Martedì , 17 Maggio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Critica della cultura > I Care... communication
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Piero Cappelli: Soldi, potere e arroganza. Le nefandezze dei partiti italiani.
28 Luglio 2008
 

Se la sono costruita ad hoc, come la volevano, per incassare e raschiare il barile delle casse pubbliche. Ed eccoli belli e pronti a non indietreggiare nemmeno di un centesimo di euro. Sono loro quella ‘sporca’ classe partitica che sta distruggendo la reputazione di una nazione non solo con le schermaglie, ma soprattutto con i fatti. Fatti funesti che si riversano sui cittadini… è una leggina che gli permette di ricevere i rimborsi elettorali di una legislatura che si è fermata solo dopo due anni di vita ma che – proprio per questa iniziativa legislativa di tutti i partiti – continuano a ricevere denaro contante accavallando così questi contributi con quelli dell’attuale: un fiume di soldi mentre c’è chi non sa come arrivare in fondo al mese…

Così, mentre c’è un paese fatto di famiglie e cittadini single sempre più in difficoltà, di gente italiana che stringe il ‘morso’ della pesantezza di una vita difficile non solo economicamente parlando, ecco che emergono ancora su piatti d’oro le nefandezze di un regime partitocratico…

La ragione di tutto ciò nasce dallo spunto che un collega de La Stampa (F. Mar.) che settimane fa ha pubblicato sul quotidiano torinese le vicissitudini economico-finanziarie dei partiti componenti quello Democratico. Se a qualcuno fosse sfuggito, pubblicato domenica 29 giugno, l’autore ci dice che i due partiti che compongono il Pd, Diesse e Margherita, hanno incassato almeno per il 2007, 35 e 25 milioni di euro, poco meno di 120 miliardi di lire! E questo vale per tutti gli altri, nessuno escluso riscuotendo rate di 100.000.000 di euro per volta sia per la legislatura terminata nell’aprile scorso, fino al 2011; e altrettante rate di altri 100 milioni di euro all’anno per la nuova legislatura da poco iniziata e che si concluderà a calendario nel 2013. Non solo. Altri soldi sono in arrivo. Ancora con versamenti sui c/c dei partiti italiani da 100 milioni per volta, sia per le Europee sia per le Regionali che si terranno il prossimo anno e nel successivo. Insomma, un fiume di soldi prelevati dai conti pubblici mentre tutti parlano di tagli ai ministeri, al sociale, blocchi delle pensioni e così via.

I tesorieri rimangono al loro posto sia per la Margherita (fedele a Rutelli), sia per i Diesse (fedele a D’Alema), mentre quello del Pd, vicino al segretario, non vede per neppure il becco di un quattrino. Intanto nascono fondazioni che campano su questi esborsi pubblici. E non contiamo i numerosi immobili degli ex comunisti (catalogati circa 2.400), ed anche i ‘mobili’ come numerose (410 circa) di opere d’arte. Ogni tesoriere non risponde che al proprio segretario di cui è emissario e fiduciario. Il resto del partito si fida, silenziosamente.

È questa la democrazia interna dei partiti? È questa la trasparenza che chiedono e che loro stessi non praticano?

Il popolo, di quello di cui si riempiono la bocca sovente sia chi vince sia chi fa opposizione, in realtà è preso per le mele dai grandi personaggi della nostra classe politica. Potremmo appellarci ad Antonio di Pietro per far mettere a referendum anche questa legge sui rimborsi elettorali: basta con l’ipocrisia e con lo sfruttamento dei beni pubblici frutto del lavoro dei cittadini italiani. Basta! Fin dove volete arrivare satrapi della società italiana!!

 

Quando nel 1998 mi trovavo a sedere al tavolo della segreteria provinciale dei Ds di Pisa, a nome del movimento dei Cristiano Sociali (componente fondativa dei Ds e poi scioltasi grazie al sen. Tonini ex coordinatore nazionale dei Cristiano Sociali che fu eletto in prima nomina proprio a Pistoia dopo questo piacere a Veltroni al congresso del partito “ICare” del Lingotto nel 2000…), come coordinatore provinciale e vice regionale, ebbi modo di scrivere una lettera per chiedere informazione sulla situazione economico-finaziaria del partito degli ex Pci-Pds a Pisa e provincia. L’addetto all’incarico come tesoriere era l’attuale segretario provinciale dei Ds e del Pd Ivan Ferrucci, all’epoca prode guerriero dell’allora segretario diessino ex-comunista dalemiano Marco Filippeschi, oggi sindaco di Pisa, e appena ieri parlamentare alla Camera dei Deputati. Ecco, da allora, son trascorsi dieci anni e nessuno ha mai risposto a quella lettera.

Tanto per dire, non letteratura, ma casi vissuti…

 

Piero Cappelli


Articoli correlati

  Marco Cappato. Governo: proposte Dini-D’Amico buona base
  Costi della politica. «I conti di Formigoni non convincono, si faccia commissione di indagine»
  Senato. La tenia partitocratrica. Quando una poltrona, anzi due, fanno l'unanimità
  Primo Mastrantoni. Calderoli e i risparmi. Il fumo e l'arrosto
  Paolo Grifagni. Abolire le Comunità montane?
  BIM. Sondrio Liberale ne propone la soppressione
  Sondrio Liberale: «Buona la proposta di soppressione dei BIM»
  “Libero”, campagna per l'abolizione delle Province. Aderiamo all'appello
  Carlo Forin: Un’idea all’Italia per risalire
  CCCVa. La montagna italiana manifesta a Roma il 24 ottobre
  Consulenze. Non è questo il problema, ma la lottizzazione partitocratica
  Politica, quanto ci costi
  Costi della politica. I conti non tornano
  Abolizione Comunità montane. Lettera di Enrico Iemboli a Sergio D'Elia
  Costi della politica. Quando si vede il fuscello e non la trave
  Enea Sansi. I comuni hanno bisogno di avvocati?
  Pier Paolo Segneri. Combattiamo gli sprechi e aboliamo le Comunità montane
  Gino Songini. E non mi si venga a dire che non ci sono soldi
  Tremonti e le tasse. Come mettere le mani nelle tasche degli italiani
  Primo Mastrantoni. Riforme istituzionali. Diminuire i parlamentari e aumentare i consiglieri?
  Giovanni Bettini. Apriamo una discussione su tutta la marmellata istituzionale
  Filippo Mancanelli. Perché abolire i BIM?
  Gaspare Serra. Aboliamo le province!
  Primo Mastrantoni. Province. Non dovevano essere abolite?
  Marco Beltrandi. “Approfittiamo della crisi anche per modernizzare l’Italia”
  Abolire gli enti inutili; il loro emblema sono le Province!
  Enti locali. Alla giusta denuncia di Pietro Ichino va aggiunto il malcostume degli straordinari
  Francesco Pullia. Province: abolirle, mantenerle o rivedere l’intero assetto amministrativo statale? Discutiamone
  PierVincenzo Uleri. Abolire le Province? Come e perché?
  Abolire le Comunità montane, aggregare e fondere i Comuni. Nuovo sondaggio di Tellusfolio
  Un roveto burocratico inutile e deleterio
  Doriana Goracci. Storie dell’Italia di oggi
  Mario Staderini. Stipendi parlamentari: la vera truffa è il finanziamento dei partiti
  Costi della politica. Fassino si dimetta da deputato
  Comunità montane e nuove province
  Carlo Forin. Lèggere una società che precipita
  Finanziaria. Passa ordine del giorno D'Elia e Pettinari sui costi della politica
  Valter Vecellio. L’interrogazione: 34mila enti che non dovrebbero esistere
  Tasse, Province e un “sensuale” Berlusconi
  Calderoli e i risparmi. Il fumo e l'arrosto. Diminuire lo stipendio ai parlamentari è il fumo, vediamo l'arrosto
  Carlo Forin. Aboliamo le province!
  Comunità montane: ecco i costi della "politica". Diminuire le spese, come dice Draghi
  'L GAZETIN con TELLUSfolio lancia la proposta di aggregazione dei Comuni sotto i 5.000 abitanti
  Abolire le Comunità montane? Sì, ma figurarsi se Lorsignori ce lo lasceranno fare!
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 1 commento ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 74.8%
NO
 25.2%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy