Venerdì , 30 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Bottega letteraria > Prodotti e confezioni
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
In libreria/ Alberto Carollo. “Vista sull'angelo” di Massimo Scrignòli
01 Febbraio 2011
 

Il bibliofilo che ha sviluppato un sano feticismo per l'oggetto-libro non rimarrà immune al fascino della preziosa veste grafica di questo libello di Massimo Scrignòli che, poeta e traduttore – sua una versione e una introduzione critica ai racconti di Kafka in Relazione per un'accademia e altri racconti (Book Editore, 1997) –, è pure editore di se stesso. Acquistano così un significato e uno spessore ragguardevoli non solo la parola ma la scelta dei caratteri e della carta per la stampa, la cura artigianale per la quale si annota «rilegato da mani femminili», premura di vestali che custodiscono la sacralità del rito officiato per il lettore, destinatario ultimo ed esclusivo dell'opera.

Anche la scelta del particolare in gouache, grafite e acquerello che campeggia in sopraccopertina non è casuale. Si tratta di un'opera di Carlos Schwabe dei primi del '900, e ritrae un angelo della Morte in sembianze femminili mentre si palesa ad un becchino che crede di prepararsi a seppellire un altro candidato al mondo dei più. Scrignòli concepisce in Vista sull'angelo un “racconto in versi” ch'è a tutti gli effetti una sorta di viaggio iniziatico senza meta e senza ritorno, una potente allegoria del ciclo della vita: «Da mille anni l'albero delle pagode/ osserva l'Angelo e scolora/ tutto il suo infinito.// Così un'altra vita/ subito dopo l'incontro/ con la prima morte. […]»

L'albero del verso è il Ginkgo Biloba, di origini cinesi ma diffuso in Europa; può vivere fino a 1500 anni. In Estremo Oriente è un albero di culto, piantato nelle vicinanze dei templi e dei cimiteri. Principio e fine divengono il perno intorno a cui ruota la riflessione sul senso dell'esistere. La prospettiva è ribaltata a piacere e forse il percorso è a ritroso ma non importa: il tempo non è più una dimensione lineare; come in Heidegger è un luogo dove accadono gli eventi, non hic et nunc, qui e ora, ma neanche e domani. Tutto è consegnato all'eternità e perciò sempre attuale alla meditazione, perché è ad essa e alla conservazione della memoria che il poeta richiama.

Non è agevole imbarcarsi con la spedizione organizzata da Scrignòli in Vista sull'Angelo: si deve necessariamente esser disposti a travalicare i confini dell'umano, «[...] trasumanar che rapisce la vista/ e consola»; ogni cosa è al tempo stesso reale e in una dimensione di sogno. L'attualità della poesia di Scrignòli risiede nel suo sintonizzarsi sulle frequenze del mondo contemporaneo, col Male che sta dentro e intorno al pianeta e nella sua Storia. Il punto di partenza è chiaramente lo smarrimento di chi troppo vede e possiede ma non conosce: «La mente/ non si avvede dei rapidi oggetti che passano/ né la vista trattiene ciò che pure afferra».

L'invito è eloquente in apertura: «[...] per uscire dal mondo dovremo/ intuire/ decifrare/ tradurre», verbi posti in sequenza e a cascata.

Sembra un manifesto programmatico, eppure è solo una delle facce del prisma. Nell'esercizio poetico di Scrignòli la contraddizione assunta come anima della dialettica, le aporie e le sostituzioni/inversioni sono spesso dietro l'angolo («E ai piedi delle foglie»; «Con l'inverno per cappotto») e anche il logos, varcato il limite del suo impiego logico, diviene un orpello. Il racconto/viaggio si snoda lungo cinque stazioni (Senza ritorno, Il cedimento di Dio, Del Sublime, Del Tempo e La Casa) ed ha la mirabile costruzione di un dipinto di Piero della Francesca: la stessa simmetria ed astrazione matematica, lo stesso languore e bellezza della verità che avvertiamo netta, senza bisogno di intermediazioni.

Attraversando la Storia umana, «Uomini/ a cavaliere tra ceneri e guerre/ è quanto si può vedere, è tutto/ quello che si può vedere camminando/ sul formicaio distrutto di Auschwitz»; perseguendo la ricerca del Sublime, «e poi tutto ciò che è terribile/ è una fonte del sublime»; con l'azzeramento del tempo misurabile, «Il caos, forse, sarà l'unico rimedio/ allo sgretolarsi di un'intera stirpe/ di radici e terre», si giunge al confine di un mondo altro, dove la “civiltà” degli uomini è solo un pallido ricordo, spodestata da una Natura che si riappropria di quanto le spetta, estirpando strade piazze mura e biblioteche, in un processo di continua rigenerazione. L'enigma è il vincitore supremo: il mistero è l'ultima, definitiva consapevolezza della vita e della morte, prossimo all'ineffabile.

C'è in Scrignòli una inesausta ricerca della parola “esatta”, del segno che condensi suono, significato e ritmo. Non è lettura facile, l'ho già sottolineato, ma sorprende come le fonti e le frequentazioni illustri (Dante, Montale, Eliot, Pound, Rilke, Goethe) si amalgamino con naturalezza e fluidità nel dettato poetico, nella sua tensione morale, nella sua polivalenza espressiva e fortemente simbolica. Separare discriminare catalogare potrebbe rivelarsi un esercizio sterile; nella nostra nuova Casa «Il vento adesso è il confine». Molto meglio “sentire” per altra via, come si fruisce della bellezza materica di tanta arte figurativa contemporanea; o ascoltare, magari la musica di Mahler, assai gradita al poeta: «Cenere nebbia e musica/ questo sta piovendo sulla strada in rovina./ E dal fuoco cade il nome/ scuro di un Angelo./ Sembra/ il canto in fuga di un viandante [...]»

 

Alberto Carollo

 

Massimo Scrignòli

Vista sull'angelo

Book Editore, 2009, pagg. 96, € 15,00


Articoli correlati

  Massimo Scrignòli. Apocalypse Now: un viaggio letterario tra poesia, arte, cinema
  Nuovi incontri/ Patrizia Garofalo intervista Massimo Scrignòli su “Vista sull’Angelo”
  Spot/ Ferrara. Tè letterario con Massimo Scrignoli
  Spot/ I lunedì a casa di Ariosto. I Poeti dei poeti
  Premi e concorsi/ Il prestigioso “Viggiani” parla ferrarese: assegnato a Massimo Scrignoli e alla Book Editore
  Premi e concorsi letterari/ Il ferrarese Massimo Scrignoli vince il prestigioso “Città di Leonforte” 2011
  “Chi testimonia per il testimone”
  Pier Paolo Pasolini, «La sua morte è un drammatico, disperato rapporto con la madre»
  Alberto Carollo. Fulvio Tomizza, La miglior vita
  In libreria/ Alberto Carollo. “Oasi criptate” di Margherita Gadenz, Patrizia Garofalo, Nina Nasilli
  George Harrison. Living in the material world
  Alberto Carollo. Ci si dovesse incontrare...
  Alberto Carollo. Doppio ritratto
  Alberto Carollo. La discarica degli angeli di Mario Bonfante
  In libreria/ Barocco amorale
  Alberto Carollo. Il Dio dell'impossibile di Patrizia Garofalo
  Presentazione di Oasi criptate. Dialogo di Alberto Carollo con Patrizia Garofalo
  “Doppio ritratto” al complesso Monumentale di San Silvestro di Vicenza
  Carollo e della Rovere presentano i loro “dialoghi”
  Alberto Carollo. Gli innamoramenti di Javier Marías
  Alberto Carollo. Auguri col racconto di Natale di Auggie Wren
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy