Lunedì , 18 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Maurizio Turco. Manovra: La Russa non deve tirare la corda, rischierebbe di fare male al paese  
A cosa servono nuovi aeri da guerra e sistemi controcarro visto che l'Italia partecipa solo a missioni di pace?
25 Maggio 2010
 

Se il ministro della Difesa Ignazio La Russa è d'accordo con i tagli al suo ministero stia ben attento a dove deciderà di mettere le sue forbici, rischierebbe di fare male al Paese. Spero vivamente che non gli venga in mente di tagliare sulle spese destinate al personale o di bloccare le procedure per il rinnovo dei contratti già scaduti. A nostro avviso potrebbero essere recuperate importanti risorse se si decidesse di eliminare tutte quelle inutili spese per festeggiamenti, regalie, prebende, o inutili iniziative come le ronde o la mini-naja, che ogni anno incidono notevolmente sui bilanci della difesa. Per la Difesa la legge finanziaria del 2010 ha stanziato ben 20.364,4 milioni di euro, una cifra pari all’1,301 per cento del PIL. I tagli dovrebbero corrispondere a circa il 10 per cento, e cioè 2036 milioni di euro.

 

Riteniamo che questa economia sia realizzabile per esempio riducendo del 50 per cento i programmi di acquisizione di armamenti, che per un paese che come il nostro partecipa solo a missioni di pace, rappresentano sicuramente un inutile spreco. Possiamo fare alcuni esempi di spese militari inutili, basta pensare ai programmi di acquisizione di sistemi controcarro di terza generazione con munizionamento, in sostituzione dei missili TOW e MILAN. (Durata: 6 anni, dal 2009. Costo: € 121 milioni), oppure l’acquisizione di 131 velivoli JSF e realizzazione in Italia, presso la base dell’Aeronautica militare di Cameri, di una linea di assemblaggio finale e verifica dei velivoli, trasformabile successivamente in un centro di manutenzione e riparazione dei velivoli. (Durata: 18 anni, dal 2009. Costo: € 12,9 miliardi), ed ancora il programma di acquisizione di velivoli ART per il pattugliamento marittimo e ricognizione aerea a lungo raggio, in sostituzione dei velivoli “Atlantic” (Durata: 7 anni, dal 2008. Costo: €360 milioni), acquisizione di 12 elicotteri (EPAM - Elicottero Pesante per l´Aeronautica Militare) più 3 in opzione, nel ruolo CSAR (Ricerca e Soccorso anche in aree sotto minaccia) e di supporto alle operazioni speciali, in sostituzione degli elicotteri HH3F (Durata: 7 anni, dal 2008. Costo: € 630 milioni).

 

In fin dei conti all’Italia non servono nuovi aeri da guerra e sistemi controcarro visto che partecipa solo a missioni di pace. Oppure no? Se La Russa poi pensa di poter decidere da solo dove e come tagliare, è evidente che ha un concetto della democrazia molto vago. In un periodo dove la repressione dei diritti è pressoché costante, non credo che il personale militare sarà disponibile ad accettare tagli indiscriminati. Purtroppo, vista la totale mancanza di una tutela sindacale per i militari sono convinto che anche questa volta il personale ne subirà le conseguenze più pesanti.

 

Maurizio Turco

(da Notizie radicali, 25 maggio 2010)


Articoli correlati

  Marina Pensa. Invito alla manifestazione “Per una manovra più giusta”
  Manovra economica. Diffondere e promuovere il diritto al parto naturale e senza dolore
  Joshua Held. I programmi e le promesse del Governo (www.aduc.it, 17/12/2010)
  Vincenzo Donvito. Pedaggi autostrade e raccordi: altro che diminuzione delle tasse!...
  Berlusconi, la manovra e le province. Se non ora, quando?
  Manovra economica. Blocco turn over, ma non concorsi e consulenze esterne
  Assegno invalidità. Bene abrogazione innalzamento percentuale
  Manovra economica. Pra ente superato, inutile e oneroso. Emendamento per abolirlo
  Marco Zacchera. Tre note (stonate) in finanziaria
  Province da abolire. Nel governo abbondano i... don Abbondio
  Davide Dodesini. Facciamo uno sforzo unitario
  Tasse, Province e un “sensuale” Berlusconi
  Province. Bossi: se toccano Bergamo scoppia la guerra civile
  Manovra economica. Istituire fondo di garanzia giovani svantaggiati
  Alberto Frizziero. La questione Province: Muoiono o no?
  Poretti e Perduca. Ponte sullo Stretto: appalti regolari?
  Legalizzare la prostituzione. Lo scandalo non sta nel tassarle, ma nel lasciarle in mezzo alla strada!
  Tremonti e le tasse. Come mettere le mani nelle tasche degli italiani
  Asili nido. Manovra economica tenga conto delle indicazioni della Strategia Lisbona
  L'abolizione delle Province (Joshua Held, www.aduc.it)
  Mario Staderini. Stipendi parlamentari: la vera truffa è il finanziamento dei partiti
  Aumentano i pedaggi stradali (Joshua Held, www.aduc.it)
  CGD. Mozione del Liceo “Ettore Majorana” di Rho
  Marco Lombardi. La crisi economica e le onerose scelte di responsabilità
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy