Mercoledì , 21 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Patrizia Garofalo. Si colora di suono la fine del giorno 
“Fischi di merlo” di Matteo Bianchi
05 Dicembre 2011
 

«Da noi in pianura i merli

sono i primi uccelli a cantare

e gli ultimi a salutare il giorno».

 

 

Voci nel silenzio, forse parola e rinascita, avvertimento di primavera, di concerto agiscono nello spazio atemporale della città di Ferrara. È la città del poeta; solitaria e nebbiosa e spaesante attraversata di «brividi d’anima» e richiami di merli, la «tacita oscurità» del percorso poetico dell’autore. Il biancore denso pietrifica nell’indifferenza e si «prende gioco del cielo» ma quando anche «il silenzio in agguato comincia a gelare» allora, proprio allora si evidenzia una dimensione «altra», non più rattenuta in Ferrara, che diventa lentamente paradigma della luttuosa messa a fuoco di un disagio che «ci» appartiene da sempre, quale nascosto fantasma del nostro andare. E tentativo di consolare il buio, mi sembra la voce forte di alcune liriche pur nella coscienza della caducità irrimediabile delle «cose» della vita.

Sarà la sua voce a scrivere: «Prometto a me stesso/ stamane impotente/ di bucarlo da sgombro,/ questo nostro vedere/ azzurro cronico./» oppure: «no, non mollerò./ Non finché l’alito mio/ muoverà scacco al re/» e ancora «Il Nero, se si impara a portarlo,/ non è poi così male./». A coloro che se ne vanno per non tornare, a loro, le liriche più intense della raccolta…

Matteo ripara all’assenza nell’immaginazione di voli alti, di profumi trattenuti dentro «il fumo odora di braci// innevate:/ pescate/ dalle tasche del nonno/ […], lasciami un senso», scriverà poi Matteo e in questa ondivaga ricerca che disegna la luce di qualche parola «slabbrata», la sua poesia diventa ricerca forte ed intensa, coinvolgente e contemporaneamente scheggiata in parole che solitarie feriscono, ma che mai abbandonano quello spazio sacrale al quale è destinata la poesia quando la si ama e la si avverta come modalità di viaggio, abbeveraggio, sosta, perdita e, mai inutile sanguinamento. Il riferimento a Montale fin dal titolo della silloge è riconoscimento consapevole di un grande che ha segnato il percorso della vera poesia. Ed insieme un’adesione intensa ed empatica al suo «non chiedermi la parola», alla sua «storta sillaba» e a quel disperato senso della parola «che squadri da ogni lato l’animo nostro informe». Matteo introietta la spasmodica ricerca del «lasciami un senso» insieme ai voli di corvi e merli attorno a «lampioni affezionati», persuaso come scriveva Montale che «l’ora più bella è al di là del muretto».

 

Patrizia Garofalo, Anghiari, dicembre 2011

 

 

Matteo Bianchi, Fischi di merlo

Edizioni del Leone, Venezia 2011, pagg. 64, € 8,00


Foto allegate

Articoli correlati

  “L’amore è qualcos’altro”. Pazzi e Pontiggia presentano l’ultimo libro di Bianchi e Casalicchio
  Premi e concorsi/ Poiein. Oggi a Piateda Cerimonia per il X “Premio Turoldo”
  Vetrina/ Matteo Bianchi. La sigaretta si consuma...
  Nebbia dentro il poeta: Matteo Pazzi e il suo “Compendio del cacciatore disarmato”
  In libreria/ Matteo Bianchi. Una recensione commossa
  Vetrina/ “Sublimazione” di Matteo Bianchi
  Vetrina/ Matteo Bianchi. Nella nube di neve...
  Vetrina/ Matteo Bianchi. Poesie alla stazione
  Vetrina/ Matteo Bianchi. Era quello degli dei il mio caffè...
  In libreria/ Matteo Bianchi. La metà del letto
  La nuova poesia italiana: “Fischi di merlo” a Venezia
  Premi e concorsi/ A Macerata e Caldarola le giornate conclusive del Premio Rabelais 2011
  Editori/ I “Giovin/astri” delle Edizioni Kolibris tornano a volare
  Spot/ “Vaghe stelle dell’Orsa”
  Vetrina/ Matteo Bianchi con Elisabetta Andreoli
  Forum/ M’impegno in versi: “è ancora possibile una poesia utile alla collettività?”
  In libreria/ Alessio Casalicchio, Matteo Bianchi. L’Amore è qualcos’altro
  In libreria/ I poeti del Duca a cura di Matteo Bianchi
  In libreria/ Patrizia Garofalo. La metà del letto di Matteo Bianchi
  In libreria/ Matteo Bianchi presenta in anteprima “Le piume del tempo” di Rita Montanari
  Le Voci della Luna a Bologna in lettere ’13: “Voci Salve”
  Spot/ Ferrara: Daniele Serafini per “I Poeti dei poeti”
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.7%
NO
 26.3%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy