

 

Rachel Donadio

(The New York Times, 30 maggio 2010)


Articoli correlati

  Emma Bonino. DDL intercettazioni, provvedimento che nega e calpesta i diritti costituzionali
  Carmelo Palma. Non si stoppano i 'processi mediatici' abolendo la cronaca giudiziaria
  In libero stato! Al Teatro Vittoria di Roma lunedì sera
  Intercettazioni. Disegno di legge contrario a dettami Corte Strasburgo e Corte Costituzionale. Presentata pregiudiziale
  Intercettazioni: inaccettabile il privilegio concesso ai membri del clero
  Gino Songini. Libertà di stampa. Ancora
  Domenico Murrone. Intercettazioni telefoniche e telemarketing selvaggio
  Giuseppe Giulietti. Fini, farefuturo o farebavaglio?
  Contro la legge bavaglio (Janù per Gazetin luglio 2010)
  Valter Vecellio. Intercettazioni telefoniche e ambientali. Qualche piccola riflessione a margine
  Radio radicale. Salviamo la messa in onda dei processi
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy