Domenica , 27 Settembre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Carmelo Palma. Non si stoppano i 'processi mediatici' abolendo la cronaca giudiziaria
21 Maggio 2010
 

Il cosiddetto “ddl intercettazioni” – che era, in teoria, partito dall’esigenza di regolamentare in maniera più stringente le intercettazioni disposte dall’autorità giudiziaria e il loro utilizzo da parte della stampa – si è gonfiato in modo abnorme fino a comprendere materie che con le intercettazioni non c’entrano punto, ma coinvolgono pesantemente e in modo tutt’altro che “neutrale” l’esercizio di diritti fondamentali, non solo connessi alla professione giornalistica, sbrigativamente sacrificati in nome della “privacy”.

Se il problema era impedire la pubblicazione di intercettazioni puramente “private” e non rilevanti ai fini del diritto di cronaca, non si capisce perché si sia giunti a negare la “notiziabilità” delle inchieste giudiziarie fino al termine dell’udienza preliminare e all’ampliamento di fatto del segreto istruttorio, oltre i termini per cui esso è previsto, a salvaguardia dei diritti dell’indagato. È vero che la spettacolarizzazione della giustizia e il suo sdoppiamento mediatico (con i processi replicati in tv, mentre si celebrano nelle aule dei tribunali) droga l’informazione e corrompe la giustizia, consolidando l’idea che la verità giudiziaria sia la “stessa cosa” di quella storica e giornalistica. Ma la risposta non può essere quella di commissariare l’informazione e di zittire la cronaca giudiziaria per impedire i “processi mediatici”.

Non è solo questione di misura, ma proprio di logica. Una cosa è volere impedire che, tra i plastici di Porta a Porta o nei docu-fiction del “giornalismo antagonista”, i portavoce dell’accusa e della difesa o gli avatar mediatici degli imputati e dei testimoni “recitino” in Tv i processi da Corte d’Assise. Altra cosa – tutt’altra cosa – è vietare la diffusione delle notizie sugli insperati regali ricevuti da un Ministro famoso o quelle sulla morte “accidentale” di un detenuto qualsiasi (uno come Cucchi, per dire). Tra le due cose non c’è nessuna relazione logica e politicamente difendibile.

Il legislatore si è fatto un po’ frettolosamente prendere la mano. Anche nel prevedere che, di fronte a violazioni del segreto istruttorio, l’illegale diffusione delle notizie renda illegali le notizie stesse, con il risultato prevedibile di incentivarne la circolazione illegale, il riciclaggio e l’uso ricattatorio. Insomma, su questo dossier, malgrado le troppe decisioni “definitive”, c’è ancora molto da riflettere. E c’è ancora tempo e modo – mi pare – per fare gli opportuni passi avanti e i necessari passi indietro.

 

Carmelo Palma

(da libertiamo.it, 21 maggio 2010)


Articoli correlati

  Radio radicale. Salviamo la messa in onda dei processi
  In libero stato! Al Teatro Vittoria di Roma lunedì sera
  Rachel Donadio. Un governo ossessionato dalle intercettazioni
  Gino Songini. Libertà di stampa. Ancora
  Intercettazioni. Disegno di legge contrario a dettami Corte Strasburgo e Corte Costituzionale. Presentata pregiudiziale
  Domenico Murrone. Intercettazioni telefoniche e telemarketing selvaggio
  Emma Bonino. DDL intercettazioni, provvedimento che nega e calpesta i diritti costituzionali
  Giuseppe Giulietti. Fini, farefuturo o farebavaglio?
  Contro la legge bavaglio (Janù per Gazetin luglio 2010)
  Intercettazioni: inaccettabile il privilegio concesso ai membri del clero
  Valter Vecellio. Intercettazioni telefoniche e ambientali. Qualche piccola riflessione a margine
  Vincenzo Donvito. Silenzio e imbarazzo sulla tragedia dell'Italia nel rapporto di “Reporters sans frontières”
  Il Governo ripensi la scelta di abolire le tariffe postali agevolate per l’editoria
  Patrizia Garofalo. “Sono sempre più sconcertata”
  Articolo 21, articolo 21!
  Mao Valpiana. Minaccia di morte per “Azione Nonviolenta”
  Articolo21. Editoria. Bonaiuti convochi tutte le parti sociali e politiche
  Enea Sansi. Censura Internet. L'abnorme caso di Sondrio
  “Giornalismo minacciato”. Se ne parla ad Urbino il 16/17 aprile
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy