Domenica , 18 Aprile 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni [08-20]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Vetrina/ Poesie da Roma
15 Aprile 2011
 

È con grande piacere che pubblichiamo qui di seguito alcuni componimenti che ci sono giunti dalla capitale, scritti da alcuni amici poeti della Famiglia Valtellinese di Roma, associazione che ci segue sempre con particolare attenzione. Ringraziando gli autori che si sono resi disponibili alla collaborazione, invitiamo tutti coloro che vogliono pubblicare le proprie poesie a scrivere in redazione a: labos@retesi.it oppure paolamara@fastwenet.it. Grazie a tutti. (Paola Mara De Mastri)

 

 

 

L’impazienza dei mandorli

 

I mandorli hanno sentita

la primavera,

che ancora non era,

nell’aria ׀ assopita,

nella terra solitaria ׀ e nera.

Hanno attinto al cuore della vita

nell’ombra dei solchi, gremita

di passeri non liberati ׀ ancora,

nel vento che trascolora,

come per un’aurora ׀ improvvisa,

che non abbia mai fine.

Son occhi di bimbi sgranati

a gorghi d’azzurro,

lassù invigilati,

i fiori levati ׀ al confine

indeciso ׀ dell’immensità.

Tu sali, la sposa ׀ del vento,

tra i campi,

al sussurro ׀ dei clivi,

petrosi,

nell’aria dal mare indivisa,

avanti che l’alba divampi,

tra rivi ׀ dal vortice incisi,

che presto saran fragorosi,

vestita di rosa ׀ e di trine,

spruzzata di pollini, intera

nel cuore portando la tua primavera,

che non finirà.

 

Remo Bracchi

 

 

 

NUVOLA

 

Seduta su pensieri

che inciampano nel vento

che mi tormentano la vita.

 

Chiara Pini

 

 

FUGA

 

Rinchiudersi in un eco di sguardi

nella realtà di paesaggi immaginari.

Sola, danzando col vento

in cerca di te.

 

Chiara Pini

 

 

 

TELEFONO

 

Telefono,

sei lì,

silenzioso e solo.

Ti guardo:

attendi uno squillo.

Anch’io.

Sbrigati! Suona!

Ecco, sussulto, corro, t’afferro:

sei muto!

Ti lascio,

pensando a chi m’ha pensato.

M’illudo.

 

Carlo Pini

 

 

 

CASA IN VALTELLINA

 

Soltanto qui ritrovo me stessa….

Tra vecchie foto scoperte in soffitta

Tra odori di legno invecchiato, di fumo, di sassi, di vino, di mele…

Tra farfalle bianche che disegnano ricordi

volandomi intorno nei luoghi a me cari

Tra fiori nuovi nati da semi antichi
Tra melodie consuete di vento e di pioggia
Tra le zolle dell’orto morbide e scure e tra le viole
Seduta sulle scale di pietra calda di sole

Nel chiarore della luna maestosa che sorge lenta tra le montagne

e ispira sogni infiniti….

Magica casa nata dall’amore e dalla fatica,

che apri le braccia e sprigioni forza e luce, al di là del tempo.

 

Pina Baroli


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 73.9%
NO
 26.1%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy