Domenica , 05 Aprile 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Interpunzioni/ Barbarah Guglielmana e il suo prezioso “Senza forme”
09 Febbraio 2014
 

Senza forme è il titolo del prezioso libriccino realizzato da Barbarah Guglielmana con la Casa Editrice Gattili. Questi piccoli libri d’arte, che mi ricordano molto quelli realizzati dalla Casa Editrice Pulcinoelefante di Alberto Casiraghi, sono nati due anni fa da un’idea di un giovane milanese, Antonio Pellegrino, quando decise di trasformare in oggetto una sua riscrittura della canzone di Giorgio Gaber “Non arrossire”, dedicata al suo cane. Ogni libro è composto da un testo di poesia o di prosa e due fotografie: una in miniatura sulla copertina, l’altra nell’ultima pagina, a chiudere il percorso di testo e immagine, in modo talvolta imprevisto, niente affatto didascalico. La tiratura è di 18 copie numerate, ognuna protetta da una busta di plastica trasparente. L’autore è responsabile sia del testo che dell’immagine che poi vengono assemblati da Antonio e cuciti dalla madre.

Il libretto di Barbarah è uscito nel 2013, il primo giorno di primavera ed è poi stato ristampato una prima volta il 17 luglio, una seconda il primo giorno d'autunno e la terza il 4 dicembre. È stata programmata una quarta data (immagino rispettata), il 2 gennaio (data del compleanno della nonna, alla quale era molto affezionata e della quale ha un vivissimo ricordo). In copertina c’è la foto di un murales del Muro di Berlino, all’interno invece è stata posizionata la foto ad un quadro dipinto da Serena Marra, e rappresenta l’autrice di profilo che guarda la città di Napoli. La poesia “Collo di donna…” è stata composta ad Amalfi ed è dedicata alla sua maestra di teatro Naira Gonzales che a detta di Barbarah “è semplicemente fantastica nel metterti tutto l'essere in movimento”.

Collo di donna che emergi dal mare, e porti coralli di capelli

[e occhi di fondale

E pelle levigata dalle maree in un viso lieve, che ha visto balene

[e squali ballare

E pesci azzurri nelle notti più buie e sole, di uomini

Profumi di incensi dispersi in acque di fiabe dimenticate

E di fiori mai visti in superficie

Porti una collana di perle nere, di fiume

E rosa e bianche di oceano

A dimenticare conchiglie vuote e rotte

Su cui hai camminato, scivolando.

Insegnami il tuo canto struggente alla vita di terra.

La tematica legata al mondo femminile è sempre stata a me particolarmente cara, in quanto ritengo che noi donne, nonostante il progresso e le varie conquiste in termini di diritti, viviamo ancora “tempi bui”. La poesia di Barbarah contenuta in questo prezioso libriccino mi arriva come un canto limpido e vitale alla donna, che dagli abissi del mare vuole a tutti i costi riemergere e portare con sé non solo l’oscurità dei fondali, ma anche la bellezza dei coralli. Nell’immaginario collettivo la donna e l’acqua possiedono un legame molto stretto. L’acqua è fonte di vita, è generazione e nascita, è purificazione. Le sue correnti spesso sono invisibili in superficie, prigioniere di un sommerso che sfugge, così come spesso sono nascoste ai nostri occhi le storie di tante donne che in silenzio vivono situazioni complicate e a volte dolorose. L’acqua è “senza forma” e senza argini si disperde. Scorre sempre verso il basso e trascina con sé tutto ciò che trova. La donna di cui parla Barbarah vince le correnti e le maree, ritorna alla terra con un bagaglio di “pesci azzurri”, “profumi di incensi”, “fiori mai visti” e “una collana di perle nere, di fiume/ E rosa e bianche di oceano”, per far scordare “conchiglie vuote e rotte”. L’importante è risorgere a vita nuova, senza mai dimenticare il passato, senza lasciarsi sopraffare dalle esperienze negative. I ricordi sono tutti preziosi, anche quelli che ci lasciano l’amaro in bocca, perché forgiano la nostra personalità e ci insegnano ad affrontare meglio il futuro. Dalla donna raccontata da Barbarah dobbiamo saper raccogliere “il suo canto struggente” che però è inno alla vita e speranza per un nuovo mattino.

 

Paola Mara De Maestri

(da Bottega letteraria n. 64, ne 'l Gazetin, gennaio 2014

» ABBONAMENTO CUMULATIVO CON TELLUS 25,00)


Articoli correlati

  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Lo fotograferò per te, con i miei occhi, tutto questo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Acqua del cielo
  Spot/ Barbarah Guglielmana nella raccolta di poesie "Davanti alla tenda" (LietoColle 2014)
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. E uscirò ancora...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Le mie ossa si sono allungate nello sforzo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Ammiccano danze sensuali...
  Barbarah Guglielmana al Premio di Poesia “Frate Ilaro”
  In libreria/ La giusta collera
  Oltre le indicazioni
  Alberto Figliolia. In Aforismana con Barbarah Guglielmana
  Iniziative Associazioni/ Ogni giorno come se fosse il primo
  Iniziative/ Da Pavia, una lettera. Con dedica
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. L'anima incarcerata
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Grillo...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Mi sono strappata l’anima...
  Natale Tf2014/ Barbarah Guglielmana. Sono entrata nel presepio
  Spot/ A Stradella, “Davanti alla Tenda” di Barbarah Guglielmana
  In libreria/ Maurizio Splendore. Su Tredici Cadenze
  In libreria/ Barbarah Guglielmana con Anna Venturini. “Andavo per nuvole e onde”
  Rosaria Avagliano. “Il gusto per la vita”. Illustrazioni grafiche di Barbarah Guglielmana
  Progetto “Aforismana. Un pensiero quasi lineare di Barbarah Gugliemana”
  Alberto Figliolia. Su Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. A Daphne e A Matthew
  Vetrina di Natale/ Paola Mara De Maestri, Barbarah Guglielmana e Giorgio Spreafico
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Sono sottili ciglia quelle delle dita...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Quando sono le piante a piovere...
  Editoria per strada/ Barbarah Guglielmana. «E infine uscirò di casa...»
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Laghetto delle Ondine
  Barbarah Guglielmana partecipa a “Paratissima”, Torino 2014
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Aspettavo il tuo freddo...
  Alice Ravera. Come una cozza la poesia della Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Era quasi l’autunno dei castani
  Davanti alla tenda, all'Ospitale di Prosto
  In libreria/ Barbarah Guglielmana, “Rondini come formiche”
  Barbarah Guglielmana
  “Ometti oliviani” di Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Qualche volta ho pregato il Cielo...
  Spot/ Donne in poesia Variazioni pavesi
  Iniziative/ Aforismana. Un pensiero quasi lineare di Barbarah Gugliemana
  Spot/ Poeti in Valle: Alberto Figliolia e Barbarah Guglielmana si leggono
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Capisco
  In libreria/ Barbarah Guglielmana, Anna Venturini. Andavo per nuvole e onde
  Marina Riva, Barbarah Guglielmana, Giuseppe Ravelli, Margherita Gadenz, Paola Sarcià...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Adoro il potere delle parole...
  Spot/ AperiPoesia Pavia: sabato 23, con Montagna e Guglielmana
  Spot/ Serata di poesia con Barbarah Guglielmana e Giovanni De Simone
  Spot/ Reading di Barbarah Guglielmana
  Giuseppe Marco d'Agostino legge “Rondini come formiche” di Barbarah Guglielmana
  Pavia Formaprima. Non poteva che disegnare la fantasia
  Iniziative/ Poesia e Musica in piazza a Chiavenna
  In libreria/ Giuseppina Rando. Essere Donna
  Vetrina/ 8 marzo: Barbarah Guglielmana. Ridammela
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Sotto l'ortensia bianca
  Vetrina/ Barbarbarah Guglielmana. Mi ero nascosta in quella piuma...
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Vienimi vicino
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Il naso si pronuncia...
  Ho il fine settimana libero
  Eventi/ Presentazione del libro “Davanti alla tenda”, raccolta poetica di Barbarah Guglielmana
  Vetrina/ Dammi del tuo amore... Barbarah Guglielmana con Patrizia Garofalo
  Morbegno, Albo: Davanti alla tenda
  In libreria/ Barbarah Guglielmana. Appena alzata mi sono messa a tagliare le stelle come voi tutte
  Ilaria Francesca Martino. C'è chi scende e c'è chi sale
  Iniziative/ Poeti e pittori valtellinesi protagonisti a “Malta capitale europea della cultura 2018”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana con Ferdinando Franguelli
  “Ho sognato che camminavo in riva al mare”
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. La Libia e L’Egitto hanno la febbre
  In libreria/ Patrizia Garofalo: Barbarah Guglielmana, Davanti alla tenda
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Cosa mi vuoi dire mare?
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Lasciami stare...
  Iniziative/ Tran-sito in viaggio per i continenti
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Non sono nella vostra terra in fiamme...
  Speciale/ Bottega letteraria & Tellusfolio. 4
  Vetrina/ Barbarah Guglielmana. Quanto è grande questo cielo...
  Giuseppina Rando. Una nota su la plaquette di B. Guglielmana
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.1%
NO
 25.9%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy