Mercoledì , 06 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Anna Lanzetta: Klimt e D’Annunzio
Klimt,
Klimt, 'Compimento', part. 
10 Ottobre 2009
 

Forte è il connubio tra le arti, nella simbiosi di pensieri e di caratteri multiformi: la sagoma è il periodo, l’aggettivo è il colore, lo sguardo che si posa i segni pausativi; pause lunghe, emotive, introspettive, di amore, di sentimento, di sensualità poetico-pittorica, di eros. Ogni elemento riporta ad altro, al mito antico, alla favola di Ermione, alla musica di Orfeo, ove la cetra prende la forma dell’anima, dove l’arpa si veste dei toni di un oriente che ritorna nella lucentezza dei colori: plastici, brillanti e levigati al tatto, dove la lira incarna la poesia. È la donna di Klimt che incontra sulla soglia la donna di D’Annunzio e ne capta sonorità e misteri: «l’anelito alla felicità si placa nella Poesia» diceva Klimt e tale è la sua arte che trova nella poesia, piena convergenza:

Taci. Su le soglie / del bosco non odo / parole che dici / umane; ma odo / parole più nuove / che parlano gocciole e foglie lontane.

Ascolta. Piove / dalle nuvole sparse. / Piove su le tamerici / salmastre ed arse, / piove sui pini / scagliosi ed irti, / piove su i mirti / divini, / su le ginestre fulgenti / di fiori accolti, / su i ginepri folti / di coccole aulenti, / piove su i nostri volti / silvani, / piove su le nostre mani / ignude, / su i nostri vestimenti / leggeri, / su i freschi pensieri / che l'anima schiude / novella, / su la favola bella / che ieri / t'illuse, che oggi m'illude, / o Ermione.

Dolce suona la “Poesia”, eterea sul “Fregio di Beethoven”, viatico per la felicità. Contrassegnata da elementi simbolici e da figure surreali che sfilano mute sul suo capo, la Poesia vince la lotta tra il bene e il male; la figura curvilinea, posta di profilo, regge con leggiadria la lira per suonare un inno, una sinfonia che liberi il mondo dal male. Il fregio è un “Inno alla gioia” e alla bellezza espressiva dove la pittura vascolare greca incrocia la pittura egiziana; dove il segno incisivo delle stampe giapponesi incontra la scultura africana. Un eclettismo notevole, dove i simboli allegorici sono filo conduttore di lettura: figure geometriche, cerchi, occhi, spirali, esprimono un clima di bellezza, di esaltazione, di caducità e di morte. La ricerca della felicità si placa nella poesia e le Arti ci guidano verso un regno ideale, l’unico che può donare all’uomo gioia, felicità e amore. Forte è la simbologia erotica. Il fregio è un inno alla vita, nella lotta tra il bene e il male ritorna la favola antica: il cavaliere corazzato cerca di raggiungere la donna ma deve prima superare le forze avverse. Nella scena finale, il cavaliere è immerso nell’abbraccio della donna non come eroe ma come amante soggiogato; una sorta di Sigfrido che supera il cerchio di fuoco che lo separa da  Brunilde,  la donna, di cui egli ignora l’esistenza e con la quale scopre l’amore. La funzione catartica dell’arte diventa sovrana.

Klimt ci offre un’arte ricercata, colta e raffinata, l’art nouveaux e un nuovo linguaggio espressivo. Se nella casistica dell’arte, l’oro richiama le antiche icone in cui è simbolo di sacralità, le figure di Klimt danno all’oro un significato nuovo, non più caratterizzante il credo o il potere ma l’Amore e tale diventa nel “Bacio”, l’oro, emblema di un amore passionale fino all’inverosimile, un “Compimento” ardente ma al contempo dolce e levigato nella raffinatezza dei colori, dei simboli allegorici reiterati, che caratterizzano lui avvolgente, lei sognante. E nel silenzio statico che avvolge gli amanti, si  avverte una sorta di sacralità dell’“Amore”, un infinito di fiori e di cuori, che Klimt rende eterno in un erotismo palese nel gesto e che la ripetuta sinestesia rende vivo ai sensi:

E avvolgente è lui nel “Bacio”, sensuale nel “Compimento”, romantico in “Amore”:

Odi? La pioggia cade / su la solitaria / verdura / con un crepitio che dura / e varia nell'aria secondo le fronde / più rade, men rade.

Ascolta. Risponde / al pianto il canto / delle cicale / che il pianto australe / non impaura, / né il ciel cinerino.

E il pino / ha un suono, e il mirto / altro suono, e il ginepro / altro ancora, strumenti / diversi / sotto innumerevoli dita.

E immensi / noi siam nello spirito / silvestre, / d'arborea vita viventi; / e il tuo volto ebro / è molle di pioggia / come una foglia, / e le tue chiome / auliscono come / le chiare ginestre, / o creatura terrestre / che hai nome / Ermione.


Pittura ieratica, decadente, erotica, dove l’intreccio degli elementi crea una perfetta sincronia tra le arti, e la musica canta la poesia dei sensi:

Ascolta, Ascolta. L'accordo / delle aeree cicale / a poco a poco / più sordo / si fa sotto il pianto / che cresce; / ma un canto vi si mesce / più roco / che di laggiù sale, / dall'umida ombra remota.

Più sordo e più fioco / s'allenta, si spegne.

Sola una nota / ancor trema, si spegne, / risorge, trema, si spegne.

Non s'ode su tutta la fronda / crosciare / l'argentea pioggia / che monda, / il croscio che varia / secondo la fronda più folta, men folta.

Ascolta. / La figlia dell'aria / è muta: ma la figlia / del limo lontana, / la rana, / canta nell'ombra più fonda, / chi sa dove, chi sa dove! E piove su le tue ciglia, / Ermione. / Piove su le tue ciglia nere / sì che par tu pianga / ma di piacere; non bianca / ma quasi fatta virente, / par da scorza tu esca.

E tutta la vita è in noi fresca / aulente, / il cuor nel petto è come pesca / intatta, / tra le palpebre gli occhi / son come polle / tra l'erbe, / i denti negli alveoli / son come mandorle acerbe.

E nell’abbraccio reiterato, nella silente natura poetica, suoni e colori  smaltati e smaglianti diventano vita…

E andiam di fratta in fratta, / or congiunti or disciolti /  e il verde vigor rude ci allaccia i malleoli / c'intrica i ginocchi

chi sa dove, chi sa dove! E piove su i nostri volti / silvani, / piove su le nostre mani / ignude, / su i nostri vestimenti / leggeri, / su i freschi pensieri / che l'anima schiude / novella, / su la favola bella / che ieri / m'illuse, che oggi t'illude, / o Ermione.

L’abbraccio profondo e voluttuoso,  fotografato su un piano liscio e levigato, le figure incorporee, apparentemente statiche, riflettono nei gesti e nello sguardo il senso di un’intimità profonda, una commistione tra simboli maschili e femminili, figure geometriche che esprimono passione, amore, sensualità.

Tale è il verso dannunziano che col gioco della sinestesia rende vivi all’occhio e all’orecchio gli elementi della natura. Chiara è l’identità decadente della pittura e della poesia; decadente come rinnovamento di toni espressivi.

Languida sensualità e amore, è la donna di Klimt. Una donna dai tratti levigati, eterei eppure palpabili nell’incorporeità, nella stretta, dove il femminile simbolico e contraddistinto si mescola divinamente al maschile. L’arte di Klimt esprime attraverso linee, colori e simboli l’interiorità stessa dell’artista.

Odi? La pioggia cade / su la solitaria / verdura / con un crepitio che dura / e varia nell'aria secondo le fronde / più rade, men rade.

Ascolta. Risponde / al pianto il canto / delle cicale / che il pianto australe / non impaura, / né il ciel cinerino.

E il pino / ha un suono, e il mirto / altro suono, e il ginepro / altro ancora, strumenti / diversi / sotto innumerevoli dita.

E immensi / noi siam nello spirito / silvestre, / d'arborea vita viventi; / e il tuo volto ebro / è molle di pioggia / come una foglia, / e le tue chiome / auliscono come / le chiare ginestre, / o creatura terrestre / che hai nome / Ermione. (Gabriele D’annunzio, 1863-1938, “La pioggia nel pineto” - Alcyone)

 

Anna Lanzetta

 

Gustave Klimt (1862-1918)

Amore”, 1895, Vienna, Historisches Museum der Stadt Wien

Il bacio”, 1907-1908, Vienna, Osterreichische Galerie Belvedere, Schloss Belvedere

Il Compimento”, (particolare del fregio per Palazzo Stoclet), 1905-1909, Vienna, Osterreichisches Museum für angewandte Kunst

Fregio di Beethoven”, (particolare), 1902, Vienna, Secession


Articoli correlati

  Dalla lettura alla scrittura: Il morso eterno di Dracula
  I poemi di Ossian: Daura e Arindal
  Anna Lanzetta: Pittura di Storia. Prima parte: Contesto storico-culturale
  Romeo e Giulietta. Dalla lettura alla ri-scrittura degli studenti
  Anna Lanzetta: Pittura di Storia con Hayez romantico
  Rigoletto: Storia tragica di un buffone di corte.
  Giovanni Pascoli, Edvard Munch e la tragedia umana. A cura di Anna Lanzetta
  “Il Bacio” di Francesco Hayez. Risposta a Gloria Marini da parte di Anna Lanzetta
  Il fantastico mondo del re degli Elfi
  Il Fantastico in musica. Anna Lanzetta e gli studenti dell'ITIS "A. Meucci" di Firenze
  Il Fantastico. L’esempio del “Codice antico” con Kandinskij
  Il Fantastico nell’epica classica 2
  Domanda ad Anna Lanzetta sul dipinto di Fattori: "Il campo italiano dopo la battaglia di Magenta"
  “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 2.
  Il Fantastico nell’epica classica 1
  Il Signore degli anelli, Harry Potter, Il cavaliere inesistente, La tempesta...
  “Romanzo storico e pittura di storia”. “Massimo D’Azeglio e Ippolito Nievo”. Arte per gli istituti tecnici 4
  Anna Lanzetta: “Romanzo storico e pittura di storia”. Arte per gli istituti tecnici 3
  Romanzo storico e pittura di storia (5). Visita alla Galleria d’Arte Moderna Firenze
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy