Giovedì , 07 Luglio 2022
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. Guernica
22 Marzo 2022
 

C’è un dipinto famoso, raffigurante la scena drammatica della strage, dello strazio di tante persone uccise contemporaneamente dalle bombe. Il dipinto, buttato di getto, è dovuto ad un grande pittore, Pablo Picasso. La scena sommariamente descritta rappresenta l’effetto tragico del bombardamento di Guernica, cittadina spagnola. Ricordiamo il fatto. Siamo nel 1937. Le elezioni nazionali hanno visto trionfare il Fronte popolare, costituito da socialisti, comunisti ed altre forze di sinistra, che conseguono la maggioranza assoluta dei seggi in Parlamento ed abbattono la monarchia. È alle porte una politica di riforme sociali che vadano incontro alle esigenze degli ultimi, dei poveri, dei diseredati, dei lavoratori. Tutto ciò è inaccettabili ai ricchi, ai nobili, ai benestanti. Tanto più in un’Europa dove ci sono forze nazionaliste, fasciste, naziste al potere.

Il pericolo di una “rivoluzione socialista”, fa scattare la controrivoluzione reazionaria. La guida il generalissimo Francisco Franco che può contare anche su parte delle forze armate. In tutta la Spagna si assiste ad una dura lotta civile. Le sorti appaiono incerte. Vi partecipano non solo gli spagnoli, ma anche volontari di altri Paesi europei. L’Italia fascista è presente con propri “volontari”, per lo più obbligati a partecipare. Ma vi sono anche effettivi volontari italiani che affiancano le sinistre, circa 3.500. Tra questi ci sono nomi noti, come quelli di Emilio Lussu, Randolfo Pacciardi, Pietro Nenni, che scriverà il libro Spagna pubblicato da Sugarco nel 1976 e di Carlo Rosselli, a cui verrà dedicato un altro libro, edito da Einaudi, sempre nel 1976, dal titolo esplicativo: Oggi in Spagna, domani in Italia. Carlo Rosselli, per una flebite, tornerà in Francia, dove troverà la morte assieme al fratello Nello, a Bagnoles-de-l’Orne, ad opera dei Cagoulardes, francesi di estrema destra, ricompensati generosamente dal regime fascista italiano.

Le sorti dello scontro sono ancora incerte. Hitler e Mussolini decidono d’intervenire più pesantemente, usando anche l’aviazione. Nel mese di aprile numerosi velivoli tedeschi ed italiani sorvolano Guernica, cittadina dove, in quel momento, ci sono solo civili, e scaricano, a più riprese, diverse tonnellate di bombe. È, forse, il primo bombardamento “a tappeto” della storia. L’effetto è devastante. Vengono barbaramente uccise migliaia di persone e ferite tante altre, tutte civili. La cittadina viene pressoché totalmente distrutta, restano soltanto le macerie.

Forse oggi avremmo dimenticato il truce episodio, se non ci apparisse sotto gli occhi quel raccapricciante dipinto di Pablo Picasso, fatto subito dopo, in tempo per essere presentato all’Esposizione internazionale di Parigi nel mese di luglio dello stesso 1937. Picasso ha così voluto immortalare il genocidio degli abitanti di Guernica, sfortunata cittadina basca.

 

Sergio Caivano


Articoli correlati

  Maria Paola Forlani. Les musiques de Picasso
  Alberto Figliolia. Picasso: Uno sguardo differente
  Impressionismo e avanguardie. Capolavori dal Philadelphia Museum of Art
  Picasso. Tra Cubismo e Classicismo 1915 – 1925
  Il fascino e il mito dell'Italia. Dal Cinquecento al Contemporaneo
  Maria Paola Forlani. Guernica, icona di pace
  Asmae Dachan. “Ma io non so disegnare…”
  Maria Paola Forlani: Picasso. Sulla spiaggia
  Alberto Figliolia. A Milano i capolavori dal Museo Nazionale Picasso di Parigi
  Alberto Figliolia. “Picasso Metamorfosi” a Milano, Palazzo Reale
  Maria Paola Forlani. Picasso e la modernità spagnola
  Gino Songini. Brevi note sulla pittura e sulla musica.
  Patrizia Garofalo. Un volto umano nell’orrore disperato di una guerra
  Sergio Caivano. Gaetano Arfé partigiano in Valtellina
  Giovanni Maria di Lieto. Per non dimenticare Stefania Venturini
  Gino Songini. A proposito della libertà di stampa
  I funerali di Petter e un documento da lui raccomandato
 
 
 
Commenti
Lascia un commentoLeggi i commenti [ 2 commenti ]
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy