Sabato , 24 Ottobre 2020
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Scuola > Laboratorio
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Sergio Caivano. Dongo la fine
24 Giugno 2020
 

Dongo la fine è il titolo dell’ultimo libro scritto da Sergio Caivano, in vendita presso le librerie e le edicole di Sondrio e provincia. Il noto architetto sondriese Pier Carlo Stefanelli, nella presentazione, ricorda la storia di un’amicizia con l’autore nata negli anni quaranta dello scorso secolo e proseguita poi con l’impegno politico, talvolta disgiunto, ma più spesso unito da ideali comuni, portati avanti a lungo nello stesso partito. Il libro ripercorre la storia del nostro Paese attraverso le vicende legate alla persona di Mussolini che precipita, dal 25 luglio ’43, nello squallore di tre prigioni, poi liberato dagli uomini di Hitler. Sempre abbagliato dal potere, crea la Repubblica di Salò, dopo che l’Italia, col suo legittimo Governo, ha dichiarato guerra alla Germania che l’ha invasa. Ed è proprio questa scelta che lo porta a misure repressive infami nei confronti dei militari, dei partigiani, dei civili e degli ebrei. Da un certo momento, si occuperà solo di se stesso, nella ricerca della salvezza. Ma i suoi disperati tentativi di fuga, dopo l’angoscioso girovagare dall’Arcivescovado di Milano alle rive del lago di Como, s’infrangono contro un gruppo di partigiani determinati. La sua storia si conclude miseramente, riconosciuto nonostante il travestimento da soldato tedesco, imprigionato giustiziato,esposto al ludibrio di una folle strabocchevole ed inferocita accorsa a Piazzale Loreto.

Il libro si sofferma in particolare sugli ultimi quattro giorni di vita del dittatore. Fatti che hanno cambiati la storia, e che hanno consentito all’Italia di passare da una feroce dittatura ad una democrazia, pur con un tributo di sangue e di dolore elevato. E proprio quando tutto il Paese festeggia ancora la Liberazione, a Dongo e sul Lario, che pur hanno messo fine all’oppressione fascista e nazista, le gioiose giornate di riconquista della libertà vengono offuscate da vicende non chiare che ammorbano l’aria e che l’autore affronta. Si tratta dell’oro di Dongo, del carteggio Mussolini-Churchill, della misteriosa morte di “Gianna” e “Neri”, valorosi partigiani. (Nota editoriale)


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.3%
NO
 24.7%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy