Mercoledì , 19 Giugno 2019
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Diario di bordo
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vincenzo Donvito. Pompieri al Senato per leggi già annacquate 
Class Action risarcitoria e quella nei confronti della pubblica amministrazione
03 Febbraio 2010
   

Nella discussione sul decreto 'milleproroghe' in corso al Senato è stata avanzata la proposta di introduzione di un regime speciale per le imprese che gestiscono servizi di pubblica utilità, escludendole dalla class action contro le imprese e sottoponendole solo all'azione collettiva del decreto Brunetta contro la Pubblica Amministrazione. Nel primo caso si tratterebbe di una class action che prevede il risarcimento del danno. Nel secondo (comunque non ancora attivata) si prevede solo il ripristino del servizio non funzionante.

Crediamo proprio che ne vederemo delle belle. E siamo solo all'inizio.

La class action contro le imprese, quella risarcitoria, è appena partita e ancora non ci sono cause avviate e i dubbi sono talmente tanti grazie alla vaghezza della legge che si corre il pericolo di fare un bagno di denaro e tempo per non concludere nulla: con l'unico risultato di lasciare il consumatore in balia dei grandi gruppi aziendali truffaldini.

La class action del ministro Brunetta, che non si sa quando sarà attivata, prende per i fondelli il cittadino che subisce le angherie della Pubblica Amministrazione, perché se gli viene riconosciuta ragione, la stessa verrà meno ad uno dei principali principi dei codici civili in tutto il mondo: riparare al torto compensando economicamente.

Confindustria fa sapere che la proposta in Senato dovrebbe essere limitata ai soli concessionari di pubblici servizi per le attività svolte in regime di concessione, impedendo -a suo dire- che si creino squilibri tra imprese che operano nel mercato... chissà perché le società di capitali che operano in concessione dovrebbero essere esentate dal rischio di impresa e, di conseguenza, non dover rispondere dei danni che arrecano. “La virtù è nel mezzo”, è il messaggio che invia Confindustria... e noi ricordiamo che “l'obbedienza non è più una virtù”, soprattutto se a pagare debbano essere sempre i consumatori e le imprese venirne ogni volta fuori e continuare a creare danni. Di fatto ciò che accadrà è questo:

- class action risarcitoria: vedremo quando e se ne partirà mai una (noi ci stiamo provando con una contro l'obbligo del sistema operativo Windows sui pc e altre sulle bollette idriche in Toscana): il rischio di errori nell'applicazione di una legge nuova, malfatta e senza circolari interpretative, e' molto alto da un punto di vista di sanzioni e costi economici indefiniti che il giudice discrezionalmente può imporre ai proponenti;

- class action contro Pubblica amministrazione estesa a chiunque in qualche modo abbia a che fare con la Pubblica amministrazione (quasi tutte le aziende di servizi), per cui: inutilità della stessa vista l'assenza di risarcimento.


Vincenzo Donvito, presidente Aduc


Articoli correlati

  Englaro RU486 Biobanche Class action... La commistione dei poteri
  Class action. Da bandiera di ricatto politico a strumento concreto?
  Class Action. Non ha torto il ministro Claudio Scajola...
  Class action. Cosa teme la razza padrona
  Class Action. A che gioco sta giocando il Governo?
  Class action: continueremo a vederla nei film americani
  Class action. No all'emendamento Manzione in finanziaria
  Class Action. Ancora rinvio? Il terrore della giustizia nel mercato
  Vincenzo Donvito. Class action, class action delle mie brame.... Così comincia il 2009
  Class action. Verso il ritiro dell'emendamento?
  Liberalizzazioni. Le urgenze e il metodo. Invito al ministro Bersani
  Class action. I diritti fondamentali che la legge voluta dal Governo non tutelerà mai
  Class action. Confindustria allo sbaraglio
  Class action. Presentato disegno di legge per una profonda modifica
  Vincenzo Donvito. Class Action: non ci sarà mai in Italia!
  Emmanuela Bertucci. Ma quale class action mondiale...
  Bertucci e Donvito: Class action. Nuovo testo va meglio, ma preoccupa l'ostracismo di Confindustria
  Class action. Verso il regime autoritario e sfascista con l'appoggio dei media?
  Transazione 'class action' Parmalat: un piccolo risultato è meglio di niente
  Class Action. Bene l'emendamento del Governo
  Class Action. Dovunque vai, privato o pubblico, cenci in faccia ai cittadini
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 24762 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. e Fax 0342 610861 C.F./P.IVA 00668000144 - SONDRIO REA 46909 - capitale sociale € 7.000 i.v. privacy policy