Lunedì , 18 Ottobre 2021
VIGNETTA della SETTIMANA
Esercente l'attività editoriale
Realizzazione ed housing
BLOG
MACROLIBRARSI.IT
RICERCA
SU TUTTO IL SITO
TellusFolio > Nave Terra > Oblò Madama [ARCHIVIO 06-12]
 
Share on Facebook Share on Twitter Share on Linkedin Delicious
Napoli. Ospedale del mare troppo vicino al Vesuvio? Nuova interrogazione
02 Luglio 2008
 

Riuscirà il Governo in carica, visto che il precedente non vi è riuscito, a spiegare ai cittadini napoletani e italiani perché il nuovo Ospedale del Mare, di prossima inaugurazione (si parla del settembre 2009), fiore all'occhiello dell'architettura ospedaliera nazionale, uno dei più grandi in Italia con i suoi 450 posti letto, opera da 190 milioni di Euro, si è voluto per forza di cose costruirlo nella zona gialla di rischio eruzione che circonda il Vesuvio (a “pericolosità differita”, ma pur sempre pericolosa) , e, quel che è peggio, a 100 metri dal limite della zona rossa?

Riusciranno a far sapere alla popolazione a quali parametri si sia conformato il modus eligendi che ha portato alla nomina nel 2003 della Commissione Nazionale per l'aggiornamento del Piano d'emergenza dell'area vesuviana e dei Campi Flegrei, i «vulcanologi, fra i maggiori esperti del Vesuvio a livello internazionale, nominati con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 698 del 6 Marzo 2003», che con le loro consulenze hanno reso possibile la realizzazione di un'opera tanto importante e delicata in una zona oggettivamente e potenzialmente a rischio?

E ancora, come mai la scelta dell'ubicazione del nuovo Ospedale sia stata da subito fortemente criticata e decisamente sconsigliata da un gruppo di professori dell'Università Federico II di Napoli con acclarata esperienza in vulcanologia riconosciuta a livello nazionale e internazionale, che senza mezzi termini paventano uno scenario di grave tragedia in caso di una prossima eruzione del Vesuvio?

Nonostante le “rassicurazioni” (che suonano come conferma delle nostre preoccupazioni) espresse nella risposta dell'allora ministro Vannino Chiti a una mia analoga interrogazione depositata alla Camera la scorsa legislatura, la scelta dell'ubicazione del nuovo Ospedale del Mare di Napoli, costruito a soli 100 metri dal limite della zona rossa a rischio eruzione del Vesuvio, continua a sembrare a dir poco leggera, non sufficientemente ponderata. Perciò, insieme al sen. Marco Perduca, abbiamo provveduto a riformulare un'altra volta le medesime richieste, con una interrogazione parlamentare ai ministri del Lavoro, salute e politiche sociali, e dell'Interno, nella speranza di ricevere delle informazioni più accurate, e magari l'accessibilità da parte del pubblico ai documenti relativi alla consulenza della Commissione Nazionale per l'aggiornamento del Piano d'emergenza dell'area vesuviana e dei Campi Flegrei alla Protezione Civile.

 

Donatella Poretti

 

 

Qui il testo dell'interrogazione

Qui la risposta alla precedente interrogazione (A. C. 4-03882)

 


Articoli correlati

 
 
 
Commenti
Lascia un commentoNessun commento da leggere
 
Indietro      Home Page
STRUMENTI
Versione stampabile
Gli articoli più letti
Invia questo articolo
INTERVENTI dei LETTORI
Un'area interamente dedicata agli interventi dei lettori
SONDAGGIO
TURCHIA NELL'UNIONE EUROPEA?

 75.2%
NO
 24.8%

  vota
  presentazione
  altri sondaggi
RICERCA nel SITO



Agende e Calendari

Archeologia e Storia

Attualità e temi sociali

Bambini e adolescenti

Bioarchitettura

CD / Musica

Cospirazionismo e misteri

Cucina e alimentazione

Discipline orientali

Esoterismo

Fate, Gnomi, Elfi, Folletti

I nostri Amici Animali

Letture

Maestri spirituali

Massaggi e Trattamenti

Migliorare se stessi

Paranormale

Patologie & Malattie

PNL

Psicologia

Religione

Rimedi Naturali

Scienza

Sessualità

Spiritualità

UFO

Vacanze Alternative

TELLUSfolio - Supplemento telematico quotidiano di Tellus
Dir. responsabile Enea Sansi - Reg. Trib. Sondrio n. 208 del 21/12/1989 - ISSN 1124-1276 - R.O.C. N. 32755 LABOS Editrice
Sede legale: Via Fontana, 11 - 23017 MORBEGNO - Tel. +39 0342 610861 - C.F./P.IVA 01022920142 - REA SO-77208 privacy policy