Mercoledì , 20 Gennaio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
È scomparso il poeta Edoardo Sanguineti 
Nuovo lutto nel mondo della cultura
Edoardo Sanguineti (foto Angelo Baj)
Edoardo Sanguineti (foto Angelo Baj) 
18 Maggio 2010
 

«La poesia non è una cosa morta, ma vive una vita clandestina». Questo, in sintesi, il pensiero di Edoardo Sanguineti.

 

 

«In cinquant'anni molte cose sono profondamente cambiate, la poesia è cambiata, ma non è cambiato il compito dei poeti, quello di disegnare il profilo ideologico di un'epoca». Anche questo ha detto Edoardo Sanguineti, il poeta dell'avanguardia che è si è spento oggi a 79 anni a Genova, sua città natale. Sanguineti era esponente di punta del Gruppo '63, autore teatrale, saggista, critico letterario e studioso di Dante. Docente di letteratura italiana all'Università, fu consigliere comunale poi deputato come indipendente nelle liste del Partito Comunista. Giovedì era atteso a Palazzo Ducale per inaugurare il Festival del pensiero comico. «Nel mercato planetario» è scritto nel suo ultimo intervento pubblico «far ridere è arma di potere. È meglio scrivere di riso che di lacrime, perché ridere è ciò che è proprio dell'uomo».

Lascia un grande vuoto nel mondo della cultura, ma come ogni poeta ci lascia l’immortalità delle sue opere.

Per ricordare il poeta, riproponiamo un suo componimento. (Paola Mara De Maestri)

 

 

nella mia vita ho già visto le giacche, i coleotteri, un inferno stravolto

[da un Doré,

il colera, i colori, il mare, i marmi: e una piazza di Oslo, e il Grand Hôtel

des Palmes, le buste, i busti:

ho già visto il settemmezzo, gli anagrammi, gli ettogrammi,

i panettoni, i corsari, i casini, i monumenti a Mazzini, i pulcini, i bambini,

Ridolini:

ho già visto i fucilati del 3 maggio (ma riprodotti appena in bianco

e nero), i torturati di giugno, i massacrati di settembre, gli impiccati di marzo,

di dicembre: e il sesso di mia madre e di mio padre: e il vuoto, e il vero,

[e il verme

inerme, e le terme:

ho già visto il neutrino, il neutrone, con il fotone, con l’elettrone

(in rappresentanza grafica, schematica): con il pentamerone, con l’esamerone:

[e il sole,

e il sale, e il cancro, e Patty Pravo: e Venere, e la cenere: con il mascarpone (o

mascherpone), con il mascherone, con il mezzocannone:

[e il mascarpio (lat.) a manus-carpere:

ma adesso che ti ho visto, vita mia, spegnimi gli occhi con due dita

[e basta.

 

Edoardo Sanguineti


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.9%
NO
 25.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy