Sabato , 27 Febbraio 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Gordiano Lupi. La mia proposta per un San Valentino diverso 
Piccola antologia di Juana Borrero
13 Febbraio 2017
 

Una poetessa che ha segnato il modernismo ispanoamericano.

Arthur Rimbaud del Caribe al femminile.

Liriche struggenti d’un amore sognato

 

 

Juana Borrero (1877 – 1896). Poetessa modernista, nata a Puentes Grandes, L’Avana, Cuba. Fu anche una notevole pittrice. Come poetessa, è stata considerata una bambina precoce. Scrisse le sue prime poesie quando aveva soltanto sette anni. Suo padre, Esteban Borrero, fu narratore e poeta, e anche suo fratello, Dulce María Borrero, si distinse nella poesia e nella prosa. Juana crebbe, inoltre, in un ambiente artistico e letterario, tra cenacoli e riunioni intime alle quali partecipavano altri scrittori come i fratelli Carlos Pío e Federico Uhrbach, e Julián del Casal. Juana era molto piccola quando ricevette le prime lezioni di pittura, prima con Dolores Desvernine, e più tardi, nel 1886, nella famosa Accademia delle Belle Arti di san Alejandro, dell’Avana. Studiò anche con Armando Menocal, uno dei più importanti pittori cubani del secolo XIX. Nel 1892 accompagnò suo padre a New York, città dove conobbe José Martí, che in tale occasione, a Chickering Hall, dette una serata in suo onore. In quello stesso anno frequentò la scuola di pittura di Mac Donald, a Washington. Fece ritorno a Cuba l’anno successivo. Sue poesie compaiono nell’antologia Grupo de familia, poesias de los Borrero, pubblicata nel 1895, anno in cui vide la luce anche la sola raccolta edita da Juana Borrero: Rimas. Collaborò con le riviste La Habana Elegante, Gris y Azul e El Figaro. Ha lasciato diverse tele e disegni conservate in gallerie e musei, ma anche un epistolario che è stato pubblicato all’Avana, in due volumi, tra il 1966 e il 1977. Queste lettere ebbero origine dalla relazione amorosa di Juana Borrero con Carlos Pío Uhrbach, contrastata dal padre Esteban, quindi sviluppata nel segreto di lettere clandestine. Nel 1895 i Borrero, in seguito al coinvolgimento di Esteban nella causa rivoluzionaria, si videro costretti a emigrare negli Stati Uniti. Juana morì a Key West, dove si era stabilita la famiglia, il 9 marzo del 1896. Poco prima di morire, e ormai quasi senza forze per scrivere, dettò i versi di quella che sarebbe stata, in effetti, la sua ultima composizione poetica: Última rima. Juana morì pochi mesi prima di compiere diciotto anni, ma può essere considerata – a pieno titolo – una delle figure più affascinanti del modernismo ispanoamericano. Se sino a oggi non ha ottenuto il riconoscimento che merita è solo perché non è stata pubblicata mai fuori di Cuba. Tanto le lettere quanto le poesie sono letture imprescindibili per coloro che si interessano al modernismo ispanoamericano. Sono ritratti importanti per ricostruire la figura della donna e i suoi rapporti con il mondo esterno nel fin-de-siècle latinoamericano. Nel 2005 è uscita un’ottima edizione argentina (StockCero.com) curata da Francisco Morán, che comprende bibliografia, lettere e poesie, accomunate da una colta lettura critica comprensiva di un apparato di note a margine.

 

 

 

PICCOLA ANTOLOGIA DI LIRICHE

 

 

Ancora!

 

Perché così presto, oh mondo, mi offristi

Il tuo veleno amarissimo e letale?...

Perché della mia fanciullezza il giglio aperto

Godi a portare?

 

Perché quando le tue gale ammiravo

Il mio spirito infantile venne a sfiorare

Del pallido fantasma del disgusto

L’alito glaciale?

 

I petali di seta dei fiori

Lasciami vedere e gongolante amare,

Nascondimi la spina che pungente

Insieme al calice sta.

 

Più tardi!... Quando il triste scoramento

senta sul mio spirito calare

E l’anima lugubre o morta abbia affrettato

Il calice del dolore;

 

Allora che senta della tua beffa il freddo

E del dubbio lo spillone mortale…

Ma lascia che goda dell’infanzia

Nell’ora fugace!

 

(1891)

 

Nota: Todavía! (Ancora!), secondo la poetessa cubana Fina García Marruz, dovrebbe essere stato scritto prima del 1890, perché in una lettera a Carlos Pío, Juana afferma: “Devi sapere che la mia fanciullezza fu assai corta... Todavía! lo scrissi prima dei quattordici anni. Avevo già sperimentato qualche tristezza”.

 

 

Nostalgia

 

Ormai perse per sempre lo spirito

La quiete dei suoi giorni di calma

Come perde la sua fiamma una stella,

Come perde un fiore la sua fragranza.

 

Nel mio petto geme il fastidio

E mi opprime profonda nostalgia;

La bellezza immortale di Natura,

L’inganno felice dell’infanzia,

La memoria di giorni tranquilli,

Il ricordo di felicità passate

Non han potuto colmare un istante

Il vuoto che sento nell’anima.

 

(1894)

 

 

Ti appartengo

 

Ti appartengo, sono tua

Come lo splendore è dell’astro,

Come il profumo del petalo,

Come l’uccello dello spazio.

 

Come la tristezza pallida

È dell’anima dei bardi,

Ed è il dolore del destino

Ed è degli occhi il pianto.

 

Stai dentro di me, condividi

Le mie pene recondite,

Vivi la vita intima

Dei miei desideri nostalgici,

 

Sei nella mia mente chimera

E singulto tra le mie labbra.

Ma dopo, che tristezza

Mi provoca solo pensarlo!

 

Dopo le nostre anime tristi

Prenderanno direzioni opposte,

Tu andrai a cercare la tua morta

E io il mio morto dimenticato!...

 

Dal cimitero tenebroso

nell’architrave solitario

Ci sono due fantasmi insonni

Che ci stanno aspettando!

 

(1895, data incerta)

 

Nota: I due fantasmi erano, nel caso di Juana, Julián del Casal, e, per Carlos Pío, una fidanzata che aveva avuto a Mantanzas, morta da qualche tempo. Di questa lirica esiste un’altra versione più lunga.

 

 

Amarezza

 

Soffoca i singhiozzi la mia gola,

Di lacrime si colmano le mie pupille

Che dal petto dolente

La tristezza mi strappa,

L’angoscia infinita

Del mio spirito infermo, la nostalgia,

E il desiderio ardente

Nel quale mi accende sempre la fiamma

Di questa passione così triste e così ardente

Che germogliò nella mia anima

Come fiore malaticcio

Sul bordo d’una rovina solitaria.

 

(1895 – 1896, data incerta)

 

 

Non dimenticarlo mai!

 

Non dimenticarlo mai! Se non ottengo

Che il mio dolore e le mie preghiere trionfino,

È perché il tuo cuore mi sta ingannando;

 

Il mio dubbio orribile morirà con te

E anche se mi giuri la tua passione piangendo

Non ci saranno prove poi che mi convincano!

 

(1896)

 

Nota: Questi versi - non raccolti nelle edizioni della poesia di Juana - compongono la lettera dell’11 gennaio 1896 a Carlos Pío. Juana scrisse quella lettera con il suo stesso sangue. Juana avrebbe voluto fermare Carlos e dissuaderlo dalla sua volontà di combattere per l libertà di Cuba. Scrisse con inchiostro rosso fuoco, sgorgato dalle sue vene: “La tua patria, o la tua Juana: scegli. Se te ne vai mi perdi”.

 

 

Ultima rima

 

Io ho sognato nelle mie lugubri notti,

Nelle mie notti tristi di pene e lacrime,

Un bacio d’amore impossibile,

Senza sete e fuoco, senza febbre e ardore.

 

Io non voglio il diletto che snerva,

Il diletto affannato che brucia,

E mi recano disgusto infinito

Le labbra sensuali che baciano e sporcano.

 

Oh, mio amato! Mio amato impossibile!,

Mio sposo sognato dal dolce sguardo,

Quando tu con le tue labbra mi baci,

Baciami senza fuoco, senza febbre e ardore.

 

Dammi il bacio sognato nelle mie notti,

Nelle mie notti tristi di pene e lacrime,

Che mi lasci una stella nelle labbra

E un tenue profumo di valeriana nell’anima.

 

(1896)

 

Nota: Pubblicata ne El Figaro, anno XI, n.16, 1896, con la nota: «Scritto alcuni giorni prima di morire, in Key West». Ultima rima viene dettata a una delle sorelle, perché la giovane poetessa moribonda non ha più la forza di tenere penna e carta tra le mani. La poesia è dedicata al suo amore epistolare, il poeta Carlos Pío, al quale in una lettera si rivolge con identiche parole in prosa: «Dammi il bacio sognato, il bacio puro e tranquillo, appassionato, soave. Il bacio casto, il bacio senza febbre, il bacio interminabile come quello che congiunse le nostre anime. Oh, dammi il bacio sognato!» Molte sono le lettere scritte su questo tono: «Ti avrei baciato dolcemente, senza febbre, senza spasmi. Ti avrei dato il bacio interminabile che commuove ma non sconvolge né infiamma. Il bacio astrale. Il bacio-sogno».


Foto allegate

Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.5%
NO
 25.5%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy